Verdure arrostite, un contorno per tutte le occasioni

Verdure arrostite
Stampa

Verdure arrostite, un contorno davvero semplice e gustoso

La ricetta che vi presento oggi, ovvero delle verdure arrostite, è un contorno molto semplice e sfizioso, che valorizza appieno gli ingredienti. Proprio la lista degli ingredienti è il vero segreto di questa preparazione. E’ molto lunga, ma in grado di esprimere un equilibrio tra sapori e colori. A dispetto del nome, essa non è composta solo da verdure, ma anche da spezie e da un elemento proteico, ovvero le acciughe. La resa organolettica è dunque composita e in grado di farsi apprezzare da tutti i palati.

Ad emergere, in particolare, sono la zucca e le patate. La zucca è uno degli ortaggi più apprezzati per il suo gusto, il colore e la sua versatilità. E’ ipocalorica, ma in compenso apporta numerosi elementi nutritivi: vitamine e sali minerali in primis, ma anche il betacarotene. Questa sostanza determina la tonalità della polpa e funge da precursore della preziosa vitamina A. Le patate aggiungono sapore e corpo a questa preparazione. Inoltre, a dispetto di quanto suggerisce l’immaginario collettivo, non sono poi così caloriche. Sono ricche di carboidrati, certo, ma anche di vitamine e sali minerali. Per l’occasione, consiglio di utilizzare le patate a pasta gialla, che sopportano ottimamente le lunghe cotture senza perdere in consistenza.

Come cuocere le verdure?

La particolarità di queste verdure arrostite non sta solo nella scelta “abbondante” degli ingredienti, ma anche nel metodo di cottura. A tal proposito, si inizia con la rosolatura e si conclude con un lungo passaggio al forno. Con la rosolatura le verdure, che si differenziano per consistenza, vanno incontro a una precottura e si contaminano l’un l’altra dal punto di vista organolettico. Con il passaggio al forno, invece, diventano croccanti al punto giusto, oltre che facilmente digeribili. Il risultato è un contorno equilibrato sotto tutti gli aspetti, capace di valorizzare appieno i suoi ingredienti.Verdure arrostite

Per quanto concerne la cottura al forno, consiglio di ungere la teglia con del burro chiarificato. Esso, rispetto al burro tradizionale, resiste meglio alle elevate temperature e non “smorza” la portata organolettica degli altri ingredienti. Il motivo di ciò risiede nell’assenza della caseina, che è responsabile del sapore eccessivo dato dal burro standard, nonché alla tendenza della sua carbonizzazione.

L’apporto proteico delle acciughe

A inizio articolo ho accennato a un ingrediente proteico presente nelle verdure arrostite, ossia le acciughe. Queste possono essere considerate come un terzo incomodo, anche perché, almeno a un’analisi superficiale, hanno poco a che vedere con le verdure. La loro presenza, però, è pienamente giustificata sia dal punto di vista del gusto che in termini nutrizionali. Infatti, aggiungono una spiccata sapidità al risultato finale, che altrimenti potrebbe essere giudicato troppo lineare. Inoltre, si sciolgono facilmente, rendendo più cremoso il contorno e dunque più gradevole al palato.

Tra l’altro, le acciughe sono anche valide dal punto di vista nutrizionale. L’immaginario collettivo assegna loro una marcata presenza di grassi. Tuttavia, contengono molti grassi “buoni”, come gli acidi grassi omega tre, che giovano all’apparato cardiocircolatorio, alla funzione visiva e a quella cognitiva. Sono, inoltre, una buona fonte proteica, migliore di tante altre specie ittiche, Notevole, infine, è la concentrazione di sali minerali, che trova come protagonisti il prezioso fosforo e il selenio, che esercita funzioni antiossidanti. L’apporto calorico, almeno nelle varianti non sott’olio, è in realtà contenuto: un etto di acciughe sotto sale apporta circa 120-130 kcal.

Ecco la ricetta delle verdure arrostite:

Ingredienti:

  • 200 gr. di zucca,
  • 200 gr. di carote,
  • 1 mazzo di salvia,
  • 200 gr. di cipolla,
  • 200 gr. di patate,
  • 30 gr. di acciughe dissalate,
  • 60 gr. di burro chiarificato,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle verdure arrostite iniziate sbucciando la zucca e togliendo i semi e i filamenti interni, poi riducete la polpa a tocchetti. Lavate le carote, pelatele e tagliatele. Lavate anche le patate, pelatele e fatele a spicchi. Sbucciate la cipolla e fate a spicchi anch’essa.

Fate sciogliere il burro in una padella antiaderente, poi versate le acciughe e le verdure. Regolate di sale e rosolate per pochi minuti. Condite con la salvia, poi proseguite la cottura al forno per 20 minuti a 220 gradi. Prima di servire decorate con qualche altra foglia di salvia.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


06-02-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti