Filetto di salmone con pistacchi, un secondo di classe

Filetto di salmone con pistacchi

Filetto di salmone con pesto di pistacchi, una delizia per gli occhi e per il palato

Il filetto di salmone in crosta con pesto di pistacchi è un secondo raffinato, che propone soluzioni tipiche dell’alta ristorazione, eppure molto semplice da preparare. E’ anche molto buono, e non potrebbe essere altrimenti vista la lista degli ingredienti. Il riferimento è in particolare al salmone, che è una delle specie ittiche preferite dagli italiani (e non solo). E’ apprezzato per le sue carni tenere, per il suo sapore pieno e per la versatilità in cucina, inoltre è anche un ingrediente salutare.

E’ vero, ha un apporto calorico non indifferente per un pesce, pari a 185 kcal per 100 grammi, e contiene anche molti grassi (il 12%). Si tratta, però, di grassi “buoni”, che fanno bene alla salute. Tra questi troviamo gli acidi grassi omega tre, che giovano al cuore, agli occhi e alle funzioni cognitive. Il salmone contiene anche una grande quantità di proteine, pari al 19% del totale, di vitamine e sali minerali, in particolare il fosforo. In questa ricetta il salmone viene passato nella farina di pistacchi, che andrà a formare una deliziosa crosticina. Infine viene rosolato e condito abbondantemente da una salsa di pesto di pistacchi e formaggio cremoso. Viene poi servito su un colorato letto di misticanza.

Il segreto del filetto di salmone in crosta con pesto di pistacchi

Il vero segreto del filetto di salmone in crosta con pesto di pistacchi sta nella presenza e nella valorizzazione dei prodotti Pistì. E’ un marchio dell’azienda siciliana Antichi Sapori dell’Etna, che punta a realizzare e diffondere i migliori prodotti della gastronomia e dell’agroalimentare catanese. E non c’è alcun dubbio che tra questi spiccano proprio i pistacchi, che appunto rappresentano l’ingrediente principale dell’offerta di Pistì. In particolare, in questa ricetta vengono utilizzati la farina, la granella e il pesto di pistacchi.

Filetto di salmone con pistacchi

La farina viene utilizzata per produrre una delicata crosticina sul salmone, la granella invece interviene per la decorazione finale. Il pesto di pistacchi, infine, viene utilizzato per creare una deliziosa crema di accompagnamento. Esso, infatti, viene amalgamato con del formaggio spalmabile, due sapori molto diversi ma che si valorizzano a vicenda. Vi consiglio di utilizzare i prodotti Pistì per questa ricetta, e solo quelli; il loro impatto su questa pietanza è straordinario e direi insostituibile. Anche perché sono realizzati non solo seguendo la tradizione in maniera fedele, ma anche utilizzando la migliore materia prima della Sicilia. In questo caso, il famoso pistacchio di Bronte (che è un prodotto D.O.P. d’eccellenza).

Che cos’è la misticanza e quali sono le sue caratteristiche

Il termine misticanza, utilizzata nel nostro filetto di salmone con pistacchi, potrebbe suonare nuovo all’orecchio di molti. E’ infatti un “ingrediente” consumato soprattutto in Italia centrale, e in particolar modo nei dintorni di Roma. Con questo termine, infatti, si intende un mix di erbe, piante e foglie aromatiche che tradizionalmente veniva colto nelle campagne romane. Il mix non era fisso, semplicemente si raccoglieva ciò che la natura offriva in quel momento. Attualmente la misticanza viene consumata come contorno aromatico per i secondi di carne o, più spesso, per delle insalate dal sapore corposo. Se volete integrare la misticanza nei vostri piatti, avete a disposizione due alternative: o coglierla voi stessi, direttamente in campagna, o acquistarla. In genere la si trova nei mercatini rionali, sebbene anche alcuni supermercati la vendano.

Ad ogni modo, la misticanza “classica”, o quella in qualche modo standardizzata, prevede le seguenti erbe e spezie: rucola, indivia, cicoria, tarassaco, cerfoglio ed erba stella. Come ho già detto, il mix è comunque variabile, per quanto la rucola, l’indivia e la cicoria non manchino mai. In questa ricetta la misticanza funge da letto sul quale adagiare il filetto già cotto, pronto per essere accompagnato con la deliziosa crema di formaggio spalmabile e pesto di pistacchio (ovviamente targato Pistì). Il consiglio è comunque di non abbondare, dal momento che il sapore e l’aroma della misticanza è abbastanza forte.

Ecco la ricetta del filetto di salmone in crosta con pesto di pistacchi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 filetti di salmone;
  • 4 cucchiai di farina di pistacchi Pistì;
  • 1 vasetto di pesto di pistacchi Pistì;
  • 80 gr. di formaggio spalmabile cremoso;
  • 2 cucchiai di granella di pistacchi Pistì;
  • qualche fogliolina di misticanza;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del filetto di salmone con pistacchi iniziate cospargendo i filetti con la farina di pistacchi. Fate scaldare un po’ di olio in una pentola antiaderente, adagiateci i filetti infarinati e fateli rosolare fino a quando non noterete la formazione di una crosticina croccante. A questo punto chiudete il coperchio e completate la cottura del salmone. Nel mentre, versate in una ciotola il pesto e il formaggio cremoso, mescolate e amalgamate aiutandovi con un po’ di acqua a temperatura ambiente. In questo modo formerete una salsina morbida. Infine, impiattate i filetti su un letto di foglie di misticanza, poi ricoprite con la crema e cospargete con la granella di pistacchi. Servite e buon appetito!

Print Friendly, PDF & Email

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.


26-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti