Salsiccia e caponata in vasocottura, poco calorico

Salsiccia e caponata
Commenti: 2 - Stampa

Salsiccia e caponata in vasocottura: un piatto che non fa ingrassare

Salsiccia e caponata: due termini che, accostati, fanno certamente pensare a un piatto molto grasso, dall’apporto calorico straordinario. Ebbene, non è questo il caso. Questa ricetta infatti vanta un metodo di cottura particolare, che consente di utilizzare una quantità minima di grassi, senza per questo compromettere il sapore: la vasocottura.

C’è un altro particolare che testimonia un apporto calorico molto più contenuto di quanto si possa pensare: la salsiccia, infatti, appena dopo la rosolatura viene privata del grasso in eccesso. In questo modo si priva il piatto della maggior parte dei grassi, che appunto provengono dalla salsiccia. Come già specificato, poi, a fare il resto è proprio la cottura “in vaso”. Ne parleremo più approfonditamente nei prossimi paragrafi.

Vasocottura, un’alternativa alla cottura tradizionale

La vasocottura è un metodo particolare che apporta numerosi benefici in quanto consente di cuocere senza abbondare nei grassi. La tecnica consiste nel riporre gli ingredienti (spesso già parzialmente cotti) in un vaso, e inserire quest’ultimo o nel microonde o in un forno ventilato. La vasocottura non è molto diffusa, e ciò è un peccato in quanto permette di cuocere in maniera sana e rapida.

Salsiccia e caponata

La cottura “in vaso” non presenta rischi, a patto ovviamente di prendere alcuni accorgimenti che vedrete nella nostra ricetta della salsiccia e caponata. Il più importante di questi riguarda il vaso stesso, che deve essere abbastanza resistente al calore. In genere, se un vaso è pensato per il microonde può essere anche inserito nel forno. Per verificare la presenza di questa proprietà basta individuare l’apposita etichetta.

I tanti pregi dei peperoni

Il peperone è uno degli ingredienti simbolo della cucina italiana, soprattutto di quella del sud Italia. Non a caso è uno dei must di qualsiasi caponata che si rispetti. Il peperone non è solo un alimento molto gustoso e versatile, ma anche ricco di nutrienti e, di conseguenza, sano. Contiene per esempio molto ferro, magnesio e potassio, che è presente in dosi straordinariamente elevate.

Ottimo è anche l’apporto di vitamine, in particolare quelle del gruppo B e la vitamina C. I peperoni sono poco calorici, dunque risultano adatti anche a chi sta sostenendo una dieta dimagrante. Infine contengono molte fibre e sono ricchi di acqua, generano soltanto un un lieve effetto lassativo (e niente affatto fastidioso). Nel caso della salsiccia e caponata in vasocottura, il peperone, pur avendo un sapore molto forte, si sposa con le altre verdure senza produrre un effetto coprente.

Ecco la salsiccia e caponata in vasocottura

Ingredienti per 6 persone:

  • 600 gr. di salsiccia
  • 70 gr. di sedano
  • 100 gr. di peperoni e 100 gr. di pomodorini
  • 100 gr. di melanzane e 100 gr. di zucchine
  • 1 mazzetto di basilico
  • 60 gr. di pinoli
  • 70 gr. di olive verdi snocciolate
  • qualche cucchiaio di aceto di vino
  • olio allo scalogno e olio all’aglio
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Per la nostra ricetta della salsiccia e caponata iniziate riducendo la salsiccia a pezzi e rosolatela in una padella antiaderente senza aggiungere grassi o qualsiasi altro condimento. Poi scolate in modo da privarla del grasso che nel frattempo sarà fuoriuscito. In seguito, rimuovete i filamenti dal sedano e tagliatelo a dadi non troppo piccoli. Intanto, infornate i pinoli a 180 gradi per 5 minuti in modo da tostarli.

Pelate poi i peperoni, rimuovete i semi e tagliateli a dadini grossolani. Tagliate, infine, le melanzane a cubetti e i pomodori a spicchi. Date una profonda mescolata a tutte le verdure aggiungendo il basilico tagliato a julienne, i pinoli e le olive sminuzzate, insaporite il tutto con sale pepe, olio allo scalogno, olio all’aglio (poco) e aceto. Inserite le verdure nei vasi di cottura insieme alla salsiccia, chiudete e fate cuocere in forno a vapore per 40 minuti a 80 gradi. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Salsiccia e caponata in vasocottura, poco calorico

  • Lun 14 Giu 2021 | Matteo Composta ha detto:

    che bella ricetta!!! molto invitante

    • Lun 14 Giu 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Matteo sono convinta che la caponata è uno dei tesori che abbiamo importato nella Penisola dalle nostre vacanze in Sicilia. Che bontà senza confini questo contorno! Un dato simpatico riguarda il fatto che una ricetta precisa per questa caponata siciliana sarebbe di difficile definizione in quanto ogni provincia e persino ogni famiglia personalizza ingredienti e modi di preparazione di questo piatto.

      In un panorama così ampio, dove ogni variante offre la sua versione di bontà, ci siamo permessi anche noi di elaborare la nostra caponata. Secondo il nostro gusto, l’aggiunta di peperoncino offre alla caponata una sterzata di piccantezza, lieve ma presente, che completa il piacere di questo contorno di verdure tutto da gustare.

      Preparare la caponata per i giorni di festa è un rito di famiglia. Non solo al sud, ma in tutte quelle famiglie con il cuore affezionato alle tradizioni meridionali, la caponata è un piatto immancabile. La ricetta che, come abbiamo detto può essere presente in tante varianti, diventa spesso un bene di famiglia, da tramandare di generazione in generazione. In una cucina la caponata è un po’ come la firma dello chef! Dimmi come la fai e ti dirò chi sei!

      Grazie e torni a trovarci

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tortino di patate e finferli

Tortino di patate e finferli in vasocottura, gustoso!

Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura non sta nella scelta degli ingredienti, che appare comunque molto azzeccata, ma...

Crema alla rosa

Crema alla rosa in vasocottura con crumble al...

Un dessert al cucchiaio semplicemente sublime La crema cotta in vasocottura alla rosa con crumble al pistacchio è un dessert meravigliosamente aromatico ma delicato. Questa delizia chic è adatta...

Anatra in vasocottura con misticanza

Anatra in vasocottura con misticanza, alta cucina

Per una cena di alta classe ci vuole tempo Oggi non ci accontentiamo e per questa insalata di misticanza e agrumi con petto d’anatra in vasocottura desideriamo prenderci tutto il tempo necessario....

Pollo in olio cottura con cavolini

Pollo in oliocottura con cavolini, delicato

Il pollo in oliocottura, una modalità da riscoprire Per la ricetta del pollo in oliocottura con cavolini di Bruxelles e salsa di lamponi abbiamo rispolverato una tecnica di cottura antica. La...

Carciofi alla vaniglia in vasocottura

Carciofi alla vaniglia in vasocottura, una prelibatezza

Carciofi in vasocottura, una bontà senza tempo La preparazione dei carciofi alla vaniglia in vasocottura è molto più semplice di quanto si possa pensare. Questa tecnica di cottura dalle origini...

coda di rospo agli spinaci

Patate, cipolle in agrodolce e coda di rospo...

Cercate una ricetta facile e originale? Quella di oggi è di certo una ricetta che può tentare il vostro raffinato palato gourmet! La ghiottissima pietanza a base di patate, cipolle in agrodolce e...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-09-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti