Pollo all’arancia e olive per la Festa della Donna

Pollo all arancia e olive
Commenti: 0 - Stampa

Pollo all’arancia e olive, un mix di sapori unico

Il pollo all’arancia e olive è un secondo particolare, da preparare per le occasioni speciali. Io lo consiglio per la Festa della Donna, importante ricorrenza che andrebbe onorata – perché no – anche mangiando bene. E questo piatto, in effetti, ha tutte le carte in regola per fornire un’occasione di convivialità certamente diversa dal solito, ma comunque gradevole. Anche perché propone un accostamento di sapori abbastanza raro per la cucina italiana, come suggerisce il suo stesso nome, un sentore agrodolce un po’ audace ma che vale la pena di essere assaporato.

Tra l’altro l’arancia non funge, come in molti piatti, da contorno sfizioso dando una nota di colore, ma interviene direttamente a conferire maggiore sapore al piatto. Nello specifico, il succo di arancia si trasforma in salsina, un elemento in grado di valorizzare la carne di pollo. In linea di massima, il pollo all’arancia e olive è un secondo abbastanza sui generis, ma anche equilibrato, nutriente e niente affatto grasso. Per giunta, non è nemmeno difficile da preparare e non richiede molto tempo.

La carne di pollo è con tutta probabilità quella più consumata in assoluto. Oltre alla reperibilità, di gran lunga superiore a quella del manzo e del suino, a incidere è il sapore, che è equilibrato e alla “portata” di tutti i palati, Inoltre, la carne di pollo è caratterizzata da una sostanziale morbidezza e da una digeribilità spiccata. Senza contare il valore nutrizionale, che è davvero elevato. Il riferimento è soprattutto alle proteine, che rappresentano il 20% del totale e spiccano per qualità e digeribilità. L’assenza dei grassi, se si esclude la pelle, è un’altro elemento a favore rispetto alle carni rosse. Inoltre, la carne di pollo è ricca di vitamine, sali minerali e contiene discrete dosi di vitamina B5, che aiuta ad alleviare lo stress e supporta le funzioni della ghiandola surrenale.

Il pollo apporta quantità più che discrete di vitamine B2 e B5, che esercitano un impatto positivo sulla salute della cute e sul metabolismo cellulare. Sono, inoltre, alti i livelli di fosforo (quasi al pari del pesce), che agiscono sulle funzionalità cognitive, ma anche su quelle del fegato e dei reni. Discorso simile per il magnesio e il potassio, che tra le altre cose ricoprono una funzione energizzante. A completare il tutto vi è un apporto calorico molto basso, inferiore a quasi tutte le carni attualmente a disposizione, pari a 110 kcal per 100 grammi (pelle esclusa). La carne di pollo si configura, quindi, un alimento da dieta. Anzi, è la carne ideale per chi vuole dimagrire e sostiene regimi alimenti ipocalorici. Da questo punto di vista va preferita alla carne di manzo e di suino. Non sostituisce il pesce, ovviamente, ma coesiste in una prospettiva di dieta equilibrata.

Perché impanare abbiamo utilizzato la farina di riso

Tra gli ingredienti “rari” della ricetta del pollo all’arancia e olive spicca la farina di riso. Essa viene impiegata, appunto, per infarinare la carne di pollo tagliata a cubetti, prima della rosolatura ovviamente. Si tratta di una scelta non comune, anche perché in genere si utilizza la classica farina di grano per questo genere di operazione. Si tratta comunque di una scelta azzeccata, per almeno due motivi. In primis, perché la farina di riso risulta più efficace in fase di panatura (infatti presenta una quantità di amido più elevata). Secondariamente perché ha un gusto diverso, dunque può rappresentare una gradevole variazione sul tema rispetto alle farine classiche.

Pollo all’arancia e olive

Inoltre, la farina di riso si caratterizza per alcuni pregi dal punto di vista nutrizionale. Presenta una concentrazione di proteine niente affatto trascurabile, a fronte di una minore quantità di grassi. Soprattutto, è naturalmente priva di glutine, il ché la rende edibile anche da chi soffre di problemi nell’assorbimento di questa sostanza. La sua presenza, dunque, rende il pollo all’arancia e olive un piatto perfetto anche per gli intolleranti al glutine e i celiaci.

Tutti i pregi della carne di pollo

Il protagonista di questa ricetta è ovviamente la carne di pollo. Nello specifico, essa viene tagliata a cubetti, infarinata, fatta rosolare e condita con il succo di arancia. L’abbinamento, come ho già accennato, è perfetto in quanto arricchisce il sapore normalmente delicato del pollo. Questa carne,  oltre a essere squisita, è anche piuttosto salutare. E’ classificata come carne bianca, e quindi meno calorica rispetto a quella di manzo o di suino. Apporta, infatti, una quantità piuttosto bassa di calorie, pari a 239 kcal per 100 grammi, a tal punto che viene spesso inserita nei regimi dietetici (occhio però ai grassi aggiunti in fase di cottura).

Ne consegue che la carne di pollo è poco grassa. In effetti, la quantità di lipidi è minima, pari a 3,6 ogni 100 grammi. In compenso, la quantità di proteine è ottima e non ha nulla da invidiare a quella di carni considerate generalmente più sostanziose. L’apporto proteico, nello specifico, consiste in 20 grammi ogni 100. La carne di pollo si caratterizza anche per una certa presenza di oligoelementi, tra cui il potassio e il calcio; abbastanza basso, invece, è l’apporto di ferro. La carne di pollo, infine, è apprezzata per la sua digeribilità, determinata soprattutto dalla quantità irrisoria di grassi e dalla scarsità di tessuto connettivo.

Ecco la ricetta del pollo all’arancia e olive

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 gr. di petto di pollo;
  • 2 arance biologiche non trattate;
  • 40 gr. di olive nere denocciolate (non in salamoia);
  • q. b. di farina di riso;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale e pepe nero.

Preparazione:

Per la preparazione del pollo all’arancia e olive iniziate riducendo la carne di pollo in cubetti per poi passarli nella farina, infine scuoteteli per eliminare la farina in eccesso. Lavate le due arance accuratamente, grattate la buccia di una delle due arance e conservatela. Successivamente, spremete la polpa di entrambe per ricavarne il succo. Fate scaldare dell’olio extravergine di oliva in una padella antiaderente, versateci i cubetti di pollo e rosolateli per pochi minuti avendo cura di girarli di tanto in tanto.

Versate il succo di arancia nella padella e con esso sfumate il pollo rosolato, mantenendo la fiamma alta. A questo punto unite anche la scorza di arancia grattugiata e le olive che avrete precedentemente tagliato a rondelle. Abbassate la fiamma al minimo, aggiungete un po’ di sale e pepe, chiudete con il coperchio e fate andare per una decina di minuti mescolando di tanto in tanto. Durante la cottura, il succo dovrebbe restringersi, coprendo la carne con una deliziosa salsina. Terminata la cottura servite il pollo caldo decorando con qualche scorza di arancia. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al mango

Semifreddo al mango, un dessert fresco e fruttato

Semifreddo al mango, un dessert diverso dagli altri Il semifreddo al mango è un dessert squisito, diverso dagli altri per gusto, impatto visivo e procedimento di preparazione. Inoltre, viene...

Quadrotti in crosta con tartufo

Quadrotti in crosta con tartufo per la Festa...

Quadrotti in crosta con fonduta di tartufo, tra il rustico e il gourmet I quadrotti in crosta con fonduta di tartufo sono un primo piatto molto corposo, tra il rustico e il gourmet. I sapori sono...

Tartufini di pan di Spagna al cocco e riso

Tartufini di pan di Spagna al cocco per...

Tartufini di pan di Spagna: una coccola per la festa della donna E' arrivata la festa della donna! Quest’anno ditelo con i tartufini di Pan di Spagna al cocco e riso nero. Non c’è gesto più...

Bocconcini mimosa

Bocconcini mimosa, ideali per la Festa della Donna

Bocconcini mimosa, un’idea semplice ma azzeccata I bocconcini mimosa sono un’idea suggestiva, gustosa e facile da preparare per la Festa della Donna. Sono anche a tema, in quanto rievocano i...

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella, buoni sempre I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao sono un’idea davvero sfiziosa, colorata per un dessert in...

Cestini croccanti con crema e frutta

Cestini croccanti con crema e frutta, gioia al...

Cestini croccanti con crema e frutta fresca, il momento ideale per questo dessert I cestini croccanti con crema e frutta fresca sono un’idea davvero carina, oltre che gustosa, per un dessert, una...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti