bg header

Lamingtons, un dolce della cucina australiana

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Lamingtons

Lamingtons, un dolce australiano. Mio figlio che si è trasferito per lavoro a Sidney non si è ancora abituato del tutto alla cucina locale e cerca sempre di trovare quello che piu ricorda il cibo di casa. Nella sua ricerca non ha ancora trovato molto se non l’ottima carne alla griglia e questi dolcetti australiani di cui mi sono fatta dare la ricetta da provare e visto che il risultato è stato soddisfacente ve la propongo. In Australia preparano anche la Torta Lamington. Mi racconta che vengono spesso serviti a colazione con la Vegemite o Marmite che a lui proprio non piace e si chiede come fa a piacere cosi tanto agli austrialiani!

I lamingtons sono una torta di pan di spagna tagliata in rettangoli, ricoperti di glassa al cioccolato e spolverati di cocco. Il loro nome arriva da Lord Lamington che governò il Queensland dal 1895 al 1901. Sono molto diffusi ed, in particolare, sono venduti in feste ed avvenimenti di beneficienza, i Lamington Drive.

Per una migliore riuscita di questi dolci tipici australiani l’impasto va cotto il giorno prima e tenuto in frigo prima di essere diviso in quadratoni che verranno passati nella glassa e poi nella farina di cocco.

La storia dei lamingtons, dolci australiani

Come ho appena ricordato, il nome lamingtons deriva dal cognome del governatore del Queensland dal 1895 al 1901. La storia di questi dolci tipici della lontana Australia non finisce certo con questa notizia da enciclopedia! Per scoprirla dobbiamo sapere qualcosa di più su questo personaggio.

Lamingtons

Facciamo allora un piccolo viaggio indietro nel tempo nell’Australia di fine ‘800 ricordando che Lord Lamigton era noto per essere molto goloso e anche poco tenero con la servitù. Un giorno la cuoca di casa commise un errore, inaccettabile per il governatore. Cosa fece? Bruciacchiò la superficie della sponge cake, il suo dolce preferito.

Come evitare di subire la sua ira? Secondo la tradizione, la povera cuoca si ingegnò e, per nascondere la cosa, immerse il dolce nella glassa di cioccolato. Per evitare che il padrone si sporcasse le dita, passò poi tutti i pezzi nella farina di cocco.

Decisamente molto versatile, la farina di cocco si presta e a diverse preparazioni sia dolci che salate (soprattutto in ricette orientali); si adatta perfettamente alle esigenze della pasticceria secca che a quella dedicata ai dolci al cucchiaio o alle farciture. La farina di cocco è spesso impiegata come addensante, tanto che questo prodotto è anche chiamato “panna dei tropici”.

La polpa presente nella noce di cocco è ricchissima di proprietà nutritive che si ritrovano anche nella farina di cocco. Totalmente priva di glutine, fornisce un buon contenuto di proteine e un alto apporto di fibre. E’ fonte di sali minerali, in particolare ferro e potassio, e di alcune vitamine (E, K B C ) anche se in concentrazioni abbastanza esigue.

La farina di cocco è particolarmente povera di acqua e ricca di lipidi, da cui ne consegue un alto apporto di calorie ed è poco indicata per chi soffre di colesterolo. Gli acidi grassi contenuti in questo prodotto hanno, però, il vantaggio di essere a catena media, il che li rende facilmente e rapidamente assimilabili dall’organismo. Ricerche scientifiche hanno riportato la notizia che il latte materno dell’essere umano presenta simili proprietà.

La farina di cocco è una valida alternativa per chi, a causa di intolleranze o allergie, deve osservare una dieta senza glutine, cereali e lattosio. Essendo un alimento particolarmente nutriente è consigliato alle persone che devono aumentare il proprio peso. Dalla noce di cocco derivano, oltre alla farina, prodotti come l’olio di cocco e il latte di cocco.

Un dolce la cui paternità è reclamata in giro per il mondo

Ovviamente questa è una delle tante versioni della storia dei lamingtons! Questi dolci hanno talmente tanto successo che la loro paternità è reclamata in giro per il mondo. Gli scozzesi considerano infatti le tracce di cocco sulla superficie molto simili al vello delle pecore. Ne attribuiscono ‘l’invenzione’ a una cuoca della loro terra che li preparò per la prima volta proprio per un gruppo di tosatori nomadi.

A prescindere da queste note di colore, senza dubbio affascinanti, di certo c’è che sono deliziosi e semplici da preparare! Provare per credere!

Ricetta Lamingtons australiani

Ingredienti per 4 persone

  • 125 g burro chiarificato ammorbidito
  • 170 g zucchero
  • 1 cucchiaino vaniglia
  • 2 uova
  • 1 bustina lievito per dolci
  • 125 ml latte consentito
  • 300 g farina
  • 1 pizzico sale

per la glassa

  • 330 g zucchero a velo
  • 2 cucchiai cacao
  • 30 g burro chiarificato
  • 3/4 cucchiai latte bollente
  • 240 g farina di cocco

Preparazione

Per cominciare a preparare i lamingtons preriscaldare il forno a 180°C. Lavorare il burro con lo zucchero e la vaniglia fino ad ottenere una crema morbida e gonfia. Aggiungere le uova, una alla volta, lavorando bene dopo ogni aggiunta, quindi lentamente circa metà del latte. Amalgamare, poi aggiungere la farina ed il sale Quando anche questi ingredienti sono ben amalgamati aggiungere il resto del latte. Versare nella teglia e far cuocere per circa 40-45 minuti. Lasciare riposare il dolce per una decina di minuti, toglierlo dalla teglia e farlo raffreddare bene su una griglia.

Quando è completamente freddo metterlo in frigo fino al giorno dopo. Tagliarlo in quadrati di circa 4-5 cm di lato.
Setacciare lo zucchero al velo ed il cacao, unire al burro il latte bollente e versare sullo zucchero.  Lavorarlo finché diventa cremoso. Poggiare il recipiente su una pentola contenente acqua calda per evitare che la glassa si asciughi subito.

Aiutandosi con delle pinze e due forchette passare i quadrati nella glassa ricoprendo tutti e quattro i lati. Ripetere la stessa operazione con la farina di cocco e riporre ogni dolcetto pronto ad asciugarsi sulla griglia per dolci.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

5 commenti su “Lamingtons, un dolce della cucina australiana

  • Lun 28 Nov 2011 | lu ha detto:

    questi te li rubo davvero ^^ slurp

    • Mar 29 Nov 2011 | Tiziana ha detto:

      Ragazze vi ringrazio davvero per i vostri complimenti, ma questi dolcetti sono davvero favolosi….anche se ora mio figlio è tornato dall’Australia…pare definitivamente!!!!!!!!!!!!

  • Lun 28 Nov 2011 | italians do eat better ha detto:

    Che buoni, dovrò farli prima o poi!

  • Mar 29 Nov 2011 | I sognatori di Cucina e nuvole ha detto:

    Mi piacciono tanto e non mi sembrano difficili!
    Ale

    • Mar 29 Nov 2011 | Tiziana ha detto:

      Ale, sono davvero molto facili ed ottimi..

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

ghriba bahla

I ghriba bahla, deliziosi biscotti alle mandorle marocchini

Il modo migliore per gustare i ghriba bahla I ghriba bahla sono biscotti alle mandorle tendenzialmente morbidi e versatili. Sono ottimi da soli, ma anche in accompagnamento al caffè, cioccolata...

logo_print