Agretti alla moda asiatica, un contorno aromatico

Agretti alla moda asiatica
Commenti: 0 - Stampa

Agretti alla moda asiatica, facili da preparare e squisiti

Gli agretti alla moda asiatica sono un contorno molto gradevole e allo stesso tempo leggero e saporito. I condimenti proposti dalla ricetta potrebbero apparire strani al palato mediterraneo, ma riescono a valorizzare gli agretti senza snaturarne il sapore. La resa organolettica di questi agretti, infatti, rimane leggermente acre, gradevole e molto aromatica. Gli agretti sono tra le verdure più reperibili in assoluto, sebbene non siano consumate abitualmente, non come in passato perlomeno. Possono regalare molte soddisfazioni in cucina, soprattutto dal punto di vista nutrizionale.

Sono verdure vitaminiche, come dimostra l’abbondanza di vitamina A, C e B3. Per inciso, la vitamina A giova alla vista (e non solo), mentre la vitamina C esercita una funzione benefica per il sistema immunitario. Gli agretti sono anche ricchi di sali minerali e in particolare di potassio, calcio, magnesio e ferro. Si caratterizzano anche per le proprietà depurative, rese possibili da una spiccata abbondanza di acqua. L’apporto calorico degli agretti è davvero basso, paragonabile a quello delle verdure più dietetiche: un etto di agretti apporta solo 17 kcal. In occasione di questa ricetta gli agretti vanno lavati con attenzione, saltati in padella e conditi con una salsina a base di salsa di soia.

Tutti i benefici della salsa di soia

Proprio la salsa di soia rappresenta l’ingrediente più caratteristico del condimento di questi agretti alla moda asiatica. La salsa di soia è un must nella cucina giapponese e cinese, ma si è diffusa anche dalle nostre parti. Il suo sapore corposo, lievemente aromatico e non coprente, piace un po’ a tutti. Il vero pregio della salsa di soia risiede nelle sue proprietà nutrizionali, che sono davvero eccellenti. Il riferimento è all’apporto di proteine, che è straordinario e del tutto paragonabile a quelli degli alimenti di origine animale. Stesso discorso per i sali minerali, come il calcio, e per gli acidi grassi omega tre. Questi ultimi, pur facendo aumentare l’apporto calorico, si apprezzano per l’impatto protettivo nei confronti del sistema cardio circolatorio.

La salsa di soia esercita una debole proprietà lassativa, dovuta all’abbondanza di fibre. Inoltre, pur proponendo un retrogusto dolciastro, non incide minimamente sulle glicemia, dunque può essere consumata anche dai diabetici. Infine, abbassa il colesterolo cattivo e innalza quello buono. L’unico difetto della salsa di soia è la concentrazione di sodio, che è abbastanza rilevante. Proprio per questo gli ipertesi dovrebbero essere molto moderati nel consumo di questo alimento.

Agretti alla moda asiatica

Un approfondimento sullo zenzero

Il condimento degli agretti alla moda asiatica è a base di salsa di soia, ma questo non è l’unico ingrediente. Alcuni ingredienti spiccano molto chiaramente, e impattano dal punto di vista organolettico, nutrizionale e della texture. Il riferimento è in particolar modo allo zenzero, che in questa ricetta viene impiegato sotto forma di succo. Lo zenzero è una delle “radici aromatiche” più apprezzate, in quanto aromatizza in modo intenso e caratteristico, esercitando funzioni che possono essere considerate al limite del terapeutico.

In particolare, lo zenzero è un eccellente antinfiammatorio, di potenza paragonabile a quello dei farmaci FANS. Di conseguenza, proprio come questi medicinali, lo zenzero dovrebbe essere consumato con prudenza dai soggetti ipertesi. Lo zenzero è ricco di antiossidanti, che contengono l’azione dei radicali liberi, contribuiscono ai processi di riproduzione cellulare e abbattono lo stress ossidativo. Lo zenzero è anche un buon antiemetico ed è considerato anche un discreto gastroprotettore. Infine interviene nel metabolismo del glucosio, dunque può essere utile ai soggetti diabetici.

Le proprietà del sesamo bianco

Un altro ingrediente importante di questi agretti alla moda asiatica è il sesamo bianco. I suoi semi vengono tostati al forno a una temperature elevata. Sono impiegati come guarnizione in quanto posti alla fine, al momento dell’impiattamento. Tuttavia, in virtù dell’impatto organolettico, pesano come gli altri ingredienti. Del sesamo bianco si apprezzano anche le proprietà nutrizionali, che sono migliori di quanto si possa immaginare.

Il riferimento è ai già citati acidi grassi omega tre, nonché alle vitamine del gruppo B e alla vitamina A. Anche nella forma tostata, i semi di sesamo contengono molte fibre, e in virtù di ciò aiutano a risolvere gli episodi più lievi di stitichezza. Infine si segnalano elevate concentrazioni di selenio e di zinco, che agiscono a protezione del sistema immunitario.

Ecco la ricetta degli agretti alla moda asiatica:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 mazzo di agretti,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 2 cucchiai di salsa di soia,
  • 10 ml. di succo di zenzero,
  • 2 cucchiai di succo di limone,
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo bianco tostati,
  • mezzo cucchiaino di zucchero semolato,
  • 1 cucchiaio di amido di mais,
  • 2 cucchiai di olio di sesamo.

Preparazione:

Per la preparazione degli agretti alla moda asiatica iniziate tostando i semi di sesamo. Per farlo, disponeteli su una teglia (senza sovrapporli l’uno all’altro) coperta con carta da forno. Preriscaldate il forno a una temperatura di 250 gradi e tostate per una decina di minuti. Poi prelevate i semi dal forno e disponeteli su una piastra per farli raffreddare, dopodiché trasferiteli in un contenitore a chiusura ermetica fino al loro utilizzo. I semi di sesamo così trattati, durano sei mesi nella dispensa e un anno nel congelatore. Ora occupatevi degli agretti. Con un coltellino tagliate via le radici e le estremità più spesse. Poi immergeteli in acqua fresca e cambiatela più volte, in modo da pulirli completamente; infine scolateli e asciugeteli leggermente.

Unite in una ciotola la salsa di soia, il succo di limone, il succo di zenzero, l’olio di sesamo e l’amido di mais. Intanto sbucciate lo spicchio d’aglio e schiacciatelo leggermente, poi scaldatelo in un wok con un po’ di olio d’oliva. Dopo appena mezzo minuto prelevate l’aglio e mettetelo da parte. Ora cuocete brevemente gli agretti in padella per 4 minuti a fuoco medio-alto, poi unite la salsa preparata precedentemente e mescolate il tutto. Impiattate gli agretti arrotolandoli per bene come se fossero degli spaghetti. Infine, guarnite con la salsina rimasta nella padella e con i semi di sesamo bianco che avete tostato. Servite e buon appetito.

5/5 (514 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti