Stecchi di carne e bietola, uno street food sano

Stecchi di carne e bietola
Stampa

Stecchi di carne e bietola, un secondo davvero unico e gustoso

Gli stecchi di carne e bietola sono una preparazione molto singolare, un esponente dello street food pensato per risultare appetitoso ma allo stesso tempo raffinato. L’idea di fondo è creativa e in grado di rendere dal punto di vista estetico, del gusto e della semplicità di preparazione. Si tratta, infatti, di preparare delle polpette a forma di stecco, che verranno leggermente panate e cotte al forno. In questo modo, si ottiene un secondo che si mangia come se fosse un ghiacciolo.

Per quanto concerne la carne, la ricetta suggerisce del semplice macinato. Sotto questo profilo avete il più ampio margine di discrezione. Tuttavia, vi consiglio di andare sul sicuro e optare per la classica carne di manzo. Questo tipo di carne è adatto per la preparazione delle polpette, non è eccessivamente grasso ed è abbastanza nutriente. Le proteine sfiorano il 21%, mentre i grassi raramente superano il 15%. E’ inoltre ricca di vitamine (principalmente del gruppo B) e sali minerali. L’apporto calorico si attesta sulle 250 kcal per 100 grammi.

Gli insospettabili benefici della bietola

Gli stecchi di carne e bietola vantano la presenza delle bietole cotte al vapore. Una preparazione salutare e poco calorica, che si sposa alla perfezione con il sapore corposo e allo stesso tempo non lineare della carne. La bietola è molto semplice da gestire, l’unica difficoltà (se così si può chiamare) riguarda la pulizia. Essa deve essere certosina, anche perchè le foglie più esterne in genere sono troppo coriacee per essere commestibili. Inoltre, vanno passate sotto abbondante acqua corrente, in quanto nel prodotto fresco permangono in genere molti residui di terra.

Stecchi di carne e bietola

Dal punto di vista nutrizionale, le bietole sono verdure ipocaloriche e molto nutrienti. Si caratterizzano per le elevate concentrazioni di potassio, ferro e vitamina C. Contengono anche il betacarotene, una sostanza presente nelle zucche e nelle carote, che funge da precursore della preziosa vitamina A. Un altro punto a favore di queste verdure è la presenza dell’acido folico, che interviene in modo positivo sui meccanismi di riproduzione cellulare. Le bietole sono, infine, ricche di sostanze antiossidanti, che proteggono dagli effetti dei radicali liberi e aiutano a prevenire alcuni tipi di tumori.

Il sublime tocco della granella di nocciole

Un’altra “stranezza” di questi stecchi di carne e bietola riguarda la panatura. Se le normali polpette vengono cosparse di pangrattato, gli stecchi, invece, vengono cosparsi di granella di nocciole. Può sembrare una scelta poco consona sia dal punto di vista organolettico che nutrizionale, ma si rivela davvero azzeccata. In primis, perché le nocciole spezzano il sapore lineare della carne (e comunque sono di per sé buone). Secondariamente perché questo tipo di frutta secca, nonostante l’immaginario collettivo, è valida sotto il profilo nutrizionale.

D’altronde, la categoria dei semi e della frutta secca contiene grassi buoni, capaci di impattare positivamente sull’apparato cardiovascolare. Ottimo è anche l’apporto di  vitamina E, che è tra le più preziose in assoluto per le sue capacità antiossidanti. Senza contare l’apporto di fibre, che è davvero sopra la media, dunque in grado di favorire il buon funzionamento dell’apparato digerente. Nelle dosi richieste da questa ricetta, poi, le nocciole non sono nemmeno così caloriche.

Ecco la ricetta degli stecchi di carne e bietola:

Ingredienti:

  • 250 gr. di bietole,
  • 60 gr. di mollica di pane raffermo consentito,
  • 300 gr. di carne macinata,
  • 1 uovo,
  • 1 cucchiaino di timo o di maggiorana,
  • 30 ml. di latte consentito,
  • 50 gr. di Parmigiano grattugiato,
  • 3 cucchiai di granella di nocciole,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione degli stecchi di carne e bietola iniziate facendo a briciole la mollica di pane, poi immergetela nel latte e fatela ammollare per circa 10 minuti. Ora occupatevi delle bietole, tagliate via le foglie del gambo e le eventuali parti danneggiate. Estraete le foglie pulite e trasferitele in una bacinella, in modo da lavarle più volte sotto l’acqua corrente ed eliminare ogni residuo di terra. Poi riempite una pentola con acqua salata, mettete sopra la vaporiera e versateci dentro le bietole. Cuocete così per 10 minuti, poi sollevate il cestello e scolate le bietole. Fatele raffreddare e, infine, strizzatele accuratamente.

Unite le bietole alla carne macinata e aggiungete anche la mollica strizzata (ma non troppo), il Parmigiano grattugiato e l’uovo. Infine, condite con un po’ di sale, un po’ di pepe e un cucchiaino di timo, poi mescolate fino ad amalgamare per bene il tutto. Ora formate dei “ghiaccioli” dall’impasto e passateli nella granella di nocciole, premendo leggermente affinché aderisca. Infine, infilzateli con degli stecchi di legno e riponeteli su una teglia rivestita con carta da forno. Cuocete al forno (preriscaldato) a 190 gradi per 20 minuti, girandoli a metà cottura. Trascorso questo lasso di tempo, impostate la modalità grill e doratele per altri 5 minuti. Infine, sfornate gli stecchi e serviteli ben caldi.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


17-04-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti