Mele con crumble di nocciole, che dolce sorpresa!

Mele con crumble di nocciole
Commenti: 0 - Stampa

Oggi prepariamo un dessert a base di Mele con crumble di nocciole

Che ne dite… Vi stuzzica l’idea di preparare un dolce di Mele con crumble di nocciole e spuma alla nocciola? Vi è già venuta l’acquolina in bocca? Spero proprio di sì! Tra l’altro, se amate gli ingredienti principali che vi ho appena citato, la soddisfazione che trarrete dalla preparazione di questo dessert arriverà alle stelle! In più, devo dire che si tratta di una combinazione di alimenti che conquista anche i più piccoli… Pertanto, avete davvero tante buone ragioni per provare questa ricetta!

Se poi la osserviamo da un punto di vista nutrizionale, i motivi per amarla aumentano a vista d’occhio… Con questi gustosi e interessanti presupposti, andiamo a conoscere meglio questo mix di Mele con crumble di nocciole e poi passiamo alla preparazione. Grazie ad ingredienti di qualità e ad alcuni strumenti alleati di chi ama cucinare e mangiare sano, potrete fare la differenza e assaporare un dolce indimenticabile.

Frutta fresca e frutta secca, infinita bontà e tanta soddisfazione

Le mele sono i frutti del Pyrus malus, pianta largamente coltivata nelle regioni dell’Italia Settentrionale e in tutta Europa, con esclusione delle estreme aree settentrionali. Le mele sono grosse bacche di forma rotondeggiante, con buccia sottile, resistente, lucida od opaca, di colore diverso secondo le varietà, a volte con screziature, dal giallognolo al verdognolo al rosso vivace e intenso. A piena maturazione la polpa è turgida e carnosa, bianca, di sapore leggermente acidulo o zuccherino.

Le mele sono frutti di facile conservabilità e oltre a essere consumate comunemente come frutta fresca o cotta, sono largamente usate per fare marmellate. Il succo viene utilizzato per la produzione di bibite; per fermentazione se ne ottiene il sidro, o vino di mele, molto diffuso nell’Europa Centrale.

Le varietà di mele coltivate sono numerosissime e consentono la scelta delle più convenienti in relazione alle diverse esigenze. Tra le varietà più coltivate sono da ricordare: le deliziose, rosse o gialle; le renette, a polpa compatta un po’ acidula; le Granny Smith, di colore verde chiaro, asprigne; le Abbondanza, grosse, di colore rosso; le Annurche della Campania, di colore rosso violaceo e polpa tenera, succosa, zuccherino-acidula; le Limoncelle, di colore giallo, con polpa compatta e asprigna.

Le mele le troviamo tutto l’anno

Generalmente le mele si trovano tutto l’anno, ma con più difficoltà nel cuore dell’estate, da luglio ad agosto. Comprate frutti maturi, compatti, con il picciolo attaccato, del colore proprio della varietà. Evitate quelli ammaccati o con lesioni evidenti. Si conservano a temperatura ambiente, possibilmente non eccessivamente calda. È una buona fonte di fibra alimentare.

Come potrete immaginare, la ricetta che vi propongo oggi è a dir poco speciale. Infatti, va ad unire tanti sapori e consistenze diverse in un unico dessert. Si presenta come un dolce che non prepariamo tutti i giorni e ci garantisce tanta soddisfazione da un punto di vista culinario. Il mix di Mele con crumble di nocciole e spuma alla nocciola si propone come una scelta versatile. È inoltre adatto per tutte quelle volte in cui desideriamo stupire piacevolmente ospiti e familiari, senza però impazzire troppo durante la preparazione.

Le Nocciole sono ricche di acido oleico, sostanza che consente di tenere sotto controllo il colesterolo cattivo. Il contenuto di acidi grassi omega tre è inferiore rispetto alla media della frutta secca. Abbondantissima, invece, è la presenza di vitamina E e vitamine del gruppo B. Le nocciole sono mediamente caloriche per la categoria di riferimento.

Oltre alla bontà e alla soddisfazione che può regalarci l’unione di Mele con crumble di nocciole, è utile considerare che questi alimenti vantano un valore nutrizionale unico. Tra fibre e proteine, grassi sani e carboidrati della frutta, vitamine, minerali e antiossidanti… non sarà solamente il palato a gioire! Se poi analizziamo gli altri ingredienti, che scoprirete fra poco, possiamo dire con certezza di trovarci di fronte a un dessert carico di energia e bontà a non finire!

Prepariamo le Mele con crumble di nocciole?

Come dicevo all’inizio dell’articolo, per portare a termine questa preparazione, servono un po’ di pazienza, alimenti di qualità e strumenti alleati di chi ama cucinare in modo sano e mangiare con gusto. Di cosa si tratta? Per realizzare un buon mix di Mele con crumble di nocciole, useremo la cottura sottovuoto a bassa temperatura e il sifone. Nel primo caso, avrete bisogno di un sacchetto sottovuoto che permetterà di cuocere gli alimenti a bagnomaria, ad una temperatura massima di 84 gradi centigradi.

Nel secondo, invece, dovrete contare proprio su un sifone, ovvero un “contenitore” che consente di creare delle spume favolose. Troverete i dettagli nelle rispettive sezioni della scuola di cucina di NonnaPaperina.it (cottura sottovuotosifone)… Ma adesso andiamo a preparare il nostro dessert a base di Mele con crumble di nocciole e spuma alla nocciola! Vedrete che, grazie agli strumenti giusti, potrete portare in tavola sapori autentici e un nutrimento portentoso!

Ed ecco la ricetta delle mele con crumble di nocciole

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di mele golden
  • 90 gr. di zucchero semolato
  • 50 gr. di uvetta
  • 50 gr. di pinoli

Per la spuma

  • 110 gr. di tuorli
  • 80 gr. di zucchero semolato
  • 150 gr. di pasta di nocciole
  • 3 dl. di panna Accadi
  • 3 dl. di latte Accadi

Per il crumble

  • 200 gr. di burro chiarificato
  • 150 gr. di farina 00
  • 100 gr. di farina di nocciole
  • 150 gr. di zucchero semolato
  • 100 gr. di nocciole tostate

Preparazione

Sbucciate le mele, privatele del torsolo e tagliatele a spicchi. Unite ad esse lo zucchero, l’uvetta e i pinoli. Poi condizionate sottovuoto e fate cuocere nel bagno termostatato a 82°C per 30 minuti. Lasciate raffreddare.

Per la spuma: lavorate le uova con lo zucchero e la pasta di nocciole, unite la panna e il latte. Versate in un sacchetto da cottura, condizionate sottovuoto, cuocete nel bagno termostatato a 82°C per 30 minuti e lasciate raffreddare.

Filtrate la salsa di nocciole, versate in un sifone, caricate con il gas e lasciate riposare in frigorifero per 20 minuti.

Tagliate il burro a cubetti, lavoratelo con le due farine e lo zucchero. Poi unite le nocciole tritate grossolanamente, stendete il composto su una placca, cuocete in forno a 180°C per 15 minuti e lasciate raffreddare.

Disponete le mele in una coppa, sifonate la spuma di gianduia e completate con il crumble.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti