bg header
logo_print

Te Pu Erh: il tè indiano dall’aroma inconfondibile

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Te Pu Erh
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Di cosa sa il tè Pu Erh?

Oggi parliamo del tè Pu Erh (o tè pu er), il più particolare che possiate mai sorseggiare. E’ una bevanda diversa da tutte le altre, persino dal tè nero, a cui di tanto in tanto viene accostato. D’altronde basta dare un’occhiata al prodotto grezzo (prima della preparazione della bevanda) per rendersene conto. Si presenta come una sorta di disco, o galletta, di consistenza compatta ma friabile. Il colore è marrone, mentre la superficie ricorda le asperità della terra.

La vera peculiarità del tè Pu Erh risiede nel processo di lavorazione, che prevede una lunga fase di fermentazione. Durante questa fase la materia prima assume un’importante carica microbica, che impatterà sul sapore finale. Molti evidenziano i richiami al tè nero, ma il tè Pu Erh spicca soprattutto per i suoi sentori erbosi, per l’aroma di sottobosco, per la morbidezza e per la sua delicatezza.

E’ bene specificarlo fin da subito, il tè Pu Erh è uno dei tè più costosi in assoluto. D’altronde per prepararlo è necessario infondere un sapere che ha più di 4000 anni di storia. Vi consiglio comunque di dargli una chance in quanto si tratta di una vera esperienza sensoriale, che coinvolge la vista, l’olfatto e ovviamente il gusto!

Ricetta te pu erh

Preparazione te pu erh

  • Prendete un pezzo di tè dal diametro di 4-5 cm (circa 5-7 grammi a persona).
  • Mettetelo in una teiera ed aggiunte l’acqua bollente.
  • Attendete qualche secondo e l’infusione è completata.
  • Gustate il tè caldo.

Ingredienti te pu erh

  • un pezzo di tè di circa 5-7 grammi (porzione per una persona)
  • acqua bollente per una teiera.

Un tè tra storia e tradizione

Il tè Pu Erh è un tè cinese tradizionale che vanta un solido background culturale. Viene prodotto nello Yunnan, una regione a sudovest della Cina, dove l’influsso dell’etnia “han” si fa più debole e si registrano fenomeni di confluenza culturale con il mondo persiano e più in generale dell’Asia centrale. Il nome stesso del tè deriva dalla prefettura di “Pu’er”, dove si narra che la bevanda sia stata prodotta per la prima volta 4000 anni or sono.

Il tè Pu Erh viene prodotto a partire da una varietà autoctona di Camellia Sinensis, che cresce nella Cina meridionale ma che è possibile trovare anche nelle zone di frontiera sud occidentali.

Il processo di lavorazione delle foglie è molto complesso, ma può essere riassunto con la deumidificazione, che annienta gli enzimi e impedisce le ossidazioni. Poi avviene l’essiccatura, la pressatura e la fermentazione. Il tè Pu Erh “funziona” come le bevande alcoliche: più è vecchio e più è buono. I prodotti, infatti, recano solo la data di produzione, un po’ come accade per i vini.

Il tè Pu Erh è buono crudo o cotto?

Un’altra peculiarità del tè Pu Erh è la diffusione di due varianti distinte: il crudo (noto ufficialmente come “sheng”) e il cotto, noto ufficialmente come “shu”.

Il tè Pu Erh crudo, o sheng che dir si voglia, è la versione originale che meglio rispetta la tradizione, quindi viene considerata la più pregiata. I procedimenti, se si escludono i materiali e gli strumenti utilizzati (es. il moderno wok) sono gli stessi di quattro millenni fa. Il prodotto rispecchia il tè Pu Erh ideale, quello con i sentori terrosi e di sottobosco, nonché capace di manifestare una straordinaria morbidezza organolettica.

Il tè Pur Erh cotto, o per meglio dire “shu”, è un prodotto più recente nato per ottenere i benefici dei processi di fermentazione senza dover aspettare anni. In realtà il termine cotto è improprio, in quanto bisognerebbe utilizzare l’espressione “stagionato”. Infatti, il tè si ottiene mediante una riduzione ulteriore dell’umidità e un’asciugatura piuttosto rapida. Non a caso si presenta con una consistenza più dura e con un colore decisamente più scuro.

Te Pu Erh

Le proprietà di questo ottimo tè

Il tè Pu Erh non è solo un tè squisito e un’esperienza sensoriale di prim’ordine. E’ anche una bevanda salutare con eccellenti benefici per l’organismo, che viene molto usata nella medicina tradizionale cinese. Il tè Pu Erh fa bene alla digestione, genera un effetto rilassante per l’intestino e allo stesso tempo favorisce l’assorbimento dei nutrienti. Contribuisce poi a ridurre i trigliceridi nel sangue e a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo.

La caratteristica più evidente, tuttavia, è la funzione drenante, che non ha eguali in natura. Il tè Pu Erh depura, aiuta a risolvere la ritenzione idrica e restituisce un senso di benessere. Inoltre, è ricco di antiossidanti che aiutano a prevenire il cancro, rallentano l’invecchiamento cellulare e neutralizzano i radicali liberi.

Stando alla cultura orientale, infine, il tè Pu Erh donerebbe energia positiva, generando una connessione tra chi lo beve e le forze della natura.

Come preparare il tè Pu Erh

Nella stragrande maggioranza dei casi il tè Pu Erh viene venduto in dischi o gallette. Tuttavia, lo si può trovare anche sotto forma di mattonella e più raramente in forma globulare o concava (a mo’ di ciotola). La consistenza è densa ma abbastanza morbida nella forma cruda, mentre è molto dura nella forma cotta. In ogni caso, il tè Pu Erh è sufficientemente friabile.

I formati sono variabili, quindi se ne trovano di 100 grammi o di 4 kg. Non di rado la superficie è decorata con motivi e scritte, che possono recare – a mo’ di firma – riferimenti al produttore o al luogo di produzione.

Una volta tolta la galletta (o mattonella) dalla confezione, si procede con la scalfitura della stessa. Lo scopo è quello di ricavare un “pezzetto” dal diametro di 4-5 cm e circa 5-7 grammi a persona, da porre in una teiera da tè. Poi si aggiunge l’acqua bollente, si attende qualche secondo e il gioco è fatto. L’infusione è rapida, quindi il tè è già pronto per essere bevuto.

Il tè delle 5

Il “tè delle 5” è una tradizione britannica nota come “afternoon tea” o “high tea”. Questa tradizione ha origini storiche e culturali nel Regno Unito ed è diventata molto popolare nel corso dei secoli.

L’afternoon tea è un pasto leggero consumato tradizionalmente nel tardo pomeriggio, di solito tra le 15:00 e le 17:00. Questo pasto comprende il tipico tè (spesso del tè nero come l’Earl Grey o il Darjeeling o se siete fortunati il tè Pu Erh), accompagnato da una varietà di piccoli sandwich, scones con panna e marmellata, torte, pasticcini e biscotti. La presentazione è importante, e spesso il cibo viene servito su un’elegante tavola imbandita con tovaglie, porcellane da tè e posate d’argento.

L’afternoon tea è una tradizione sociale e un modo per trascorrere del tempo con gli amici o la famiglia in un ambiente rilassato e conviviale. È spesso associato a un’elegante esperienza culinaria e viene offerta in molti hotel, ristoranti e caffetterie nel Regno Unito e in altre parti del mondo.

Inoltre, è importante notare che il tè pomeridiano può variare in termini di dettagli e composizione a seconda della regione e delle preferenze personali. Alcuni luoghi offrono versioni più formali, mentre altri possono offrire un’interpretazione più moderna o creativa di questa tradizione.

FAQ sul tè Pu Erh

Cos’è il tè Pu Erh?

Il tè Pu Erh è un tè originario dell’omonima prefettura situata nella regione dello Yunnan, nel sudovest della Cina. Si caratterizza per il sapore erboso, terroso e per le note di sottobosco. E’ estremamente aromatico ma conserva una morbidezza intrinseca. Tutto ciò è dovuto al processo di invecchiamento e di fermentazione, che lo contraddistingue dagli altri tè.

Come si prepara il tè Pu Erh?

Il tè Pu Erh viene ricavato dalle foglie di una varietà autoctona di Camellia Sinensis, che vengono asciugate, pressate e messe a fermentare. La variante “cotta” viene fermentata di meno o per nulla, ma in compenso subisce una sorta di stagionatura. In ogni caso, per preparare il tè Pu Erh, è sufficiente staccarne un pezzetto e lasciarlo per qualche istante in infusione nell’acqua bollente.

Dove comprare questo tè?

Il tè Pu Erh può essere acquistato online, o negli e-commerce specializzati in prodotti esotici. In alternativa si trova anche nei negozi fisici, specializzati in bevande e prodotti asiatici.

Ricette di tè ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail leggero con azzeruoli

Cocktail leggero con azzeruoli per un aperitivo rinfrescante

Un focus sugli azzeruoli Gli azzeruoli sono frutti molto particolari e sono ideali per un cocktail leggero come questo. Un tempo erano molto consumati, poi caddero nell’oblio durante l’età...

bevanda al tamarindo

Una bevanda al tamarindo per rinfrescarsi con gusto

Come dolcificare la bevanda al tamarindo La bevanda al tamarindo è buona così com’è, soprattutto per chi ama i sapori intensi, aromatici e vagamente astringenti. Tuttavia, potete anche...

Frappe al gianduia

Frappè al gianduia, una versione che sa di...

Come fare un frappè perfetto? Ecco qualche trucchetto Preparare il frappè al gianduia è semplicissimo, basta versare tutti gli ingredienti nel frullatore e frullare fino a quando non si ottiene...