Ravioli con pesto di salvia mandorle e pecorino

Ravioli con pesto di salvia
Stampa

Il pesto di salvia

Nella tradizionale italiana, il pesto è con il basilico. O è almeno in questo modo che viene inteso dalla gente comune. Tuttavia, è possibile utilizzare anche altri ingredienti e ottenere comunque un risultato gradevolissimo. Come nel caso della salvia, appunto, che è il vero protagonista della ricetta dei ravioli con pesto di salvia mandorle e pecorino.

Il pesto di salvia è molto buono e non eccessivamente pesante. Rispetto al classico pesto con basilico ha un profumo più intenso e un aroma più delicato. La salvia si sposa benissimo con le mandorle e il pecorino. Insieme, raggiungono un equilibrio perfetto, che soddisfa il palato ma anche gli occhi. Il pesto di salvia, mandorle e pecorino, infatti, si distingue per un bel verde brillante.

Ravioli con pesto di salvia e mandorle: valori nutrizionali

La ricetta dei ravioli con pesto di salvia e mandorle è una piccola gioia per gli occhi e per il palato. Inoltre, sfata il mito del “se è buono ingrassa”. Questo interessante primo piatto, infatti, non è affatto più calorico di una qualsiasi controparte realizzata con il pesto “normale”, ovvero realizzata con il basilico.

Certo, la quantità di grassi non è trascurabile, ma di contro si segnala un buon apporto di carboidrati e proteine, garantite dalla presenza di due derivati del latte: la ricotta all’interno dei ravioli e il pecorino all’interno del pesto. A valorizzare il tutto, il condimento che per eccellenza simboleggia i benefici della tradizione culinaria italiana: l’olio extravergine di oliva.

Ravioli con pesto di salvia mandorle e pecorino

Che ravioli utilizzare

Sia chiaro, il pesto di salvia mandorle e pecorino si sposa con tutti i tipi di pasta, come tra l’altro fa il pesto di basilico. Questa ricetta però prevede l’impiego dei ravioli, e nello specifico dei ravioli con radicchio e ricotta. E’ una scelta particolarmente azzeccata, soprattutto per ciò che concerne il ripieno.

La ricotta e il radicchio si sposano alla perfezione con il pesto di salvia, mandorle e basilico. In bocca questi ingredienti esplodono in una sinfonia di sapori, distinguibili l’uno dall’altro ma allo stesso tempo capaci di valorizzarsi a vicenda. La scelta degli ingredienti e la semplicità della ricetta fanno dei ravioli con pesto di salvia mandorle e pecorino un piatto da provare assolutamente.

Ecco la ricetta dei ravioli con pesto di salvia mandorle e pecorino

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 gr. di ravioli con radicchio e ricotta
  • 15/20 foglie di salvia, dipende dalle dimensioni
  • 20 gr. di mandorle pelate
  • 40 gr. di pecorino stagionato
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Lavate le foglie di salvia e asciugatele su un canovaccio da cucina o su una pezzo di carta. Inserite nel mixer le foglie di salvia, le mandorle e 2 o 3 cucchiai di pecorino. Iniziate a frullare. Alla bisogna, aggiungete un po’ d’olio e dell’acqua. Lo scopo è di creare un pesto dalla giusta consistenza, né troppo liquido né troppo denso.

Nel frattempo cuocete i ravioli come se fosse una normale pasta. State però attenti al sale: i ravioli sono già abbastanza sapidi, dunque salate l’acqua a malapena. Per concludere, unite ravioli e pesto, mescolate e servite.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


21-03-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti