bg header
logo_print

Torta Foresta Nera per le feste natalizie

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta Foresta Nera
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Ricette per Natale
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 6 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Torta foresta nera, un dolce per stupire

La torta foresta nera è un dolce per le feste natalizie. Non un dolce qualsiasi, come potete evincere dalla foto. In primo luogo riproduce le sembianze dell’albero di Natale, e lo fa anche in modo suggestivo.

Secondariamente si inserisce nel solco dei dolci di tipo “foresta nera”, realizzati con il cioccolato fondente e le amarene, e per questo capace di restituire tonalità scure.

Nonostante appaia molto complessa, la ricetta è in realtà alla portata di tutti, principianti compresi. Certo, occorre seguire il procedimento passo dopo passo. D’altronde gli ingredienti sono numerosi e alcuni vanno trattati con una perizia ulteriore.

Ricetta torta foresta nera

Preparazione torta foresta nera

Per la preparazione della torta foresta nera iniziate dal pan di spagna montando le uova e lo zucchero per 10 minuti in modo da ottenere un composto chiaro e spumoso.

Integrate le farine a tre riprese (già setacciate con il lievito e il cacao). Mescolate con una spatola, operando movimenti dal basso verso l’alto.

Procedete lentamente in modo da non smontare il composto. Versate il composto in una tortiera di forma rettangolare (grande 20 x 30 cm), già imburrata e infarinata.

Fate cuocere in forno (preriscaldato) per 30 minuti a 180 gradi. Sfornate il pan di spagna e fate raffreddare completamente.

Occupatevi della farcitura. In un pentolino riscaldate la panna poi appena compaiono le prime bolle unite il cioccolato fondente a scaglie e attendete che si sciolga.

Infine fate intiepidire in frigo per 30 minuti. Per ultimo integrate il formaggio spalmabile e mescolate con cura usando una frusta. Per quanto concerne la crema bianca, invece, procedete così.

Montate la panna e integratela allo Fresco Cremoso già lavorato con lo zucchero a velo e la vaniglia. Trasferite questa crema in una sac à poche con il beccuccio a forma di stella.

Ora occupatevi della bagna. Bollite una soluzione di acqua e zucchero, spegnete il fuoco e fate raffreddare. Integrate la bagna con un po’ di succo di amarena.

Ritagliate tre dischi di Pan di Spagna a forma di albero. Pennellate con la bagna i tre strati. Sul primo disco fate uno strato di amarene sciroppate e un po’ crema bianca.

Mettete il secondo disco e spalmate la crema da farcitura (quella scura), unite le gocce di cioccolato. Mettete il terzo disco e cospargete di crema bianca, cercando di riprodurre dei “ciuffi” che vanno dall’alto verso il basso, così come vedete in foto.

Guarnite con le amarene e i corallini. Infine fate riposare in frigo per almeno un’ora e servite su un piatto da portata.

Per il pan di Spagna (al cacao e senza glutine):

  • 5 uova,
  • 200 gr. di zucchero semolato,
  • 100 gr. di farina di riso,
  • 40 gr. di cacao amaro,
  • 40 gr. di amido di mais,
  • 30 gr. di fecola di patate,
  • 1 cucchiaio raso di lievito per dolci.

Per la crema di farcitura al cioccolato:

  • 200 gr. di Exquisa Fresco Cremoso Fitline o Senza Lattosio,
  • 100 gr. di cioccolato fondente,
  • 100 gr. di panna fresca di latte,
  • q. b. di gocce di cioccolato,
  • q. b. di amarene sciroppate.

Per la crema di decorazione:

  • 200 gr. di Exquisa Fresco Cremoso Fitline o Senza Lattosio,
  • 200 gr. di panna fresca di latte,
  • 60 gr. di zucchero a velo,
  • 1 cucchiaino di pasta di vaniglia,
  • q. b. di amarene sciroppate,
  • q. b. di corallini dorati.

Per la bagna:

  • 200 ml. di acqua,
  • 50 gr. di zucchero semolato,
  • q. b. di succo di amarena o liquore kirsh.

Dal punto di vista “tecnico-gastronomico”, l’albero di Natale foresta nera è un dolce al pan di spagna dotato di una farcitura e di una crema, da porre a mo’ di decorazione.

E’ un dolce tipico della Germania chiamato con un nome un po’ difficile: Schwarzwälder Kirschtorte che significa che “torta alle ciliegie della Foresta Nera”. La ricetta originale prevedere le ciliegie fresche o le ciliege sciroppate.

Noi utilizziamo le amarene sciroppate. La ricetta prevede l’impiego del liquore Kirsch, un liquore alla ciliegia che può essere sostituito dal rum (come nella ricetta austriaca) oppure omesso del tutto

Quali farine utilizzare per questo dolce natalizio?

Un’altra peculiarità della torta foresta nera è la totale assenza di glutine. Dunque è compatibile con le esigenze di chi soffre di intolleranze alimentari a questa sostanza e dei celiaci.

Per inciso, le farine da utilizzare sono quella di riso e quella di patate (quest’ultima detta comunemente fecola). La farina di riso si caratterizza per una minore presenza di grassi e per una spiccata abbondanza di amido.

Ciò contribuisce a creare impasti più uniformi e compatti. Inoltre, è ricca di vitamine e sali minerali. L’unico difetto riguarda l’apporto proteico, che è abbastanza scarso.

La farina di patate, o fecola che dir si voglia, ricorre spesso nella pasticceria italiana. D’altronde viene utilizzata anche e soprattutto come addensate, viste le quantità elevate di amido.

Due creme davvero deliziose

La torta foresta nera è valorizzata da due creme, una scura e una chiara. La prima funge da farcitura, la seconda da decorazione. La crema scura è realizzata con il cioccolato fondente, la panna e il formaggio spalmabile.

Non si tratta di uno spalmabile qualsiasi, bensì del Fresco Cremoso Fitline di Exquisa. Si tratta di uno spalmabile di grande qualità, realizzato a partire da materie prime eccezionali con un procedimento che coniuga efficienza e spirito artigianale. L’apporto calorico è equilibrato, invece quello dei grassi molto contenuto.

Torta Foresta Nera

Di base, il prodotto non è senza lattosio. Gli intolleranti al lattosio dovrebbero quindi optare per prodotti spalmabili lactose-free offerti sempre dalla stessa Exquisa.

Per inciso, la rimozione del lattosio è al 100% naturale e viene ottenuta con l’applicazione dell’enzima lattasi al latte. Proprio per questo, non si segnala alcuna significativa alterazione del gusto.

Una bagna semplice ma di impatto

Quando si parla di pan di Spagna, è impossibile non ragionare sulla bagna. L’applicazione della bagna rende il pan di Spagna più morbido, meno asciutto è molto più saporito, proprio come nell’albero di Natale foresta nera.

D’altronde la capacità principale del pan di Spagna è quella di assorbire i liquidi. Ma come preparare questo tipo di bagna?

Niente di più semplice, basta riscaldare lo zucchero e l’acqua, e successivamente integrare lo sciroppo di amarena. Il risultato è una bagna classica e riconoscibile, ma anche squisita.

Le amarene non compaiono sotto forma di succo, ma anche come decorazione. Infatti simboleggiano le palle dell’albero di Natale, come si evince dalla foto.

La loro presenza è giustificata anche dai valori nutrizionali, che sono decisamente sopra le media. Le amarene sono una variante particolare di ciliegie, un po’ più scure e dal sapore più pungente.

Le proprietà nutrizionali sono però le stesse, infatti sono una miniera di vitamine sali minerali, fibre e antiossidanti. L’apporto calorico è equilibrato, al pari delle altre varietà di ciliegie.

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...