bg header

Petto d’oca con aceto balsamico, secondo agrodolce

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Petto d’oca con aceto balsamico

Petto d’oca con aceto balsamico, un piatto colorato ed elegante

Il petto d’oca con aceto balsamico e mandarino è un secondo di classe, in grado di regalare sentori diversi dal solito, che puntano in maniera decisa sull’agrodolce. Il merito va alla scelta di ingredienti che non lasciano nulla al caso, pensata per garantire gradevoli sensazioni al palato ed esprimere una particolare idea di eleganza. Ciononostante, la ricetta è piuttosto semplice e non pone in essere difficoltà di sorta. Anche perché gli ingredienti, per quanto ricercati, sono in realtà molto reperibili. L’unica eccezione è data dalla carne d’oca, che non è certamente la carne più consumata in assoluto. Tuttavia, è una delle più salutari e nutrienti. Essa è un’eccezionale fonte di proteine molto digeribili. La carne d’oca si caratterizza anche per una spiccata quantità di sali minerali, in particolare di potassio, ferro, e di vitamine del gruppo B.

Per quanto concerne il sapore, ricorda il tacchino, rispetto al quale però propone sentori decisamente più marcati. Il petto d’oca all’aceto balsamico e mandarino è un secondo raffinato, che merita un servizio degno di questo nome. Io, per esempio, ho voluto optare per il servizio Brandani. Le stoviglie Brandani spiccano per un design raffinato che ha la capacità di impreziosire i momenti del pasto. Se non trovate il petto d’oca potete replicare la ricetta con il petto d’anatra.

Il contributo determinante dei mandarini

Uno dei punti di forza di questo petto d’oca con aceto balsamico e mandarino è la salsina. Essa, infatti, spicca per i sentori agrodolci, che risultano gradevoli anche a chi è abituato a sapori più tradizionali e lineari. Questa salsina si fregia della presenza del mandarino e dell’aceto balsamico, che vengono aggiunti al fondo cottura dello stesso petto d’oca, realizzato a sua volta con semplice olio e salvia. Più che una salsina, in realtà, è una vera e propria riduzione, così densa da risultare incredibilmente saporita. Il consiglio, in questo caso, è di rispettare le dosi e le proporzioni degli ingredienti. Qualsiasi margine di discrezione in merito, infatti, potrebbe causare uno sbilanciamento dei sapori, compromettendo in maniera irreversibile il risultato finale.

Petto d’oca con aceto balsamico

Ad ogni modo vale la pena soffermarsi sul mandarino, un ingrediente raramente impiegato nella preparazione dei secondi piatti. Il mandarino è un frutto prezioso in quanto ricco di importanti proprietà nutrizionali, inoltre offre un sapore tendenzialmente dolce e apprezzato da tutti. E’ ricco di oli essenziali, che fanno bene alla pelle, ma anche di vitamine e sali minerali, il riferimento è alle elevate concentrazioni di vitamina C, vitamina A, vitamina B, potassio, fosforo e calcio. Il mandarino esercita blande proprietà antisettiche, per questo motivo può rappresentare una risorsa in caso di infezioni alle basse vie urinarie come ad esempio la cistite. Per il resto, al mandarino sono attribuite potenzialità miorilassanti e depurative. In questa ricetta il succo di mandarino funge da base per la cottura della carne d’oca e, allo stesso tempo, da salsina.

Perché abbiamo usato l’aceto balsamico?

L’aceto balsamico gioca un ruolo fondamentale nella ricetta del petto d’oca. Insieme al mandarino, e ad altri ingredienti, concorre alla preparazione di una crema molto densa, piacevole al palato e dal forte carattere agrodolce, che si sposa alla perfezione con il sapore marcato della carne d’oca.

L’aceto balsamico è uno dei vanti della gastronomia italiana, infatti è squisito e capace di valorizzare un’infinità di ingredienti dalla frutta acidula alla carne. L’aceto balsamico è anche ricco di sali minerali, tra cui spiccano il potassio, il calcio, il magnesio e il manganese.

Non sapete come cucinare il petto d oca? Vi lascio il link per preparare anche il petto di oca al Cointreau con purè di patate e crema di piselli è un secondo raffinato ma carico di sapore. La ricetta non è molto complicata, ma è comunque diversa dai tradizionali secondi piatti di carne. La carne, infatti, va prima marinata e poi cotta al forno.

Ricetta petto di oca con aceto balsamico:

Ingredienti per 6 persone:

  • 900 gr. di petto d’oca,
  • 1 mazzetto di salvia,
  • 100 ml. di vino bianco,
  • 100 gr. di mandarini,
  • 250 ml. di aceto balsamico,
  • 30 gr. di burro chiarificato,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 600 gr. di cavolo nero,
  • 1 piccolo peperoncino piccante,
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del petto d’oca con aceto balsamico e mandarino iniziate sbollentando per 5 minuti il cavolo nero in acqua bollente e leggermente salata. Poi passatelo in padella insieme all’olio d’oliva, all’aglio e al peperoncino. Rosolate la carne in una padella con un po’ di olio d’oliva, sale, pepe e la salvia, infine versate il vino bianco e fate sfumare.

Ora unite l’aceto balsamico, il succo di mandarino e fate cuocere per 15 minuti. Poi prelevate la carne e continuate a cuocere il fondo di cottura in modo che si addensi, infine versate del burro per legare il tutto. Affettate la carne, adagiatela nei piatti e aggiungete il cavolo nero a mo’ di contorno. Concludete guarnendo con la salsina ottenuta dal fondo di cottura.

3.5/5 (14 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...

logo_print