Calzone ripieno con spianata, una farcitura al top

Calzone con spianata e mozzarella
Commenti: 0 - Stampa

Perché il calzone con spianata e mozzarella è così buono?

Il calzone ripieno con spianata e mozzarella è un pezzo di rosticceria molto gustoso, che in un certo senso rimanda alla migliore tradizione italiana. La farcitura vede come protagonista la spianata, che è un insaccato prodotto soprattutto in Calabria, ma ormai diffuso su tutta la penisola. Non ha nulla a che vedere con la spianata romagnola che è una focaccia.

La spianata valorizza al meglio la carne di maiale. Lo fa attraverso un metodo di preparazione che premia l’uso delle spezie, pur in una prospettiva di equilibrio tra l’elemento animale e i condimenti. Nello specifico, la spianata va semplicemente affettata finemente e inserita nella farcitura di salsa di pomodoro con la mozzarella.

In virtù di questi tre semplice ingredienti, si ottiene una farcitura gustosa, sapida al punto giusto e in grado di soddisfare i palati più esigenti. La farcitura viene poi valorizzata dalla cottura al forno, che rispetto alla frittura garantisce una maggiore morbidezza senza rischiare sgradevoli sentori di bruciato. Ovviamente abbiate cura di monitorare la cottura, in linea di massima basta una mezz’oretta a 220 gradi, tuttavia prelevate il calzone dal forno quando risulterà ben dorato.

Calzone con spianata e mozzarella

Quale mozzarella scegliere?

Anche la mozzarella gioca un ruolo di primo piano nel calzone ripieno con spianata calabrese. Nello specifico va posta sulla base, dopo la salsa di pomodoro e insieme alla spianata piccante.

La cottura al forno provoca lo scioglimento totale della mozzarella, senza produrre i sentori di bruciato che potrebbero verificarsi in caso di frittura. Quale mozzarella scegliere? Ovviamente, potete optare per quella artigianale, più difficile da reperire, o per quella industriale.

E in caso di intolleranza al lattosio come procedere? In questo caso, come sicuramente saprete, esiste la variante delattosata della mozzarella. Se pensate che sia un ripiego, vi sbagliate. Infatti, il gusto è praticamente identico a quello della mozzarella classica.

Non c’è niente di cui stupirsi in quanto il processo di rimozione del lattosio non agisce sul sapore. Semplicemente, alla materia prima, ovvero al latte, si applica l’enzima lattasi, che scompone il lattosio in glucosio e galattosio, due sostanze pienamente digeribili anche da chi soffre di intolleranza.

Per quanto buona, la mozzarella non andrebbe consumata in quantità eccessive, infatti è abbastanza calorica. In questo caso l’invito alla moderazione è legato anche alla buona riuscita della ricetta, infatti mettendo troppa mozzarella rischierete di sformare il vostro calzone.

Il calzone può essere cotto al forno oppure fritto. Il ripieno può essere fatto da ingredienti diversi, anche se alla base troviamo pomodoro e mozzarella. Mio figlio che non ama la spianata vuole sempre il prosciutto cotto al suo posto. Mia figlia, che sia pizza o calzone, aggiunge sempre l’uovo. Anzichè farne uno solo ne potete fare tanti piccoli.

Ecco la ricetta del calzone ripieno con spianata e mozzarella:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rotolo di base per pizza soffice consentita,
  • 200 ml. di passata di pomodoro,
  • 90 gr. di mozzarella consentita o Fior di latte,
  • 300 gr. di spianata calabrese,
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di origano.

Preparazione:

Per la preparazione del calzone ripieno con spianata e mozzarella iniziate dalla passata di pomodoro. Mettete in una ciotola la passata di pomodoro, poi conditela con un po’ di olio, origano e un pizzico di sale.

Sgocciolate e affettate la mozzarella utilizzando della carta assorbente affinché si liberi un po’ della sua acqua. Tagliate in due parti uguali la pasta e stendetela come se fossero delle pizze.

Farcite solo metà di ciascuna parte con qualche cucchiaio di pomodoro, la spianata calabrese e la mozzarella, esattamente in quest’ordine. Ripiegata la sezione non condita di ciascuna metà sulla sezione condita formando una mezzaluna, poi sigillate i bordi premendo con le dita.

Distribuite sulla superficie un po’ di passata e di origano, infine cuocete per 20 minuti nel forno a 230 gradi. Al termine della cottura, quando la superficie sarà ben dorata, sfornate e servite il calzone caldo.

5/5 (468 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-10-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti