Le tartellette di frolla con formaggio e fragole : bontà!

tartellette di frolla con formaggio
Commenti: 0 - Stampa

Tartellette di frolla con formaggio e fragole: i dolci di San Valentino

Volete preparare un dolce “a tema” per la festa degli innamorati? Bene… Non esiste un modo migliore per concludere la cena di San Valentino! Perciò, vi consiglio le tartellette di frolla con formaggio e fragole, che sono assolutamente perfette in tal senso.

Si tratta infatti di un dessert dall’effetto assicurato, che piace un po’ a tutti, anche a chi ha dei gusti un po’ difficili. Non è troppo dolce, come gran parte dei dessert, ed anche è facile da preparare! Insomma, questi mini-dessert hanno tutte le carte in regola per essere portati in tavola il 14 febbraio.

Grazie alla presenza delle fragole, un frutto ipocalorico e di facile digestione, le tartellette di frolla con formaggio diventano ancora più buone e romantiche, ma anche nutrienti e perfette per festeggiare con la persona amata e per completare un’inebriante cena a lume di candela.

Questi dolcetti potranno essere preparati persino il giorno prima ma, in ogni caso, sarà meglio non ridursi all’ultimo momento! Tuttavia, non dovreste assolutamente spaventarvi: sto per condividere con voi le modalità di preparazione e vi prometto che non incontrerete problemi. Prima di farlo, però, voglio parlare ancora un po’ degli ingredienti di questa ricetta…

Le fragole, una delizia per il palato e una preziosa fonte di vitamine

Oltre a essere indiscutibilmente buone, con il loro sapore fresco e delicato, le fragole sono tra i pochi frutti che anche chi è a dieta può consumare a volontà (ma comunque senza esagerare!). Contengono, infatti, pochissime calorie e aggiungeranno alle tartellette di frolla con formaggio un quantitativo minimo e assolutamente accettabile di zuccheri. Chiaramente, ci sono anche altre caratteristiche da considerare.

Tra i macronutrienti che questi dolci frutti ci propongono, troviamo appunto i carboidrati, i quali tuttavia sono costituiti perlopiù da zuccheri semplici, sani e naturali (fruttosio). M

a a rappresentare un vero e proprio toccasana per l’organismo sono le ingenti quantità di vitamine e sali minerali, che questo frutto porterà in ognuna delle tartellette di frolla con formaggio. In poche parole, le fragole renderanno il vostro dessert di San Valentino a dir poco perfetto: colorato, nutriente, sfizioso e goloso al punto giusto…

Vi è venuta voglia di preparare questi dolcetti? Sicuramente sì, e la persona alla quale li offrirete resterà ampiamente soddisfatta!

tartellette di frolla con formaggio

Il mix di sapori che caratterizza le tartellette di frolla con formaggio

Sempre parlando delle fragole, dovreste inoltre sapere che garantiscono all’organismo una vera scorta di fosforo, potassio, calcio e ferro. Sul versante vitaminico, il loro apporto benefico per la salute non è meno rilevante: rappresentano una fonte privilegiata di vitamina A, B1, B2 e soprattutto C.

Sebbene l’abbinamento tradizionale fragole e panna vada per la maggiore, queste tartellette di frolla con formaggio spalmabile sono la dimostrazione più evidente del fatto che questo frutto va d’accordo con diversi tipi di formaggi, creando sempre un mix di sapori unico!

Tra l’altro, lo spalmabile aiuta a bilanciare la dolcezza che le fragole regalano al palato e si occupa inoltre di offrire quello che a questo frutto manca a livello nutrizionale, ovvero una notevole quantità di proteine!

A questo punto, dopo aver parlato di sostanze nutritive e di proprietà organolettiche, non ci resta altro che preparare questo dessert di San Valentino, privo di lattosio e ricco di gusto! Eccovi la ricetta delle tartellette di frolla con formaggio e fragole… perfette per la festa degli innamorati e dolci quanto basta per riscaldare i cuori!

Ed ecco la ricetta delle tartellette di frolla con formaggio e fragole

Ingredienti per 6 tartellette

Per la pasta frolla :

  • 150 gr. di farina di riso
  • 75 gr. di farina di mais
  • 1 uova
  • 80 gr. di zucchero di canna finissimo
  • 75 gr. di burro chiarificato
  • 1 cucchiaio di latte Accadi
  • un pizzico di sale

Per la farcitura:

  • 1 confezione di Formaggio Fresco Spalmabile Senza Lattosio Exquisa
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • scorza di limone grattugiata q.b.
  • qualche fragola e fogliolina di basilico per la decorazione

Preparazione

Setacciate le farine e disponetele a fontana sulla spianatoia. Lavorate con le mani sabbiando il burro con le farine, il latte e il sale. Dopodiché, unite le uova a filo e lo zucchero. Impastate piuttosto rapidamente, quanto basta per amalgamare gli ingredienti.

Formate una palla, avvolgetela in un canovaccio e lasciatela riposare nella parte più bassa del frigorifero, per almeno un paio d’ore.

Quando arriverà il momento di utilizzare la pasta, stendetela rapidamente, ottenendo anche pezzi irregolari, che si salderanno bene durante la cottura. Se lavorata troppo a lungo, la pasta frolla può sbriciolarsi.

Questa pasta si cuoce sempre nel forno, fino a ottenere un colore bruno-dorato e sorvegliando costantemente la temperatura, per evitare che bruci (avviene facilmente).

Preriscaldate il forno a 180°. Imburrate le formine per le tartine e foderatele con la carta da forno. Stendete la pasta frolla e ricavate da essa dei cuori sufficientemente larghi per foderare le formine. Fate aderire bene la pasta al fondo e ai bordi.

Coprite la superficie della pasta con della carta forno e riempite le tartellette con fagioli secchi. Infornate per 10 minuti.

Sfornate le tartellette e lasciatele raffreddare. Nel frattempo, tritate finemente le foglioline di basilico (tenetene da parte qualcuna per la decorazione). Montate il Fresco Spalmabile con lo zucchero e la scorza grattugiata di un mezzo limone, fino a ottenere una crema morbida e spumosa.

Lavate le fragole e tagliatele a metà. Riempite le tartellette con la crema, utilizzando una sac à poche. Al centro di esse mettete mezza fragola, e servite. 

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Un brunch di San Valentino

Un brunch di San Valentino davvero originale

Proposte sfiziose per un San Valentino diverso dal solito Il brunch di San Valentino è un’idea per festeggiare la festa degli innamorati in modo diverso. Di solito, si predilige la classica cena...

Mini madeleine al pepe rosa

Mini madeleine al pepe rosa e cacao a...

Mini madeleine al pepe rosa e cacao, un dolce davvero speciale Le mini madeleine al pepe rosa e cacao sono un’ottima idea per San Valentino. L’impatto visivo, i colori (tendenti al rosa) e il...

croquembouche

Croquembouche, deliziosi bignè al caramello

Cosa sono i croquembouche? I croquembouche, osservati dall’esterno, assomigliano alla nostra pignolata, tuttavia dovrebbero essere associati più che altro ai celebri profiteroles. Si tratta,...

Tartare di bisonte con uova di quaglia

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un...

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un piatto di alta classe La tartare di bisonte con uova di quaglia è un secondo piatto raffinato, da sfoderare durante le occasioni speciali. Io lo...

Red Velvet al mais bianco

Red Velvet al mais bianco, torta per grandi...

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre? La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune...

Crostata con marmellata di arance e fragole

Crostata con marmellata di arance e fragole per...

Crostata con marmellata di arance e fragole, una combinazione suggestiva La Crostata con marmellata di arance, un dolce per tutti, Questa ricetta è stata preparata non solo perchè è squisita, ma...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-02-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti