bg header

Crostata con crema al tè matcha, un’alternativa interessante

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Crostata con crema al te matcha

Crostata con crema pasticcera al tè matcha, una delizia per stupire

Oggi vi presento la crostata con crema al tè matcha, una crostata fuori dal comune per almeno tre motivi. In primo luogo è realizzata con farine alternative e senza glutine, quindi può essere consumata anche dai celiaci e da chi soffre di intolleranze alimentari. In secondo luogo la farcitura è data non da una crema pasticcera “normale”, ma da una crema aromatizzata al tè matcha. Tra le creme per crostate è sicuramente tra le più originali. La ricetta della crema al tè matcha è abbastanza semplice, ne ho già parlato su Nonnapaperina.it. Il terzo motivo per cui questa crostata può essere definita speciale risiede nella guarnizione, realizzata con i mirtilli e con la menta, una combinazione che impatta molto bene sia sul gusto che sul colore. E’ inutile girarci attorno, l’elemento più suggestivo di questa crostata è la crema pasticcera al matcha.

Vi rimando alla ricetta che ho pubblicato qui sul sito, ma vale comunque la pena anticipare qualcosa. La preparazione non differisce da quella tradizione, infatti il tè matcha – in polvere – va aggiunto sostanzialmente alla fine. Il matcha è un tipo di tè originario del Giappone, è considerato uno dei tè più salutari in assoluto, infatti molti lo associano alla particolare longevità dei giapponesi. Il motivo di ciò risiede nell’abbondanza e nella varietà di sostanze antiossidanti, che fanno bene anche al cuore e alla circolazione. Il matcha è un toccasana per l’apparato digerente, soprattutto in caso di acidità, nausea e altri problemi gastrointestinali. Una delle qualità più evidenti del matcha risiede nel colore. Si contraddistingue, infatti, per un verde brillante, che si riflette anche sulla crema pasticcera. La crostata, dunque, è “suggestiva” anche sul piano estetico.

Le farine alternative di questa crostata

Una delle peculiarità della crostata con crema al tè matcha e mirtilli è l’impasto. Sia chiaro, il procedimento per preparare la frolla è lo stesso di sempre, ma a cambiare sono gli ingredienti. Infatti, l’impasto è realizzato con la farina di sorgo e quella di grano saraceno. Questo tipo di farine condividono alcuni pregi, infatti sono completamente gluten-free. Inoltre presentano un sapore rustico, che dona un tocco in più alla frolla. Infine, le farine sono ricche anche sul piano nutrizionale. La differenza principale, rispetto alle farine tradizionali, risiede nella quantità di fibre, che risulta molto più elevata. Per inciso, le fibre aiutano a digerire e a bilanciare la flora intestinale.

La farina di sorgo spicca per il basso indice glicemico. Ciò significa che fa aumentare “gli zuccheri” nel sangue più lentamente. Una buona notizia per chi vuole dimagrire e soprattutto per i diabetici. La farina di sorgo è ricca di sali minerali, e in particolare di magnesio, che può essere considerato una sorta di ricostituente. La farina di grano saraceno spicca invece per l’apporto di  proteine, che è di gran lunga superiore a quello delle farine “normali”. L’oligoelemento più presente, invece, è il potassio (quasi mezzo grammo ogni cento). Per inciso, il potassio supporta l’organismo in molti processi, ad esempio regolarizza la circolazione del sangue. Per quanto concerne l’apporto calorico, i valori non sono così diversi rispetto alle farine tradizionali.

Crostata con crema al te matcha

Il tocco finale per un dolce unico

La guarnizione della crostata con crema al tè matcha è data dalla menta e dai mirtilli. Questi ultimi sono i frutti di bosco per eccellenza, in quanto si pongono tra il dolce e l’acidulo, inoltre spiccano per il colore blu-viola e non sono affatto calorici. Sul piano nutrizionale si fanno apprezzare per l’apporto di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario e agisce anche in funzione antiossidante. Stesso discorso per il potassio, che come abbiamo visto fa bene alla salute.

In occasione di questa ricetta, i mirtilli vanno aggiunti alla fine, ossia al momento della decorazione. Potete distribuirli come meglio credete, ma vi consiglio di comporre una sorta di corona, o di raggiera, così come vedete in foto. In tal modo potete “creare” una parte centrale, da guarnire con la menta. Il contrasto tra il verde pallido della crema, il verde brillante della menta e il blu violaceo dei mirtilli fa decisamente la sua bella figura.

Ricetta crostata con crema pasticcera al tè matcha:

Ingredienti per 6 persone:

Per la frolla:

  • 200 gr. di farina di sorgo,
  • 100 gr. di farina di grano saraceno,
  • 50 gr. di amido di riso,
  • 120 gr. di zucchero di cocco,
  • 60 ml. di olio di riso,
  • 40 ml. olio di cocco,
  • 100 ml. di acqua,
  • 1 bustina di lievito,
  • 3 gr. di guar,
  • q. b. di essenza di limone.

Per la farcitura e la finiture:

Preparazione:

Per preparare la crostata con crema al tè matcha e mirtilli iniziate dalle farine. Setacciate la farina di sorgo e di grano saraceno e trasferitele in una ciotola. Poi unite l’amido di riso, il lievito, il guar e l’essenza di limone. Mescolate delicatamente e integrate poco per volta l’acqua, lo zucchero, l’olio di cocco e  l’olio di riso. Mescolate ancora fino ad amalgamare per bene il tutto, poi impastate e formate un panetto. Infine, ricoprite con la pellicola alimentare e fate riposare in frigorifero per mezz’ora. Intanto preparate la crema pasticcera come indicato qui sul sito. Trascorsi 30 minuti, recuperate la frolla e stendetela con il mattarello fino a quando non avrà acquisito uno spessore di mezzo centimetro.

Trasferite la frolla in uno stampo per crostate con diametro di 22 cm, leggermente infarinato e unto con il burro (sarebbe preferibile uno stampo con cerniera rimovibile). Bucherellate il fondo della frolla con una forchetta, poi versate la crema e distribuitela in modo omogeneo con il dorso del cucchiaio. Cuocete al forno per 40 minuti a 180 gradi (il forno deve essere già caldo). Prelevate la crostata e fatela raffreddare completamente prima di adagiarla su un piatto da portata. Infine, guarnite con i mirtilli e con qualche foglia di menta, così come vedete in foto. La crostata al tè matcha è pronta per essere gustata.

4.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...

logo_print