Fagottini ripieni di bontà e salute: le mele in sfoglia!

mele in sfoglia
Commenti: 0 - Stampa

Qualcuno gradisce un dessert con mele in sfoglia?

Preparare le mele in sfoglia è uno di quei dessert semplici e di sicuro successo, da preparare anche all’ultimo minuto. Arriva una chiamata, ospiti improvvisi. Nessun problema! Il tempo di prendere il rotolo di sfoglia dal frigo e la fantasia galoppa…

La bellezza di questa ricetta risiede nel fatto di essere composta da ingredienti sempre disponibili in casa. Pochi minuti e la magia è fatta! Uno scrigno di dolcezza fumante, con un cuore morbido e profumatissimo di cannella.

Questo dolce potrà essere servito come goloso dopo pasto, a colazione, a merenda, quando vorrete! Semplicemente un piacere da assaporare, morso dopo morso.

Sfoglia e mele… più classico di così, non si può!

L’abbinata pasta sfoglia e mele è una delle più classiche e riuscite di ogni tempo. La pasta sfoglia offre il suo ricco e calorico abbraccio, sposandosi alla perfezione con la mela, ma anche con qualsivoglia altra dolce farcitura. Sfoglia, mele, zucchero e cannella ricordano non poco lo strudel, ma in questa versione ricaverete dei monoporzione ancor più pratici da gustare e con più mela all’interno.

Il profumo di cannella resta anche nel caso delle mele in sfoglia particolarmente prevalente, assieme al gusto dolciastro e morbido delle mele cotte. Un dessert che sa di famiglia. Una calda coccola per tutte le stagioni.

mele in sfoglia

Nutrimento, gusto ed una spruzzata di calorie

La pasta sfoglia è un elemento base di moltissime ricette, sia dolci che salate. Farina, acqua, sale e burro, sono gli ingredienti che compongono questa leccornia senza tempo.

Inutile negarlo, nel caso della pasta sfoglia dobbiamo segnalare una condanna senza possibilità d’appello: la pasta sfoglia è buonissima, ma calorica e ricca di grassi e carboidrati complessi. La pasta sfoglia non è certo adatta ad una dieta ipocalorica o ad un regime d’ipocolesterolemia.

Scarse fibre, pochissime vitamine, quantità di calcio trascurabili. Risulta al contrario piuttosto alto il sodio, quindi la pasta sfoglia non è un alimento adatto in caso d’ipertensione arteriosa.

Insomma, pur cercando la pasta sfoglia più adatta in relazione alle intolleranze o ai problemi della nostra dieta, resta comunque uno strappo alla regola, uno di quelli che ogni tanto è anche bene concederci.

Le mele in sfoglia sono quindi composte da una quota golosa, la sfoglia, assieme all’alimento sano per eccellenza, le mele appunto. Betacarotene, vitamine, fibre, fluoro, pectina, acidi fosforici e benzonici della mela, costituiscono un ricchissimo apporto nutrizionale, buone quanto salutari!

Ed ecco la ricetta delle mele in sfoglia:

Ingredienti:

  • 2 rotoli di pasta sfoglia consentita (per me Exquisa)
  • 4 mele
  • 80 gr. di uva sultanina
  • 4 cucchiai di miele
  • 80 gr. di frutta secca assortita (nocciole, noci, mandorle)
  • 1 pizzico di cannella in polvere
  • 3 cucchiai di zucchero di canna
  • 1 uovo
  • q.b. di zucchero a velo
  • q.b. di burro chiarificato

Preparazione:

Ponete l’uvetta in una ciotolina piena d’acqua e lasciatela ammorbidire.

Dopo una decina di minuti, scolatela e strizzate via il liquido in eccesso.

Tritate quindi l’uvetta ammorbidita e la frutta secca grossolanamente.

Unite al trito la cannella ed il miele.

Lavate ora le mele, rimuovete torsolo, semini e buccia ed introducete, infine, il trito di spezie nella cavità della mela stessa.

Adagiate le mele condite in una pirofila imburrata con del burro chiarificato; cospargete, infine, il tutto con qualche altro tocco di burro e dello zucchero.

Cuocete in forno preriscaldato a 200° per circa 15 minuti.

Dopo la cottura, lasciate raffreddare le mele.

Intanto, srotolate i rotoli di pasta sfoglia e ritagliate dei quadrati.

I fazzoletti di sfoglia ritagliati dovranno essere di dimensioni tali da riuscire a ricoprire le mele.

Appoggiate la mela al centro del quadrato di sfoglia ed usate gli angoli di pasta per ricoprire il frutto e sigillarlo all’interno.

Mettete ora le mele così ricoperte su di una placca da forno con della carta forno.

Sbattete un uovo e con un pennellino spalmatelo sulla sfoglia.

Cuocete le mele in sfoglia nel forno a 220° per circa 20-25 minuti.

La sfoglia tenderà a dorarsi, a quel punto dovrete spolverizzare dello zucchero a velo e rimettere in forno con funzione grill per qualche minuto, così che la superficie possa caramellarsi.

Le mele in sfoglia saranno deliziose da servire calde, magari – se gradita – con della crema inglese d’accompagnamento.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-11-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti