Petto d’oca con aceto balsamico, secondo agrodolce

Petto d’oca con aceto balsamico
Commenti: 0 - Stampa

Petto d’oca con aceto balsamico, un piatto colorato ed elegante

Il petto d’oca con aceto balsamico e mandarino è un secondo di classe, in grado di regalare sentori diversi dal solito, che puntano in maniera decisa sull’agrodolce. Il merito va alla scelta di ingredienti che non lasciano nulla al caso, pensata per garantire gradevoli sensazioni al palato ed esprimere una particolare idea di eleganza. Ciononostante, la ricetta è piuttosto semplice e non pone in essere difficoltà di sorta. Anche perché gli ingredienti, per quanto ricercati, sono in realtà molto reperibili. L’unica eccezione è data dalla carne d’oca, che non è certamente la carne più consumata in assoluto. Tuttavia, è una delle più salutari e nutrienti. Essa è un’eccezionale fonte di proteine molto digeribili. La carne d’oca si caratterizza anche per una spiccata quantità di sali minerali, in particolare di potassio, ferro, e di vitamine del gruppo B.

Per quanto concerne il sapore, ricorda il tacchino, rispetto al quale però propone sentori decisamente più marcati. Il petto d’oca all’aceto balsamico e mandarino è un secondo raffinato, che merita un servizio degno di questo nome. Io, per esempio, ho voluto optare per il servizio Brandani. Le stoviglie Brandani spiccano per un design raffinato che ha la capacità di impreziosire i momenti del pasto.

Il contributo determinante dei mandarini

Uno dei punti di forza di questo petto d’oca con aceto balsamico e mandarino è la salsina. Essa, infatti, spicca per i sentori agrodolci, che risultano gradevoli anche a chi è abituato a sapori più tradizionali e lineari. Questa salsina si fregia della presenza del mandarino e dell’aceto balsamico, che vengono aggiunti al fondo cottura dello stesso petto d’oca, realizzato a sua volta con semplice olio e salvia. Più che una salsina, in realtà, è una vera e propria riduzione, così densa da risultare incredibilmente saporita. Il consiglio, in questo caso, è di rispettare le dosi e le proporzioni degli ingredienti. Qualsiasi margine di discrezione in merito, infatti, potrebbe causare uno sbilanciamento dei sapori, compromettendo in maniera irreversibile il risultato finale.

Petto d’oca con aceto balsamico

Ad ogni modo vale la pena soffermarsi sul mandarino, un ingrediente raramente impiegato nella preparazione dei secondi piatti. Il mandarino è un frutto prezioso in quanto ricco di importanti proprietà nutrizionali, inoltre offre un sapore tendenzialmente dolce e apprezzato da tutti. E’ ricco di oli essenziali, che fanno bene alla pelle, ma anche di vitamine e sali minerali, il riferimento è alle elevate concentrazioni di vitamina C, vitamina A, vitamina B, potassio, fosforo e calcio. Il mandarino esercita blande proprietà antisettiche, per questo motivo può rappresentare una risorsa in caso di infezioni alle basse vie urinarie come ad esempio la cistite. Per il resto, al mandarino sono attribuite potenzialità miorilassanti e depurative. In questa ricetta il succo di mandarino funge da base per la cottura della carne d’oca e, allo stesso tempo, da salsina.

Perché abbiamo usato l’aceto balsamico?

L’aceto balsamico gioca un ruolo fondamentale nella ricetta del petto d’oca. Insieme al mandarino, e ad altri ingredienti, concorre alla preparazione di una crema molto densa, piacevole al palato e dal forte carattere agrodolce, che si sposa alla perfezione con il sapore marcato della carne d’oca.

L’aceto balsamico è uno dei vanti della gastronomia italiana, infatti è squisito e capace di valorizzare un’infinità di ingredienti dalla frutta acidula alla carne. L’aceto balsamico è anche ricco di sali minerali, tra cui spiccano il potassio, il calcio, il magnesio e il manganese.

Ecco la ricetta del petto d’oca con aceto balsamico:

Ingredienti per 6 persone:

  • 900 gr. di petto d’oca,
  • 1 mazzetto di salvia,
  • 100 ml. di vino bianco,
  • 100 gr. di mandarini,
  • 250 ml. di aceto balsamico,
  • 30 gr. di burro chiarificato,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 600 gr. di cavolo nero,
  • 1 piccolo peperoncino piccante,
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del petto d’oca con aceto balsamico e mandarino iniziate sbollentando per 5 minuti il cavolo nero in acqua bollente e leggermente salata. Poi passatelo in padella insieme all’olio d’oliva, all’aglio e al peperoncino. Rosolate la carne in una padella con un po’ di olio d’oliva, sale e la salvia, infine versate il vino bianco e fate sfumare.

Ora unite l’aceto balsamico, il succo di mandarino e fate cuocere per 15 minuti. Poi prelevate la carne e continuate a cuocere il fondo di cottura in modo che si addensi, infine versate del burro per legare il tutto. Affettate la carne, adagiatela nei piatti e aggiungete il cavolo nero a mo’ di contorno. Concludete guarnendo con la salsina ottenuta dal fondo di cottura.

3/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti