Insalata con prosciutto d’oca, molto originale

Insalata con prosciutto di oca
Commenti: 0 - Stampa

Insalata con prosciutto d’oca e parmigiano reggiano, un’idea diversa e originale

L’insalata con prosciutto d’oca e parmigiano reggiano non è una insalata come tutte le altre. A segnare un solco con le insalate “normali”, o per meglio dire solite, è proprio la lista degli ingredienti che contiene alimenti poco consumati e diffusi, almeno in Italia. Il riferimento è al prosciutto d’oca, un insaccato buonissimo ma insolito, di cui parlerò nel prossimo paragrafo. Un altro ingrediente da citare è il songino, che rappresenta il “cuore” di questa insalata. Esso, nello specifico, sostituisce la classica lattuga. Non che il songino sia sconosciuto o esotico, anzi è un alimento della tradizione italiana. Tuttavia, nella quasi totalità dei casi, e sicuramente nell’immaginario collettivo, ad esso viene preferita la lattuga.

Come tutte le insalate, anche l’insalata con prosciutto d’oca e parmigiano reggiano è molto semplice da realizzare. D’altronde, si tratta “solo” di assemblare gli ingredienti. Tuttavia, fate attenzione a non prenderla sottogamba. Se è vero che l’unico sforzo è quello di comporre la pietanza, la partita si gioca durante una fase precedente, ovvero quello della selezione delle materie prime. E’ fondamentale che non siano solo ingredienti di qualità, ma occorre prestare anche molta attenzione alle dosi giuste. Per non sbagliare, vi consiglio di seguire alla lettera la ricetta.

Tutta la bontà del prosciutto d’oca

Il prosciutto d’oca rappresenta l’ingrediente più “sui generis” di questa insalata. Sono sicura, infatti, che pochi di voi hanno avuto l’opportunità di assaggiare il prosciutto d’oca. Tra parentesi, con questa espressione si intende di norma il prosciutto crudo d’oca. Si tratta di un prosciutto dal sapore caratteristico, leggermente paragonabile a quello del tacchino ma parecchio più forte. E’ anche un prosciutto meno grasso, poiché poco grassa è la carne d’oca. ll consiglio, comunque, è di tagliarla in maniera molto sottile, in modo che si amalgami bene con il resto degli ingredienti garantendo un certo equilibrio di sapori (questo consiglio vale per tutte le insalate).

Insalata con prosciutto d’oca

Tra l’altro, quella di oca è una delle carni più preziose in assoluto. Innanzitutto si caratterizza per un apporto proteico di tutto rispetto, paragonabile a quello delle carni rosse, considerate come le migliori da questo punto di vista. Inoltre, è davvero povera di grassi, quindi può essere consumato senza grosse remore da chi sta sostenendo una dieta dimagrante. Infine è ricca di sali minerali, in particolare di ferro (come qualsiasi carne che si rispetti). Vi ricordo che il ferro è molto importante nella produzione di globuli rossi, che garantiscono una corretta ossigenazione delle nostre cellule.

Songino, una gustosa alternativa alla lattuga

Il songino, utilizzato nella nostra insalata con prosciutto d’oca, non è affatto un ingrediente esotico. Anzi fa parte da sempre del panorama botanico italiano. Addirittura, cresce spontaneo nei prati selvatici, tuttavia nel corso del tempo ha perso un po’ della sua funzione, a vantaggio della sempre più reperibile lattuga. Ad oggi, è proprio la lattuga il vegetale preferito per le insalata, anzi ne rappresenta la norma. Ciò non toglie, però, che il songino possa dare tanto, anche perché è vero che le sue foglie sono piccole, ma è altrettanto vero che sono molto carnose, gradevoli al palato e dal sapore spiccato. Dunque, possono essere impiegate a pieno titolo per preparare le insalate.

Il songino è anche (e soprattutto) un alimento che fa bene alla salute. Il riferimento è alla sua carica nutrizionale, che è davvero elevata. Non stiamo parlando dell’apporto calorico, che è ovviamente bassissimo, bensì di quello vitaminico, infatti il songino è ricco di vitamine del gruppo B che contribuiscono al buon funzionamento dell’apparato cardiocircolatorio. Del songino, poi, va apprezzato l’impatto benefico sulla funzione digestiva (determinata dall’abbondanza di fibre) e l’impatto sul sistema immunitario. Il consiglio è di consumare il songino crudo, come in questo caso, solo così mantiene intatta la sua carnosità e il suo sapore caratteristico.

Ecco la ricetta dell’insalata con prosciutto d’oca e parmigiano reggiano:

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 fettine di prosciutto d’oca affumicato;
  • 60 gr. di scaglie di parmigiano reggiano 24 mesi;
  • 40 gr. di gherigli di noce;
  • 200 gr. di songino;
  • un cucchiaio di aceto balsamico;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata con prosciutto d’oca iniziate passando sotto l’acqua corrente il songino per ripulirlo per bene, poi asciugatelo e mettetelo momentaneamente da parte. Riducete il prosciutto d’oca a fette molto sottili. Ora mettete il songino in una insalatiera insieme al prosciutto d’oca, alle noci sbriciolate ed alle scaglie di parmigiano reggiano. Condite a piacere con un po’ di aceto, olio extravergine d’oliva ed un po’ di sale. Servite e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un contorno tra i più conosciuti ed apprezzati....

Nidi di agretti con le uova

Nidi di agretti con le uova, un contorno...

Nidi di agretti con le uova, una ricetta semplice e sostanziosa I nidi di agretti con le uova sono un contorno delizioso, semplice e nutriente. Gli ingredienti si contano sulle dite di una mano, ma...

verdure ripiene

Verdure ripiene, una risorsa per qualsiasi tipo di...

Perché utilizzare le verdure ripiene? Oggi vi voglio parlare delle verdure ripiene, una classe di ricette che merita considerazione. Alcune cucine locali, principalmente mediterranee, presentano...

Teglia con patate e zucchine

Teglia con patate e zucchine, un contorno corposo

Teglia con patate, zucchine e cipolle al forno La teglia con patate, zucchine e cipolle è un’idea semplice, ma geniale, per un contorno all’insegna del colore e del gusto. E’ un piatto...

Agretti alla moda asiatica

Agretti alla moda asiatica, un contorno aromatico

Agretti alla moda asiatica, facili da preparare e squisiti Gli agretti alla moda asiatica sono un contorno molto gradevole e allo stesso tempo leggero e saporito. I condimenti proposti dalla ricetta...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-12-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti