Facile e goloso sformato di asparagi e patate al forno

sformato di asparagi e patate al forno
Commenti: 0 - Stampa

Sformato di asparagi e patate al forno ed è primavera

Seguendo i prodotti di stagione possiamo garantirci ingredienti di qualità superiore ed un prezzo più vantaggioso. Ecco perché il periodo ideale per preparare questo sformato di asparagi e patate al forno è proprio la primavera, momento nel quale i mercati ortofrutticoli si riempiono di asparagi freschi, appena raccolti. Per preparare questa ricetta potrete scegliere gli sparagi che preferite, magari quelli verdi di campo o quelli bianchi. Noi, che amiamo scovare i prodotti d’eccellenza del nostro territorio vi consigliamo gli asparagi rosa di Mezzago. Questi asparagi sono un prodotto italiano conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo.

A differenza degli altri asparagi, quelli coltivati a Mezzago, mostrano un apice rosato su un fusto bianco. Questo prodotto dell’orto è particolarmente pregiato e deve le sue caratteristiche alla particolare conformazione del terreno di quest’area geografica della provincia di Monza e Brianza. Qui il terreno argilloso è ricco di minerali ferrosi che rendono questo prodotto unico e particolare. Ne deriva un sapore con delle sfumature differenti che possiamo riconoscere dall’apposita certificazione ed etichettatura “De.Co.” che costituisce una specie di certificazione anagrafica che determina le origini del prodotto.

L’ Asparagus officinalis è una pianta indigena dell’Europa e dell’Asia in zone dal clima temperato; in Italia viene comunemente coltivato negli orti. Gli asparagi erano molto apprezzati dai Romani, tra i quali sono da ricordare Giulio Cesare e il poeta satirico Giovenale. Gli asparagi possono essere coltivati dal seme oppure darizomi (detti zampe) da cui si originano i polloni carnosi e muniti di squamette alla estremità, che si usano come ortaggi di primavera. A seconda del modo di coltivazione si hanno asparagi verdi o asparagi bianchi (cresciuti interrati), che sono tanto più apprezzati quanto più estesa è la parte tenera e commestibile. Si hanno numerose varietà di asparagi, da raggruppare nel modo seguente: asparago verde o asparago comune; asparago violetto o rosato, fra cui il bianco d’Olanda, che ha per prototipo assai pregiato l’ Argenteuil; l’asparago d’Alemagna o di Milano o quello rosa di Mezzago.

Negli Stati Uniti sono state ottenute delle varietà giganti quale la colossale di Connovers, ancora poco diffusa in Italia. Le varietà precoci si trovano già a febbraio, ma la massima produzione si ha in maggio/giugno.

La varietà più comune di asparagi è di colore verde chiaro. Scegliete cime diritte, di dimensioni uniformi, con punte compatte. Le cime rotonde e piene sono generalmente più tenere di quelle piatte. Dopo avere avvolto le basi in un panno umido, si conserva in frigorifero in una busta di plastica.

Gli asparagi sono una buona fonte delle vitamine A e C, sono inoltre ricchi di calcio, fosforo, potassio, ferro e tianina.

sformato di asparagi e patate al forno

Uno sformato versatile e ricco di sapore

Quando abbiamo in casa uno sformato di asparagi e patate al forno possiamo decidere se destinarlo ai secondi o agli antipasti. Preparandone una porzione più abbondante non abbiamo problemi ad utilizzarlo per entrambi gli scopi, tanto più che questo sformato è ottimo sia freddo che caldo. Una vera specialità da usare come jolly e da apprezzare fino all’ultimo boccone.

L’impronta data dalla scamorza affumicata rende ancor più rotondo il sapore di questo sformato e, dobbiamo dire, ad ogni assaggio ci sembra d’avvertire qualche sfumatura in più. Il merito della bontà di questo piatto, spetta anche senz’altro al sapore particolare degli asparagi rosa di Mezzago.

Bontà senza glutine sulla nostra tavola

La preparazione di questo piatto non presenta particolari difficoltà e, scegliendo gli ingredienti giusti, potrete apprezzarne al meglio la bontà. Ogni pezzetto di questo sformato, morbido e cremoso, mostra tutto il suo carattere e ci delizia come non mai. Lasciatevi tentare e non ne rimarrete delusi.

Se c’è una cosa che s’impara con l’esperienza è proprio che i piatti semplici sono sempre i migliori. Tra le tante possibili ricette con gli asparagi questa saprà trovare il suo spazio, sia a pranzo che a cena.

Ed ecco la ricetta dello sformato di asparagi e patate al forno:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 500 gr. di asparagi rosa di Mezzago
  • 500 gr. di patate farinose
  • 60 gr. di Grana Padano
  • 1 uovo
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • 200 gr. di scamorza affumicata Libera
  • 2 cucchiaiate di pane grattugiato consentito
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale
  • q. b. di pepe

Preparazione:

Mondate gli asparagi, rimuovendo la parte finale del gambo (quella bianca). Spellate gli asparagi e sciacquateli sotto l’acqua corrente, poi sbollentateli in abbondante acqua salata fino a che non si ammorbidiscono, quindi circa 5 minuti. Ora metteteli da parte e passate al resto. Dedicatevi poi alle patate, lavatele e lessatene 350 gr. in acqua fredda salata per circa 20 minuti. Dovranno essere morbide, ma non troppo. Sbucciate le restanti patate e tagliatele a fettine. Scolate le patate lesse e premetele con lo schiacciapatate. Mettete, infine, la purea in una coppetta ed unitevi il burro, mescolando il tutto per poi lasciarlo intiepidire. Quando le patate col burro saranno alla giusta temperatura, unite un nuovo, il parmigiano ed aggiustate di sale e pepe. Mescolate il tutto energicamente.

In una teglia da forno imburrata, spargete del pangrattato così che l’impasto non si attacchi sul fondo. Adagiate due strati di patate a fette e mettete metà del composto di patate. In questo strato, aggiungete la scamorza tagliata a fettine e gli asparagi. Premete il tutto così da farlo affondare e poi ricoprite con dell’altro impasto di patate e patate a fette. Sulla superficie, adagiate dei fiocchetti di burro, una spolverata di pangrattato ed un filo d’olio. Infornate lo sformato a 180° in un forno statico e lasciatelo cuocere per 35 minuti.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti