Plin di arrosto fatti in casa, gli agnolotti piemontesi

Plin di arrosto
Commenti: 0 - Stampa

Assaporiamo i tradizionali agnolotti piemontesi

Quest’oggi abbiamo deciso di portare a tavola i sapori tipici del Piemonte e, tra questi, i plin di arrosto fatti in casa rivestono un ruolo d’onore. Una delle specialità più buone al mondo per noi ma anche una delle più invidiate, parliamo della pasta fresca fatta in casa ed in particolare dei plin di arrosto.

I plin di arrosto sono in sostanza gli agnolotti ripieni, sapientemente richiusi e rintagliati che diventano piccoli scrigni di sapori nostrani e tradizioni. Il sapore di questi agnolotti è così intenso che amiamo gustarli in semplicità, con del brodo o magari solo con burro e formaggio parmigiano reggiano.

Plin di arrosto fatti in casa, un primo casereccio da veri MasterChef!

Preparando i plin di arrosto fatti in casa potrete dimostrare tutte le vostre abilità in cucina. Potrete stupire i vostri commensali mostrando i sapori autentici della cucina tradizionale e regionale italiana, un marchio di fabbrica, quello dell’agnolotto piemontese, il cui stampo distintivo è a forma di “pizzicotto”. Plin in dialetto piemontese significa pizzicotto.

Proprio quel pizzicotto che dovrete fare con le dita per mantenere e proteggere la farcitura all’interno della pasta fresca. Lo stesso segno distintivo che potrete trovate ed apprezzare nelle terre d’origine di questa pasta ripiena, precisamente tra Langhe e Monferrato.

plin crudi

Una farcitura a base di carne arrosto super-saporita

Questi deliziosi plin di arrosto fatti in casa devono gran parte del loro sapore alla carne selezionata per comporre la loro farcitura. In ogni caso si tratta di carne arrostita, ma su quale animale scegliere possono esservi diverse opzioni. Vitello, maiale, coniglio o persino asino, sono tra le carni più adatte a questi agnolotti, ogni scelta è portatrice di un proprio bagaglio di sapori e con una variante interessante da degustare.

Nella nostra ricetta abbiamo deciso di tentare un fortunato mix tra vitello e maiale, ma – se lo preferite – potrete di volta in volta variare la composizione per risultati diversi e stupefacenti.

Ed ecco la ricetta dei plin di arrosto fatti in casa:

Ingredienti:

Per la pasta:

  • 300 gr. di farina
  • 3 uova
  • 1 cucchiaio d’olio d’oliva
  • q. b. di sale

Per la farcia:

  • 500 gr. di arrosto di vitello
  • 500 gr. di arrosto di maiale
  • 200 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 2 uova
  • 200 gr. di riso
  • 2 mestoli di brodo vegetale
  • 1 cipolla
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di rosmarino tritato
  • 1 grattatatina di noce moscata
  • q. b. di sale e pepe

Per condire:

  • 60 gr. di burro chiarificato
  • 50 gr. di parmigiano grattugiato

Preparazione:

Per preparare i plin di arrosto fatti in casa, dedicatevi come prima cosa all’impasto degli agnolotti. Setacciate la farina e mettetela in una coppetta, formando un vulcano con al centro le uova sbattute ed un pizzico di sale. Cominciate ad unire gli ingredienti con una forchetta e, non appena l’impasto si fa omogeneo e consistente, versatelo su di una spianatoia infarinata. Lavorate l’impasto, a questo punto, con le mani, insistendo energicamente per circa 10 minuti. Dovrete ottenere un composto elastico, liscio e privo di grumi.

Prendete la palla d’impasto ed avvolgetela completamente con la pellicola per alimenti. Mettete l’impasto così imballato a riposare nel frigorifero per almeno 30 minuti. Prendete una cipolla, sbucciatela e tagliatela a fettine sottilissime. Mettete le fettine di cipolla in padella con un fondo d’olio e fatele imbiondire assieme ad un rametto di rosmarino. Prendete due pezzi di carne da arrosto e metteteli in padella con la fiamma vivace, assieme ad un pizzico di sale. Versate, poi, del vino rosso sulla carne e continuate la cottura a fiamma forte affinché il vino possa restringersi.

Man mano che il vino diminuisce ed evapora, aggiungete due mestoli d’acqua o di brodo vegetale. Coprite l’arrosto con un coperchio ed abbassate il fuoco, continuando la cottura per ulteriori due ore. Di tanto in tanto verificate che il liquido di cottura non sia eccessivamente scarso ed eventualmente aggiungete dell’altro brodo a necessità. Terminata la cottura, la carne dovrà essere tenerissima ed andrà passata nel tritacarne e conservata in una coppetta.

Ma non è finita!

Lessate il riso, scolatelo e conditelo con del burro e del parmigiano.. Aggiungete alla carne trita , il parmigiano grattugiato, il riso, sale, pepe e le uova intere. Unite tutti gli ingredienti, amalgamando con cura il composto che farà da ripieno per gli agnolotti.

Recuperate la pasta dal frigorifero e dividetela in quattro parti uguali. Con una macchinetta o col mattarello, schiacciate le porzioni e ricavate delle sfoglie sottili. Prendete con dei cucchiaini delle piccole palline di ripieno, grosse più o meno come nocciole, ed adagiatele sulla sfoglia a poca distanza l’una dall’altra. Piegate la sfoglia, risvoltandola sui ripieni e pizzicate la pasta sui lembi, facendo uscire l’aria e sigillando bene il ripieno all’interno.

Ritagliate i ravioli con la rotella, tagliando lungo la parte chiusa e scorrendo versi i due lembi sovrapposti. Adagiate la pasta ripiena, man mano che è pronta, su di un canovaccio infarinato. Una volta completata l’operazione, gli agnolotti sono pronti per essere cotti in abbondante acqua salata. Scolateli dopo pochi minuti con la schiumarola e metteteli in un piatto da portata fondo. Potrete insaporire i vostri plin di arrosto saltandoli con burro fuso e parmigiano grattugiato. Servite il piatto caldo e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

cock a leekie

Cock a leekie, la zuppa di pollo della...

Cock a leekie, un pasto completo e squisito Il cock a leekie è un piatto tipico della cucina scozzese. Si tratta di una cucina che è capace di regalare degli spunti interessanti, diversi da quelli...

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti