La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

santolina
Commenti: 0 - Stampa

La santolina dal punto di vista botanico

La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto sottile e legnoso, che in genere non supera il mezzo metro. Le foglie sono molto piccole e di forma regolare. Sulla sommità, specie in alcuni periodi dell’anno, si trovano delle cupoline di colore giallo, simili a quelle della margherita, ma del tutto prive di petali. L’impatto visivo è suggestivo e fa della santolina una pianta anche da decorazione. Ciononostante può essere definita “rustica”, infatti cresce spontanea un po’ ovunque.

Il merito di ciò è dovuto alle poche esigenze in termini di clima e di suolo. La santolina, infatti, sopporta il caldo e il freddo, pur rifuggendo dalle temperature estreme (superiori a 40 gradi e inferiore ai -10). Per quanto riguarda il terreno, sono preferibili suoli calcarei, ben drenati e sabbiosi. La santolina (Santolina Rosmarinifolia o Santolina Chamaecyparissus) è resistente anche ai parassiti o da malattie, in pratica ne è quasi immune. Fanno eccezione alcuni afidi in grado di attaccare le infiorescenze, e alcuni funghi come l’oidio. La loro azione, però, si limita ai periodi dominati dalle piogge intense.

La resistenza della santolina dipende soprattutto dalla concimazione, che va realizzata anche in funzione preventiva. La santolina è anche una pianta utile, infatti tiene lontane le tarme e funge da repellente per la stragrande maggioranza  degli insetti. A volte è utilizzata proprio nel caso di punture di insetti. In passato veniva utilizzata per profumare gli armadi e per allontanare i parassiti. Attualmente le sue applicazioni sono spiccatamente ornamentali e officinali.

Le proprietà nutrizionali di questa pianta aromatica

Della santolina viene utilizzata principalmente la scorza, la radice e le infiorescenze. L’ambito di utilizzo è per lo più terapeutico. In primis la santolina spicca per le proprietà digestive. Infatti, se preparata sotto forma di decotto, è in grado di risolvere i problemi lievi legati all’apparato digerente e stimolare la digestione. Può essere utile anche in caso di stitichezza, di meteorismo e flatulenza. La santolina è anche un discreto analgesico, soprattutto se i dolori hanno una provenienza circoscritta. Nella medicina naturale è attestata una certa efficacia della santolina nei confronti dei dolori mestruali e di natura psicosomatica.

La santolina esercita, però, tante altre proprietà. Per esempio è un buon antispasmodico, dunque contribuisce al rilassamento dei muscoli. E’ uno stimolante, come il caffè e il tè, sebbene eserciti il suo effetto in un periodi di tempo più lungo. Inoltre è anche un discreto sedativo, se si utilizzano le infiorescenze, le cui proprietà assomigliano a quelle della camomilla. E’ anche un discreto antisettico e un buon vermifugo, dunque può giocare un ruolo nel contrasto alle infezioni. In generale la santolina è indicata per l’atonia gastrica, le coliche, la dismenorrea e gli stati ansiosi.

santolina

La santolina come pianta officinale

Abbiamo già accennato alle potenzialità della santolina in campo officinale. A tal proposito, però, vanno citate le due principali preparazioni che interessano la santolina, come qualsiasi altra pianta officinale: le tisane e i decottiMolto spesso i due termini vengono considerati sinonimi, ma fanno riferimento a due preparazioni distinte. La tisana viene realizzata per mezzo dell’infusione, ossia si porta ad ebollizione l’acqua, poi si spegne il fuoco e si immergono le infiorescenze della santolina per qualche minuto.

Il decotto, invece, prevede una bollitura della santolina insieme all’acqua. In buona sostanza si ha una specie di infusione a fuoco acceso. Questo metodo permette una più efficace trasmissione dei principi nutritivi, sebbene produca bevande dal sapore molto più forte e non sempre gradevole. In campo medicinale la santolina gioca un ruolo anche per l’uso esterno. In particolar modo da essa viene estratto un olio essenziale, che risulta efficace soprattutto in caso di prurito, dermatiti, eczemi e lieve scottature. Tale olio, infatti, svolge allo stesso tempo una funzione antinfiammatoria e disinfettante.

La santolina come ingrediente da cucina

La santolina può essere considerata anche un ingrediente da cucina, sebbene dalle nostre parti non sia particolarmente utilizzata in questo ambito. Le sue foglie possono essere impiegate come condimento per il pesce, un po’ come si è soliti fare con la menta. In particolare le foglie della santolina valorizzano appieno i secondi grigliati. Il suo sapore, tra il limonato e l’aromatico, valorizza le pietanze senza coprire gli altri ingredienti. Le cupoline e le foglie sono utilizzate come tisane e decotti, che possono essere considerate delle bevande non necessariamente di carattere terapeutico.

La santolina, come molte altre piante floreali, può essere anche essiccata. Di norma si essiccano solo le cupoline con un processo molto semplice, che non differisce da quello degli altri fiori. Si tratta, infatti, di appenderli a testa in giù in un luogo asciutto e ben areato (se possibile al buio). In alternativa, sempre in un luogo asciutto, è possibile porle su una superficie orizzontale in modo da formare un unico strato. Di norma è possibile essiccare i fiori anche al microonde, ma occorre fare attenzione a calcolare alla perfezione il tempo e la potenza dell’esposizione.

In questo caso l’essiccazione al microonde è comunque sconsigliata in quanto le cupoline della santolina sono molto delicate. Una volta essiccata può essere posta a mo’ di guarnizione di torte, mousse e panne cotte, in modo del tutto simile a quanto accade per alcune specie floreali, come la lavanda.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una pianta tra le  più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-08-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Categorie: Alimenti
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti