Black Russian: il cocktail dolce dal gran carattere!

Black Russian
Commenti: 0 - Stampa

Il sogno di tutti gli amanti dei cocktail: il Black Russian

Il Black Russian è tra tutti i cocktails classici forse quello più amato, e lo è senz’altro tra gli irreducibili del caffè: la sua origine risale al 1949. Da allora ha ammaliato tutti gli amanti dei cocktails after dinner acquisendo ben presto fama internazionale, vuoi per il suo sapore deciso, vuoi per la presenza in esso di caffè espresso, il nostro appunto, tra i più invidiati in tutto il mondo.

Per la ricetta di oggi, di facilissima preparazione, fatta con soli tre ingredienti, ci ispiriamo ad una tipica ricetta russa…qui la vodka è immancabile. Al tempo stesso, però, non vogliamo certo perdere di vista il gusto inimitabile del nostro caffè espresso per un risultato stravolgente, così da rispettare le origini e la vocazione di questo cocktail, in grado di assurgere a protagonista indiscusso di ogni allegra serata tra amici.

Due rivisitazioni di cocktails ideali per i nostri aperitivi

Nessuno può resistere all’aroma del caffè espresso, capace di essere avvertito a distanza, con tutta la carica e l’energia che dà. In alternativa al Black Russian è possibile realizzare un cocktail americano ma italiano al 100% in quanto preparato con ingredienti tutti tipicamente italiani: il Campari, di Milano, il Vermut di Torino e la Soda è anch’essa milanese. Questi si sposano alla perfezione, unitamente ad una immancabile fettina di limone e di arancia, con ghiaccio, ovviamente.

Black Russian

Se la ricerca della genuinità a tutti i costi caratterizza non solo le vostre scelte alimentari, ma anche le vostre bevande, allora ecco la versione che fa per voi: il cocktail di arance e rapanelli, il prezioso incontro tra ingredienti benefici per la nostra salute, toccasana per il nostro star bene, specie all’insorgere dei primi rigori dell’inverno. L’aggiunta di prosecco conferisce quel tocco di magia e di eleganza tipico di queste bevande immancabili in occasione di un lieto aperitivo.

Cosa rende unico e speciale il Black Russian

Non tutti sanno che fra i cocktails il Black Russian è forse uno dei più classici. Questa caratteristica è dovuta anche alle sue origini, legate alla felice scelta del barman dell’hotel Metropole di Bruxelles di prepararlo per l’ambasciatore americano, dando così vita ad uno dei cocktail tutt’oggi più richiesti dalle note organolettiche decise ed intense. La presentazione conta molto, per questo vi consigliamo di scegliere un bicchiere adatto e delle belle cannucce.

Il Black Russian inutile forse anche dirlo, va servito freddo, magari lo possiamo accompagnare con delle ciliegie sciroppate che ben legano con il sapore della Vodka. Anche qualche pasticcino al rhum si sposa benissimo con questo fantastico drink. Ovviamente, per un buon risultato, tutto dipende però prima di ogni altra cosa dalla qualità del caffè utilizzato. Quindi, il nostro consiglio è quello di scegliere il meglio.

Ed ecco la ricetta del Black Russian

 Ingredienti:

  • 3 cl. di caffè Variations Paris Espresso
  • 6 cl. di vodka Blu Ice
  • q.b. ghiaccio

Preparazione:

Riempi un tumbler basso con dei cubetti di ghiaccio, versa 3cl di caffè e 6cl di vodka.

Mescola delicatamente.

Il caffè utilizzato è Variations Paris Espresso che al gusto di praliné accosta la rotondità della base di Livanto a un delicato sapore di nocciola tostata, esaltato da un tocco di dolcezza al caramello.

Una miscela armoniosa che ricorda un dessert Praliné.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-08-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti