bg header
logo_print

Confettura di albicocche e noci, una deliziosa variante

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Confettura di albicocche e noci
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Confettura di albicocche e noci, un abbinamento che non ti aspetti

La confettura di albicocche e noci è un’idea semplice e di grande impatto. E’ frutto di un abbinamento insolito che si vede raramente, sebbene funziona in modo perfetto. La dolcezza un po’ acidula delle albicocche si sposa alla perfezione con le note corpose e aromatiche delle noci. Tra l’altro, queste ultime sono responsabili anche di una texture interessante, che spezza la morbidezza con un elemento croccante. La confettura di albicocche e noci, nonostante le sue peculiarità, si utilizza come qualsiasi altra confettura. Può essere impiegata come “topping” da merenda o a colazione, magari in abbinamento al burro su una bella fetta di pane abbrustolito. Può partecipare anche alle ricette dolciarie, magari per farcire crostate e torte.

Il sapore della confettura di albicocche e noci è composito, vista la presenza di alcuni aromi. L’albicocca è un frutto apprezzato per la sua dolcezza spezzata da una nota acidula, inoltre è una miniera di vitamine e sali minerali. Questo tipo di frutta contiene anche il betacarotene, un antiossidante che favorisce l’assorbimento della preziosa vitamina A.

Ricetta confettura di albicocche e noci

Preparazione confettura di albicocche e noci

Per preparare la confettura di albicocche e noci procedete in questo modo. Lavate le albicocche e rimuovete i noccioli. Poi versatele in una pentola molto grande insieme alla vaniglia e al succo di limone. Intanto schiacciate le bacche di cardamomo e ponetele in una capsula per l’infusione prima di aggiungerle alle albicocche.

Ora accendete il fornello a fiamma bassa e cuocete le albicocche per 20 minuti circa, o fino a quando non inizieranno a sfaldarsi. Poi togliete le bacche, frullate le albicocche e incorporate lo zucchero, mescolando per favorire una piena amalgama. Infine accendete di nuovo il fuoco, portate il tutto a bollore e cuocete ancora per 20 minuti a fiamma bassa.

La confettura sembrerà liquida, ma una volta fredda acquisirà la giusta densità. A questo punto unite le noci tritate e mescolate per bene. Verificate la cottura con la prova del piattino: versate un cucchiaino di confettura in un piattino e inclinatelo, se la confettura scende lentamente allora è pronta. Poi versate la confettura calda nei barattoli sterilizzati, lasciando un centimetro libero.

Sigillate con i tappi ben sterilizzati e capovolgete i barattoli, facendoli raffreddare in questa posizionare. Lo scopo di queste procedura è di creare il sottovuoto. Per verificare la formazione del sottovuoto premete il centro del tappo, se non fa “click clack” avete eseguito la procedura nel modo corretto. Conservate i barattoli in un luogo fresco. La confettura dura circa un anno.

Ingredienti confettura di albicocche e noci

  • 800 gr. di albicocche mature
  • 400 g di zucchero di canna fine
  • 150 gr. di noci
  • succo di 1 limone
  • un cucchiaino di vaniglia
  • qualche bacca di cardamomo.

Un focus sulle noci

Vale la pena parlare anche delle noci, che rappresentano il secondo ingrediente di questa confetture di albicocche. Le noci figurano tra i tipi di frutta secca più amata è più consumata. Le noci sono considerate troppo grasse e quindi “pericolose” per la linea. E’ vero, le noci contengono molti grassi, ma si tratta di grassi benefici per il cuore (acidi grassi omega tre). Ad ogni modo, l’apporto calorico supera di poco le 600 kcal per 100 grammi. Le noci spiccano anche per la presenza della vitamina E, che funge da antiossidante. Non mancano poi i sali minerali, come il fosforo e il magnesio. Il fosforo agisce sulle facoltà cognitive, mentre il magnesio sul metabolismo energetico.

Alla luce di ciò, e considerando anche l’apporto calorico, è consigliato un consumo moderato di noci. In occasione di questa ricetta le noci vanno tritate e incorporate alla confettura già cotta. In questo modo fungono quasi da condimento, pur impattando sul gusto e sulla texture.

Quali aromi usare per la confettura di albicocche e noci?

Uno dei punti di forza di questa confettura di albicocche e noci è dato dall’abbondanza di sapori. Ciò è dovuto ai due ingredienti principali e alla presenza di alcuni aromi. Tra gli ingredienti troviamo infatti la vaniglia, che ha un potere aromatico importante ed esercita una lieve funzione dolcificante. Poi viene aggiunto il succo di limone, che funge da addensante e contribuisce a smorzare i sentori dolci. Infine troviamo il cardamomo, che aromatizza senza compromette gli altri sapori. P.s. non chiamatela marmellata di albicocche!

Confettura di albicocche e noci

Per quanto concerne lo zucchero bianco o quello bruno, a seconda che vogliate aggiungere o meno un sentore caramellato. La presenza di tutti questi aromi è anche garanzia di salubrità. Il succo di limone, il cardamomo e persino la vaniglia aggiungono spessore nutrizionale alla preparazione. Il riferimento non è solo alle vitamine e ai sali minerali, ma anche e soprattutto agli antiossidanti.

Come preparare i vasetti e i tappi?

Per preparare una confettura di albicocche e noci che si rispetti è necessario che sia sicura e che duri nel tempo, proprio per questo è essenziale la sterilizzazione dei vasetti e dei tappi. Se non si procede in maniera meticolosa si favorisce la proliferazione batterica e la confettura durerà al massimo qualche giorno. Inoltre, si può andare incontro a problemi intestinali.

Ad ogni modo, come sterilizzare i vasetti e i tappi? Il metodo più diffuso prevede la “bollitura”. Basta porre i vasetti e i tappi in una pentola alta, piena di acqua bollente. Dopo una mezz’oretta, a fiamma moderata, la sterilizzazione è completata. Vi consiglio di separare i vasetti con degli stracci in fase di bollitura per evitare il contatto con il vetro e l’eventuale rottura. Esistono altri metodi per sterilizzare, come la “cottura” al forno elettrico o al microonde. Tuttavia in questo caso occorre scegliere con cura i tempi, e se si sbaglia anche solo di qualche secondo si rischia di danneggiare i vasetti.

Ricette di confetture ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Confettura di pesche senza zucchero

Confettura di pesche senza zucchero, buona e fatta...

I tanti usi della confettura di pesche senza zucchero La confettura di pesche senza zucchero può essere utilizzata come qualsiasi altra confettura. Può essere spalmata sulle fette biscottate, sui...

Fagiolini sott’olio

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Come utilizzare i fagiolini sott'olio I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia...

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...