Sugo di peperoni e mandorle, ottimo sulla pasta

Sugo di peperoni e mandorle

Sugo di peperoni e mandorle, una ricetta semplice semplice

Il sugo di peperoni e mandorle è un’alternativa leggera e gradevole rispetto al classico sugo di pomodoro. E’ una ricetta molto semplice, alla portata di tutti, a patto di seguire poche e semplici indicazioni e porre la massima attenzione alle proporzioni tra i vari ingredienti. Il procedimento, a dire il vero, ricorda un po’ quello del pesto, anche perché gli ingredienti vanno frullati assieme. Per il resto, però, può essere paragonato al sugo di pomodoro, sia per il gusto che per quanto concerne la leggerezza.

Ovviamente, il gusto è leggermente più corposo, dal momento che la lista degli ingredienti è tutto sommato consistente. Tra tutti spicca il peperone, che deve essere di varietà “rossa”. Il peperone rosso è un alimento prezioso, gustoso, nutriente e leggero. L’apporto calorico è irrisorio, ed è pure più digeribile di quanto si pensa, infatti è sufficiente togliere la buccia per renderlo tale. Ad ogni modo, è ricco di vitamina A, vitamina C e potassio. Contiene inoltre la capsaicina, una sostanza antiossidante con proprietà benefiche e persino antitumorali.

Tutti i pregi delle mandorle presenti nel sugo di peperoni

L’altro ingrediente principale del sugo di peperoni è rappresentato, appunto, dalle mandorle. Tra la frutta secca più amata, le mandorle spiccano per il contenuto di grassi. In effetti ne contengono molti, addirittura formano il 50% della loro struttura. Va detto, però, che sono grassi buoni che fanno bene alla salute, il riferimento è ai famosi omega tre, che esercitano un impatto positivo sull’apparato cardiovascolare, sulla funzione visiva e su quella cognitiva. Ovviamente, la presenza di grassi fa lievitare l’apporto calorico, che supera le 600 kcal per 100 grammi.

Sugo di peperoni e mandorle

Le mandorle sono preziose anche in termini di apporto vitaminico e di sali minerali. Sono, infatti, ricche di magnesio, ferro, calcio e soprattutto fosforo. Sono ricche anche di vitamine E e di fibre, che rappresentano addirittura il 12%. Le mandorle vanno trattate in maniera tutto sommato classica, ossia vanno inserite nel bicchiere del frullatore insieme ai peperoni arrostiti e agli altri ingredienti. Le mandorle sono una presenza preziosa in quanto addolciscono il sugo e allo stesso tempo concorrono a rendere più equilibrato il sapore.

Gli insospettabili benefici del pecorino

Un altro ingrediente importante di questo sugo di peperoni e mandorle è il pecorino. Da questo punto di vista, è impossibile non pensare a un’analogia con il pesto, che oltre a prevedere un passaggio al frullatore vede come protagonista un formaggio stagionato, in quel caso il parmigiano. Il pecorino è una presenza fondamentale in questo sugo di peperoni e mandorle, infatti, oltre ad aggiungere sapore, conferisce sapidità al tutto. Se non ci fosse, la salsa risulterebbe effettivamente troppo dolce, visto che sia il peperone che la mandorla si caratterizzano per i sentori delicati.

La presenza del pecorino è preziosa anche perché, a dispetto dell’immaginario collettivo, è un alimento di tutto rispetto e dai buoni valori nutrizionali. Certo, contiene molto sodio, ma è sufficiente non esagerare con il sale per ovviare al problema. Inoltre, è anche ricco di proteine, vitamine e sali minerali, il riferimento è soprattutto al calcio, presente in quantità paragonabili a quelle del pecorino. Il pecorino contiene la vitamina A, la vitamina B2 e la vitamina PP. Discreta è, inoltre, la concentrazione di fosforo. Per quanto riguarda l’apporto calorico, siamo nella media dei formaggi stagionati: 350 kcal circa per 100 grammi. Un’altra caratteristica positiva è la quasi totale assenza del lattosio, grazie alla lunga stagionatura che deteriora questa sostanza.

Ecco la ricetta del sugo di peperoni e mandorle:

Ingredienti:

  • 1 peperone rosso abbastanza grosso,
  • 50 gr. di mandorle,
  • 10 gr. di foglie di basilico,
  • 40 gr. di pecorino,
  • q. b. di sale e pepe,
  • q. b. di olio extravergine di oliva.

Preparazione:

Per la preparazione del sugo di peperoni e mandorle iniziate accendendo il forno a 140 gradi. Poi sciacquate il peperone sotto l’acqua corrente e adagiatelo su un tagliere. Fatelo asciugare in questa posizione poi spostatelo su una teglia coperta con carta da forno. Ora spennellate il peperone con un po’ d’olio extravergine di oliva e cuocete al forno per una ventina di minuti, girandolo ogni 5 minuti circa. Estraete la teglia dal forno, fate riposare il peperone in modo che si raffreddi. Rimuovete il picciolo e tagliatelo a metà, poi eliminate i filamenti, i semi e spellatelo per bene (una volta cotto è tutto più semplice).

Ora lavate il basilico e mettetelo ad asciugare. Nel bicchiere del frullatore inserite le mandorle, il peperone spellato, il basilico, 40 grammi di pecorino, un po’ di pepe, un po’ di sale e un filo di olio extravergine d’oliva. Frullate il tutto, aggiungendo un po’ alla volta dell’altro olio, in modo che la salsa assuma una consistenza piuttosto cremosa. La salsa a questo punto è pronta. Va conservata in frigorifero, coperta con un po’ d’olio, al massimo per 3-4 giorni. All’occorrenza, potete anche congelarla.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


11-09-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti