Pavlova al tè chai, una bontà da Cucchiaio D’Argento!

Pavlova al tè chai
Commenti: 0 - Stampa

Un dessert che arriva dall’Australia

La Pavlova al tè chai e lamponi è un dessert raffinato e particolarissimo che ha fatto tanta strada per arrivare fin sulla nostra tavola. Questo dessert è composto da meringa, panna e frutta, elementi che si uniscono, abbracciati da un voluttuoso e morbido abbraccio. Il dolce, le cui forme ricordano una danza armoniosa, fu dedicato alla ballerina Anna Pavlovna Pavlova, una delle più talentuose del XX secolo.

Questa delizia nacque a seguito della tournée della Pavlova tra Australia e Nuova Zelanda, show di danza che ammaliò talmente tanto il pubblico da ispirare questo dolce particolarissimo, poi diventato estremamente rappresentativo. La Pavlova è un dessert particolarmente elegante e complesso che stupisce nel suo accostamento tra il dolce della meringa e la frutta in purezza, il tutto unito da abbondante panna montata.

Pavlova al tè chai e lamponi, una chicca da Il Cucchiaio d’Argento

Il dessert di oggi, la Pavlova al tè chai e lamponi, è una ricetta tratta dal libro Scuola di Pasticceria de Il Cucchiaio d’Argento, un volume tutto dedicato ai dolci che ci è piaciuto moltissimo. Questa interessante lettura è un gentilissimo regalo che abbiamo ricevuto recentemente e che andrà ad arricchire la nostra raccolta di ricettari, sempre fonte di preziose ispirazioni.

Pavlova al tè chai

Tra le tante ricette presenti, tra torte e dolcetti da preparare in casa, uno più buono dell’altro, abbiamo scelto questa Pavlova perché senza glutine e senza lattosio. Un dessert che unisce tutto il buono della frutta e la golosità della panna ad una raffinata eleganza. Un prodotto che per mille motivi potrà impreziosire la nostra tavola e mostrare le nostre abilità da chef stellati.

Dall’Australia all’India le note aromatiche del tè chai

Questa Pavlova al tè chai e lamponi è una dolce tentazione dal sapore internazionale. A questa ricetta australiana abbiamo aggiunto il tè più amato d’India, il tè chai appunto. Questo tipo di tè si distingue per un sapore particolarmente speziato, generalmente gustato assieme a del latte caldo. Possiamo distinguere cardamomo, chiodi di garofano, cannella, zenzero, anice stellato, pepe e semi di finocchio, come note aromatiche del tè chai.

Le dosi di queste spezie sono soggettive e diverse in base al fornitore di questo prodotto, ma già elencarle ci da un’idea del sapore particolarissimo che si può ottenere facendo un infuso con tutti questi aromi. Questo sapore di tè va ad arricchire la meringa della Pavlova e si unisce all’agrodolce dato dalla coulis di lamponi che funge da topping decorativo e sapore aggiunto per tutto il dessert.

Ed ecco la ricetta della Pavlova al tè chai e lamponi:

per la Pavlova:

  • 4 uova
  • 200 gr. di zucchero semolato finissimo
  • ½ cucchiaino di spezie per tè chai frullate
  • 3 dl. di panna fresca consentita
  • 250 gr. di lamponi

per il coulis di lamponi:

  • 1 litro di acqua
  • 60 gr. di zucchero
  • 200 gr. di lamponi
  • 1 limone

Preparazione:

La Pavlova al tè chai e lamponi si prepara a partire dalla meringa svizzera. Separate dunque i tuorli dagli albumi. Mettete i bianchi d’uovo in una terrina con lo zucchero e ponete la terrina a bagnomaria. Utilizzate poca acqua, portate ad ebollizione e montate gli ingredienti con una frusta. Questa operazione servirà a far sciogliere lo zucchero mentre si unisce alle uova, quindi continuate a mescolare fino a che il composto non raggiungerà 45°.

Verificate la temperatura con un apposito termometro per alimenti ad immersione. Quando il composto sarà a 45°, versatelo nella ciotola della planetaria e montatelo a media velocità. Ne otterrete un composto sodo e lucido. Unitevi mezzo cucchiaino di spezie per tè chai frullate ed amalgamate bene. Prendete, poi, un foglio di carta da forno e disegnate un cerchio di 18 centimetri di diametro. Rovesciate questo foglio su di una teglia e versatevi la meringa, cercando di contenerla nei bordi del cerchio.

Stendete la meringa con un cucchiaio grosso così da formare un cerchio di dimensione uniforme ma con un’ampia cavità al centro. Livellate i bordi esterni con una spatola, facendola scorrere dal basso verso l’alto. Mettete la meringa in cottura a 100°, in un forno pre-riscaldato, per circa 2 ore. Mentre la meringa è in cottura, preparate il coulis di lamponi.

Mettete in un pentolino acqua e zucchero, portandoli ad ebollizione. Lasciate raffreddare lo sciroppo così ottenuto e frullate i lamponi direttamente con il mixer ad immersione, aggiungendo al composto di lamponi frullati un cucchiaio di succo di limone. Unite lo sciroppo con la purea di lamponi e passate ancora un po’ col frullatore ad immersione. Versate il liquido ottenuto attraverso il colino così da ottenere una coulis liscia e senza semini ed impurità.

Montate la panna e, con un sac à poche, disponetela al centro della meringa sfornata e raffreddata. Completate la Pavlova al tè chai e lamponi, adagiando sulla panna i lamponi freschi e lavati e versando la coulis di lamponi.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-11-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti