Capriolo in salsa di mirtilli, un sapore straordinario!

Capriolo in salsa di mirtilli
Commenti: 0 - Stampa

A caccia di sapori decisi con la carne di capriolo.

Capriolo in salsa di mirtilli , un sapore straordinario!. L’accostamento capriolo e mirtilli vi sembra azzardato? Probabilmente non avete molta dimestichezza con la cucina d’oltralpe, dove la carne di cacciagione viene spesso abbinata con frutta e marmellate!

Allontanate per un momento i pregiudizi e scoprirete un piatto dal sapore straordinario! La carne di capriolo, con il suo gusto selvaggio, viene domata e valorizzata dall’aspro fruttato dei mirtilli.

Una bontà che si scioglie letteralmente in bocca, considerata la tenerezza della carne ottenuta con una lunga marinatura. Ed è, infatti, proprio la marinatura uno dei segreti di questo capriolo in salsa di mirtilli, una ricetta davvero speciale da dedicare ad un’occasione speciale!

Le diverse ore necessarie per una buona marinatura e le varie fasi della cottura, rendono questa pietanza particolarmente impegnativa. Non lasciatevi scoraggiare però, perché il sapore vi ripagherà dello sforzo fatto!

Il capriolo in salsa di mirtilli direttamente dal Trentino

Il capriolo in salsa di mirtilli che vi proponiamo quest’oggi, è una meravigliosa ricetta tratta dalla tradizione del Trentino Alto Adige. La carne di capriolo, cacciata localmente tra le montagne, viene valorizzata da una preparazione lunga ed elaborata. Lo spezzatino di capriolo con questa crema di mirtilli è una delizia che stupisce il palato.

Non è casuale che proprio i mirtilli siano stati scelti in abbinamento alla carne di capriolo. I frutti di bosco, infatti, nascono spontanei e vengono frequentemente coltivati proprio in quelle aree ed è dunque facile reperirli freschi ed utilizzarli in cucina.

Grazie alla tecnologia ed al commercio, possiamo assaporare questa meraviglia in qualsiasi parte d’Italia e del mondo, godendo di questi sapori tramandati di generazione in generazione!

Capriolo in salsa di mirtilli

Il segreto per preparare al meglio la carne di capriolo

La carne di capriolo è una carne da selvaggina, definibile tecnicamente “selvaggina da pelo”. La carne di questo tipo si distingue per un colore scuro, rosso vivace anche dopo la cottura. Il capriolo ha una carne particolarmente gustosa, prelibata potremmo dire, che regala sapori ed emozioni inediti. In alcune regioni, come anche la Toscana, il consumo di selvaggina è un vero e proprio marchio di fabbrica della cucina locale.

Ma come si fa a prepararla al meglio? Quali accortezze richiedono queste carni?

Il segreto per preparare al meglio una buona carne di cacciagione è sempre una marinatura lunga con vino ed erbe aromatiche.  La marinatura di diverse ore, con la giusta dose di aromi e vino, garantisce tenerezza alla carne ed al tempo stello le regala un profumo inebriante, mitigando l’eccessivo sapore di selvaggio.

Ed ecco la ricetta del capriolo in salsa di mirtilli:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 1 kg di polpa di capriolo
  • 150 gr. di pancetta
  • 1 bottiglia di vino rosso
  • 200 gr. di mirtilli
  • 4 bacche di ginepro e qualche fogliolina di salvia
  • 3 foglie di alloro
  • 4 chiodi di garofano e 1 stecca di cannella
  • Mix per soffritto (1 cipolla, 1 carota e un gambo di sedano)
  • 1 dl di panna consentita
  • q. b. di farina di riso
  • 5 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • q.b. di sale e pepe

Preparazione:

Lavate, mondate e tagliate a dadini piccoli le verdure e ponetele in una terrina capiente con lo spezzatino di capriolo.

Aggiungete tutti gli odori, dunque cannella, garofano, alloro, salvia e ginepro.

Coprite il tutto con il vino rosso e lasciate marinare per circa 24 ore. Ogni tanto mescolate.

Trascorso il tempo di marinatura, scolate la carne e le verdure e ponetele da parte.

In una pentola scottate la pancetta con un filo d’olio e la cipolla tagliata finemente.

Mentre la pancetta rosola, infarinate i pezzetti di capriolo e metteteli nella pentola assieme alla pancetta.

Aggiungete quindi anche le verdure marinate, lasciando insaporire il tutto.

Versate il liquido di marinatura direttamente in padella, passandolo tramite un colino filtrante così da rimuovere le spezie grossolane e lasciar passare il resto.

Mentre procede la cottura, aggiustate di sale e pepe, quanto basta.

Coprite dunque la padella con un coperchio e lasciate cuocere a fuoco lento per circa 1 ora e mezza.

Rimuovete la carne dal sughetto e tenetela da parte, al caldo.

Aggiungete infine i mirtilli alla padella con il sughetto di cottura del capriolo e portate a bollore.

Dopo circa 5 minuti, versate tutto il sughetto con i mirtilli nel frullatore e tritate finemente fino ad ottenere una crema.

Versate di nuovo questo sughetto frullato nella padella, unendo la panna e lo spezzatino di capriolo così che possano amalgamarsi.

Dopo un paio di minuti, il piatto sarà finalmente pronto per essere servito.

Buon appetito

2/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-11-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti