Tagliatelle al ragù di cinghiale, piatto che conquista

tagliatelle al ragu di cinghiale
Commenti: 0 - Stampa

Un piatto domenicale: tagliatelle al ragù di cinghiale

Le tagliatelle al ragù di cinghiale si presentano come un primo piatto tipicamente invernale, proprio come tutte le preparazioni di carne che richiedono lunghi tempi di cottura. Chiaramente, nulla ci vieta di preparare questa gustosa pietanza durante le altre stagioni! Infatti, si rivela una ricetta ideale per ogni domenica in famiglia e anche per una cena di dicembre, da gustare al fianco di un camino acceso e di un calice di vino rosso corposo, magari un Chianti della Toscana, la terra dalla quale trova origine questo piatto.

La realizzazione delle tagliatelle al ragù di cinghiale parte dalla scelta del tipo di pasta da utilizzare: industriale, comprata al pastificio o fatta in casa? L’ultima opzione è decisamente la migliore, anche perché questa preparazione rappresenta un valido stimolo per mettere in pratica le vostre abilità culinarie e per stupire i propri ospiti e familiari… Uova, farina e mattarello saranno i vostri fedeli alleati!

Parliamo della carne di cinghiale

La carne di cinghiale appartiene alle cosiddette carni nere e si presenta con un colore rosso più o meno intenso, che varia a seconda dell’età degli animali. In ogni caso, ha un gusto forte e particolare, come accade sempre quando si tratta di selvaggina… Per questo, le tagliatelle al ragù di cinghiale sono così buone e apprezzate! Questa carne propone pochi grassi, parecchie proteine e, inoltre, è tendenzialmente fibrosa e consistente.

Pertanto, necessita di una cottura molto lunga, motivo per cui la preparazione delle tagliatelle al ragù di cinghiale parte con almeno un giorno d’anticipo… ma ne vale la pena! Questa carne necessita infatti di una buona marinatura, atta ad eliminare l’odore della selvaggina e ad aromatizzarla. Tre passaggi di marinatura della durata di 12 ore ciascuno sono il top: un primo in acqua e sale per pulirla dal sangue, un secondo con vino e aceto per smorzarne gli odori troppo forti, e un terzo con le spezie per aromatizzarla.

Tagliatelle al ragù di cinghiale

Le caratteristiche delle tagliatelle al ragù di cinghiale

Il terzo passaggio di marinatura si affronta la notte antecedente la cottura, lasciando la carne in ammollo con odori, spezie, vino rosso e un po’ di cognac. Il giorno successivo, la carne ripulita potrà essere tritata e messa in cottura per qualche ora per portare a termine preparazione delle tagliatelle al ragù di cinghiale. È proprio l’ultima fase prima della cottura che dona alla carne un sapore eccezionale… Quindi, sì: fin dal primo boccone, la vostra fatica sarà ampiamente ripagata!

Portare in tavola le tagliatelle al ragù di cinghiale, dopo la lunga marinatura, vi consentirà di assaporare un piatto accompagnato da tanti golosi aromi. Perciò, anche se il tempo necessario per la preparazione di questa ricetta è notevole, non siate scettici: avrete a che fare con una pietanza intensa e avvolgente… che verrà apprezzata da ogni vostro ospite!

La particolarità della carne di cinghiale.

Il buon gusto selvatico del ragù di cinghiale. La carne di cacciagione, ed in particolare quella di cinghiale, è particolarmente ricercata e consumata in Toscana. Tra le tante arti e virtù di questa regione c’è, infatti, anche il merito di avere nella propria tradizione culinaria una vasta attenzione per le carni più selvagge. Per una domenica, abbandonate i classici bovino e suino e dedicatevi ai piaceri della cacciagione… sapori capaci di scaldare il cuore, a partire dalle papille gustative!

Volendo descrivere il sapore della carne di cinghiali a chiunque non avesse mai avuto la possibilità di assaggiarla, potremmo dire che la carne di cinghiale sia piuttosto simile a quella di maiale ma con una tenerezza ed una nota selvaggia davvero distinguibili. L’accostamento con le verdure tipiche del soffritto e le spezie della marinatura, esalta il sapore robusto e peculiare di questa carne, regalando un’armonia deliziosa per il palato.

Un primo da grandi occasioni

Festività in avvicinamento? Non sapete cosa preparare per il pranzo domenicale? Stanchi del solito ragù? Abbiamo la soluzione che fa al caso vostro! Con il ragù di cinghiale sceglierete un piatto dai sapori decisi. La carne di cinghiale conserva, anche dopo la lunga marinatura, tutto il suo carattere. Questo ragù, fatto con una carne di cacciagione, è particolarmente gustoso, grazie anche al mix di spezie e verdure che lo arricchiscono.

Una bontà di questo tipo si presta sicuramente bene ad essere assaporata con una buona pasta, ma con un ragù così buono viene davvero la tentazione di gustarlo al cucchiaio! Non a caso, potrebbe essere una meravigliosa idea quello di servirlo a tavola con un bel piatto di crostini. Vi basterà prendere del pane, ridurlo a fette, tostarlo ed aromatizzarlo con origano ed un giro d’olio extravergine d’oliva… vedrete che delizia e che piacere intingere i crostini nel ragù! A sol pensarci, abbiamo l’acquolina in bocca! Voi no?

Un’esplosione di sapori col ragù di cinghiale

Un ragù che conquista, assaggio dopo assaggio. Il ragù di cinghiale, proposto in questa ricetta è una vera delizia che potranno apprezzare tutti. Se disponete di una bella polpa di cinghiale, non potete, infatti, privarvi del piacere di questo ragù. L’abbinamento ideale è senz’altro con una pasta all’uovo, oppure con qualsivoglia pasta porosa ed adatta ai sughi importanti.

Che ne direste delle pappardelle? O magari le tagliatelle? Il segreto sarà quello di scegliere in abbinamento una pasta lunga, capace d’avvolgere il ragù ed assorbirne il ricco sapore.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di Tagliatelle all’uovo DeAngelis
  • 500 gr. di polpa cinghiale
  • 3 spicchi d’aglio
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 costola di sedano
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie di salvia
  • 1 ciuffo di prezzemolo, 1 pizzico di timo e 1 pizzico di maggiorana
  • 2 foglie di basilico, 2 bacche di ginepro e 1 chiodo di garofano
  • 1 bottiglia di vino rosso corposo
  • 1/2 bicchiere di Cognac VS – Martell
  • 300 gr. di passata di pomodoro
  • 4 cucchiai di  olio d’oliva extravergine
  • q.b. sale fino e pepe nero in grani
  • q.b. parmigiano reggiano grattugiato
  • q.b. pecorino grattugiato

Preparazione

In una terrina mettete a marinare per una notte la carne di cinghiale tagliata a pezzettini con il vino ed un trito di odori.

Trascorso il tempo detto, scolatelo, tagliatelo finemente a coltello e fatelo rosolare in una casseruola con l’olio e l’aglio. Sfumatelo con il cognac e, quando quest’ultimo sarà evaporato, aggiungete un po’ d’acqua e fatela evaporare lentamente a pentola scoperta.

Aggiungete un trito di erbe aromatiche, la passata di pomodoro e fate cuocere il ragù a fuoco basso per almeno due ore.

Lessate e scolate le tagliatelle, conditele con il ragù preparato e un’abbondante spolverata di pecorino e parmigiano grattugiati.

ragu cinghiale or cl sf

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-10-2014
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti