bg header
logo_print

Acqua aromatizzata al fiordaliso, una bevanda elegante

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Acqua aromatizzata al fiordaliso
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 05 min
cottura
Cottura: 00 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

L’acqua aromatizzata al fiordaliso è una bevanda che può essere impiegata sia per i momenti di relax, magari in sostituzione delle tisane, sia per gli aperitivi. E’ infatti buona, leggera, elegante  e facile da preparare. Gli ingredienti sono facili da reperire, se si esclude il fiordaliso, che è comunque uno dei fiori più utilizzati in cucina. L’unico elemento di difficoltà riguarda il dispositivo che permette alla bevanda di spiccare in mezzo alle altre acque aromatizzate, ossia il twist ‘n sparkle. Si tratta di una specie di gasatore ad anidride carbonica, che permette di rendere frizzanti tutte le bevande, dall’acqua naturale ai succhi, finanche a certi tipi di alcolici.

Ricetta acqua aromatizzata al fiordaliso

Preparazione acqua aromatizzata al fiordaliso

Per preparare l’acqua aromatizzata al fiordaliso iniziate dai ribes. Lavateli, asciugateli e mettete da parte i chicchi.

Versate nel twist’n sparkle un litro di acqua naturale, i fiori di fiordaliso essiccati, lo sciroppo e l’anice stellato. Azionate il dispositivo e versate l’acqua aromatizzata nei bicchieri.

A questo punto guarnite con i ribes rossi e servite l’acqua aromatizzata. Mi raccomando non inserite i ribes mentre il dispositivo è in funzione in quanto rischiate di romperli.

Ingredienti acqua aromatizzata al fiordaliso

  • 1 lt. di acqua naturale
  • 100 gr. di fiori di fiordaliso essiccati
  • 30 cl. di sciroppo di anice
  • 4-5 foglie di anice stellato
  • 40 gr. di ribes rossi.

Acqua aromatizzata al fiordaliso, quando bere diventa un’esperienza unica

Non è esattamente l’utensile più diffuso nelle cucine degli italiani, ma può essere acquistato con facilità sia nei negozi fisici che online, a prezzi abbastanza ragionevoli. Per quanto appaia come un oggetto del mistero, proprio perché non sono in tanti a possederlo, non è difficile da utilizzare. In realtà basta caricarlo con il gas e inserire gli ingredienti nell’apposito contenitore, poi azionatelo e il gioco è fatto. Il protagonista di questa acqua aromatizzata è ovviamente il fiordaliso, un fiore molto mangereccio nonostante il senso comune. A un profumo delicato e gradevole corrisponde un sapore appena accennato, in grado di valorizzare le preparazioni. A suo modo il fiordaliso fa anche bene alla salute, visto che è ricco di oli essenziali, utili anche in cosmetica e nella medicina naturale.

Il contributo dell’anice stellato

L’acqua aromatizzata al fiordaliso propone sentori diversi dal solito. Il merito va anche all’anice stellato. Il suo sapore dolciastro e allo stesso tempo fortemente aromatico valorizza quello del fiordaliso, che è più lineare e delicato. Il risultato è una bevanda complessa come gusto, ma che si fa apprezzare da tutti. Tra l’altro l’anice stellato vanta un profilo nutrizionale eccellente, degno delle migliori spezie. Infatti apporta un buon quantitativo di vitamine e sali minerali, inoltre si segnala la presenza del linalolo, che esercita proprietà antiossidanti. Questa sostanza favorisce il buon funzionamento di alcuni organi e aiuta a prevenire il cancro.

Acqua aromatizzata al fiordaliso

Per il resto l’anice stellato è un buon carminativo, dunque aiuta a risolvere problemi gastrointestinali, come la flatulenza e la cattiva digestione. Si segnala, infine, la presenza di sostanze in grado di rafforzare il sistema immunitario. Alla luce di tutto ciò, non è un caso che l’anice stellato sia ben considerato anche dalla medicina naturale.

Le proprietà dei ribes rossi

Anche i ribes rossi giocano un ruolo nella ricetta dell’acqua aromatizzata al fiordaliso. In primo luogo dal punto di vista visivo grazie al colore rosso acceso, che rende la bevanda più vivace. Ovviamente incidono anche sul sapore con le loro note acidule, che valorizzano la delicatezza del fiordaliso e il sapore deciso dell’anice. Il ribes rosso è un frutto di bosco che eccelle anche dal punto di vista nutrizionale, pur vantando un profilo simile a quello degli altri frutti rossi, come fragole e lamponi.

L’apporto calorico è inferiore a quanto si possa immaginare, pari a 28 kcal per 100 grammi (meno della mela e della pera). Inoltre, i ribes sono ricchi di vitamine e sali minerali come pochi altri frutti. Si contano buone quantità di vitamina C (ottima per il sistema immunitario), vitamina A, potassio, calcio, fosforo e ferro. Contengono infine acidi che favoriscono la digestione, nonché sostanze, responsabili del colore, capaci di agire in funzione preventiva sul cancro. In occasione di questa ricetta, i ribes intervengono solo dopo che la miscela si è formata. Il rischio, se si procede altrimenti, è che i grani si rompano, compromettendo la texture della bevanda.

Come preparare lo sciroppo di anice?

La lista degli ingredienti dell’acqua aromatizzata al fiordaliso comprende anche lo sciroppo di anice. Lo sciroppo apporta il sapore dell’anice alla bevanda in un modo equilibrato e senza coprire gli altri ingredienti. Ad ogni modo le dosi sono state scelte con cura, in modo che la bevanda sia un perfetto mix di colore e sapore. Per quanto concerne lo sciroppo d’anice potete acquistarlo al supermercato, basta optare per prodotti di qualità in quanto più buoni e ricchi aroma.

Tuttavia, potete prepararlo anche da soli, in questo modo ne trarrete una certa soddisfazione e potrete esercitare un controllo sulle dosi e sui sentori. La ricetta dello sciroppo d’anice è semplice: basta sciogliere una tazza di zucchero dentro una tazza di acqua, portare ad ebollizione e integrare un cucchiaio di anice. Si prosegue poi la cottura a fiamma bassa fino al completo addensamento. Se intendete donare allo sciroppo un sapore leggermente caramellato, utilizzate lo zucchero bruno di canna. Allo stesso tempo potete modificare leggermente la proporzione tra anice e zucchero in base al grado di intensità da voi ricercato. Scaricate gratuitamente l’ebook con acque aromatizzate di ogni tipo!

Ricette con acque aromatizzate ne abbiamo? Cero che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Bloody mary analcolico pomodoro e fragole

Bloody Mary analcolico, buono come l’originale ma leggero

Guarnizione ed origini del Bloody Mary La guarnizione del Bloody Mary analcolico è affidata a uno spiedino di frutta e verdura, una scelta che punta alla freschezza, soprattutto se si considera che...

Purple Cosmopolitan

Purple Cosmopolitan, la ricetta fruttata del famoso cocktail

Come preparare il liquore alle violette L’elemento che più caratterizza il Purple Cosmopolitan, almeno rispetto al Cosmopolitan propriamente detto, è il liquore di violette. E’ un liquore...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...