bg header
logo_print

Agnolotti al forno, una variante sfiziosa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Agnolotti al forno
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Ricette di Natale
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Agnolotti al forno, un primo per le occasioni speciali

Gli agnolotti al forno sono un primo piatto molto corposo, che unisce la delicatezza degli agnolotti piemontese con l’abbondanza delle classiche lasagne alla bolognese. In effetti il procedimento ricorda da vicino quello della lasagna. Anche in questo caso, infatti, troviamo il fondo di besciamella, come pure la gratinatura con il Parmigiano Reggiano. Inoltre, troviamo vari strati intervallati da formaggi e insaccati. L’unica vera differenza risiede nella pasta, infatti gli agnolotti sostituiscono le lasagne. Il risultato è unico, e in grado di farsi apprezzare da tutti i palati. Viste le qualità di questa ricetta, consiglio di prepararla soprattutto per le occasioni speciali, come il pranzo di Natale o di Capodanno.

Fate attenzione anche al servizio, in modo da ottimizzare l’effetto. In queste occasioni io opto sempre per i piatti e le posate Brandani in quanto esprimono creatività ed eleganza, e ricreano l’atmosfera natalizia. La ricetta è a prova di intolleranze alimentari? In realtà, no. Gli agnolotti sono in genere realizzati con la farina classica, che contiene il glutine, mentre la besciamella contiene notoriamente il latte. Tuttavia, nessuno vi vieta di applicare alcune modifiche agli ingredienti, in modo da renderli compatibili con la celiachia e l’intolleranza al lattosio. D’altronde, in commercio vi sono ottimi agnolotti gluten-free, come anche il latte delattosato. L’impatto in termini di gusto è impercettibile, dunque tutti possono gustare al meglio la versione “anti intolleranze”.

Ricetta agnolotti al forno

Preparazione agnolotti al forno

Per preparare gli agnolotti al forno la prima cosa che dovete fare è scaldare il forno a 200 gradi. Successivamente, preparate la besciamella. Poi occupatevi del condimento, tagliando il prosciutto e la fontina a cubetti. Ora cuocete gli agnolotti, scolateli al dente e arricchiteli con il burro, un pizzico di sale e di pepe. Distribuite sul fondo di una pirofila un generoso strato di besciamella, adagiate un po’ di agnolotti, applicate uno strato di prosciutto e di fontina.

Poi aggiungete altra besciamella, e un altro strato di fontina e prosciutto. Proseguite così fino ad esaurire gli ingredienti. Mi raccomando, l’ultimo strato deve essere formato dalla besciamella, che arricchirete con un’abbondante sventagliata di Parmigiano Reggiano grattugiato. Cuocete al forno per 8 minuti in modalità grill, in modo da ottenere una bella gratinatura. Consumate i vostri agnolotti al forno quando sono ancora caldi.

Ingredienti agnolotti al forno

  • 500 gr. di agnolotti consentiti
  • 150 gr. di fontina
  • 2 fette di prosciutto cotto da 40 gr. cadauna
  • 200 ml. di besciamella consentita
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • 80 gr. di Parmigiano Reggiano
  • q. b. di sale e di pepe

Tutto il gusto della fontina

Lo strato del condimento degli agnolotti al forno non è certo leggero, ma nemmeno troppo pesante. E’ sufficientemente ricco e facile da preparare, infatti è formato dalla fontina e dal prosciutto cotto. La fontina è uno dei formaggi più sottovalutati dal punto di vista nutrizionale, eppure può regalare molte soddisfazioni anche in questo senso. Il motivo risiede nell’abbondanza di proteine, che si avvicina a quella dei formaggi più stagionati. Stesso discorso per il calcio, che impatta positivamente sulla salute delle ossa e aiuta a prevenire malattie all’apparato scheletrico, soprattutto negli anziani. Sono tutt’altro che trascurabili le quantità di vitamina D, una sostanza fondamentale per il sistema immunitario e per le difese dell’organismo.

Agnolotti al forno

In quanto ad apporto calorico, poi, la fontina non impensierisce più di tanto: un etto apporta 370 kcal, che è molto meno di quanto non faccia il Parmigiano Reggiano o il Grana Padano. Per quanto concerne il prosciutto cotto, poi, consiglio di utilizzare quello senza grasso, in quanto diventa quasi un alimento dietetico, che apporta poche calorie e molte proteine. Ottima è anche la presenza di sali minerali e la relativa scarsità dei pericolosi nitriti e nitrati. Il prosciutto cotto interagisce efficacemente con la fontina, alternando il suo sapore dolce con quello leggermente acidulo della fontina. Un buon mix, soprattutto se si considera la corposità del ripieno degli agnolotti e la morbidezza della besciamella. Fate attenzione alle dosi, in quanto vi è sempre il rischio di sbilanciare la ricetta. Per un’intera pirofila, andrebbero utilizzate solo due fette di prosciutto da 40 grammi ciascuna.

Come preparare una besciamella perfetta?

Non esiste lasagna senza besciamella, e ciò vale anche per gli agnolotti al forno, che altro non sono che una lasagna “particolare”, realizzata con la pasta ripiena. La besciamella è una preparazione base, che interviene in molte ricette. C’è chi preferisce acquistarla al supermercato, scegliendo prodotti di qualità, io però vi consiglio di prepararla in casa in modo semplice e genuino. La ricetta della besciamella è quasi banale, ma dà comunque adito ad alcune varianti, che danno spazio all’improvvisazione. Qui sul sito ho trattato spesso la besciamella, proponendo ricette anche diverse dall’originale, ma di grande impatto. In particolare, sono affezionata alla besciamella senza glutine, che mi ha permesso di non rinunciare a questa preziosa preparazione.

Al posto della normale farina doppio zero, questa versione fa ampio uso della farina di riso, che aggiunge delicatezza. Si potrebbe obiettare che la farina di riso tolga corposità alla besciamella, e in un certo senso è vero. Tuttavia, la ricetta recupera “sostanza” grazie alla ricotta, che rappresenta una gradita aggiunta. Per inciso, sia la ricotta che il latte possono essere delattosati, in modo da risultare compatibili non solo con celiaci, ma anche con gli intolleranti al lattosio. Se lo gradite, poi, potete aggiungere un po’ di noce moscata, che non fa mai male e aromatizza la besciamella.

Ricette di paste al forno ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...