Barretta di crema al mascarpone: delizia fruttata

Il segreto della barretta di crema al mascarpone

La barretta di crema al mascarpone, che dall’esterno potrebbe apparire un dolce tutto sommato normale, ha una particolarità che lo fa spiccare in mezzo a preparazioni dello stesso tipo: non è realizzato con la classica farina bianca bensì con la farina di sorgo. Non è una differenza da poco. Anche perché la farina di sorgo è considerata un super alimento, ovvero un alimento ricchissimo di valori nutrizionali. Contiene, infatti, fibre, carboidrati e una quantità rilevante di proteine. Insomma, è un alimento completo.

Non solo, la farina di sorgo è compatibile al 100% con le diete dimagranti. Il suo indice glicemico è straordinariamente basso. Ciò significa che sopprime il senso della fame a lungo, a differenza della farina bianca che, di contro, la fame la fa venire nel giro di pochissime ore. Il gusto del sorgo, poi, è eccellente e si caratterizza per un sentore integrale, parzialmente rustico. Infine, è senza glutine.

Lo zucchero bruno di canna

Uno degli ingredienti insoliti nella ricetta della barretta di crema al mascarpone è rappresentato dallo zucchero bruno di canna, che qui sostituisce lo zucchero bianco. Tale scelta è pienamente giustificata, ma essa non è determinata da esigenze salutistiche. Checché ne dica il senso comune, lo zucchero bruno di canna non fa meno male dello zucchero bianco. E’ una bufala. Dal punto di vista nutrizionale le due tipologie si assomigliano tantissimo.

Barretta di crema al mascarpone

Semmai, la scelta dello zucchero bruno di canna è giustificata da esigenze legate al gusto. Questa variante, infatti, contiene dei residui di melassa e quindi si caratterizza per il sentore di caramello. In virtù di ciò, può essere maggiormente indicato per le produzioni dolciarie che prevedono la presenza di creme.

Il malto di riso

Il resto dello zucchero è dato dal malto di riso. Questa scelta, in realtà, appare persino più istrionica e certamente poco corrispondente alla tradizione italiana. E’ però una scelta molto saggia, che genera piacevoli conseguenze dal punto di vista organolettico e nutrizionale. Il malto di riso, come molti già sanno, è un dolcificante naturale che si ricava dal riso. Molti sono i suoi benefici.

In primo luogo, è meno calorico dello zucchero normale. Secondariamente, presenta un indice glicemico molto basso, dunque può essere integrato nelle diete finalizzate al dimagrimento. Infine, contribuisce ad evitare o alleviare le problematiche intestinali, irritabilità del colon e meteorismo in testa. Ovviamente, non contiene glutine, dunque può essere consumato da chi soffre di celiachia.

Ecco la ricetta della barretta di crema al mascarpone e cereali con pan di spagna al sorgo

Ingredienti per 4/6 persone

Per il pan di spagna:

  • 200 gr di uova intere
  • 100 gr di zucchero bruno di canna
  • 100 gr di farina di sorgo
  • 40 gr di amido di mais

Per la crema:

  • 250 gr di mascarpone
  • 250 gr di panna
  • 50 gr di malto di riso

Preparazione:

Per preparare il pan di spagna seguite la ricetta tradizionale: montate gli albumi con lo zucchero e inserite gli altri ingredienti con gradualità, continuate a sbattere fino alla formazione di un composto fluido ma denso, infine infornate per 15-20 minuti a 180 gradi.

Per preparare la crema mescolate mascarpone e malto con una frusta, infine aggiungete con gradualità la panna semimontata, continuate fino all’ottenimento di una massa omogenea e liscia. Adesso montate il dolce: ritagliate una fetta di pan di spagna lunga 10 cm e larga 3 cm. Aiutandovi con una sac a poche disponete la crema sul pan di spagna disegnando una spirale. Decorate il dolce con cereali da muesli, frutta essiccata e un po’ di malto.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *