Saltimbocca al limone da mangiare tutti d’un fiato

Saltimbocca al limone
Commenti: 0 - Stampa

I saltimbocca al limone sono così buoni e delicati che non potrete più farne a meno

Oggi voglio stupirvi con la rivisitazione di un piatto tipico della cucina romana, quindi vi propongo la mia versione dei saltimbocca al limone. Sul sito trovate anche la classica ricetta dei saltimbocca alla romana

“Saltimbocca”, lo dice la parola stessa, evoca una degustazione veloce…un vero e proprio “salto” nel palato. Da qui l’origine del nome di questa ricetta amatissima.

D’altronde come possiamo resistergli?Una sottilissima fetta di tacchino con una foglia di salvia, un pomodorino secco per dare dolcezza al piatto, ed una fettina di limone per una nota naturalmente aspra.

Il tutto, sfumato con un bel bicchiere di vino bianco ed aromatizzato al timo.Ho già l’acquolina in bocca!

È un secondo piatto davvero appetitoso, da servire con un contorno di verdure, o con una porzione di riso basmati.Conquisterà tutti!

Con la carne di tacchino, i saltimbocca al limone sono un secondo piatto light

Nella mia versione dei saltimbocca al limone ho deciso di utilizzare la carne di tacchino, anziché le fettine di vitello.

Ho preferito il tacchino perché si tratta di una carne bianca light, ideale per le preparazioni con sapori delicati ed erbe aromatiche. Inoltre, è digeribile e molto nutriente.

È una fonte di proteine animali e sali minerali come ferro, zinco e selenio (importantissimi per sviluppare l’apparato muscolare), ma anche di vitamine del gruppo B.

Il tutto con un apporto di grassi limitato, basti pensare che il petto di tacchino è considerato il taglio di carne magra in assoluto.

Insomma, è l’ideale per la mia versione dei saltimbocca al limone.Non credete anche voi?

Saltimbocca al limone

Quanto sapete del limone? Scopriamo insieme tutte le sue caratteristiche nutrizionali

I miei saltimbocca al limone non sarebbero così eccezionali se non avessero il sentore fresco e delicato di un agrume ricco di sostanze nutritive.

I limoni sono un vero toccasana per il nostro organismo: favoriscono la digestione, aiutano la pelle a mantenere una naturale lucentezza e rinforzano il sistema immunitario. Scopriamo più nel dettaglio queste caratteristiche.

Tanti pensano che, avendo un sapore aspro, il succo del limone non sia indicato quando si soffre di nausea o mal di stomaco, invece è tutto il contrario!

L’acido citrico ed i sali citrati regolano naturalmente l’acidità, riportando equilibrio nel nostro stomaco.

Oltre alla vitamina C, che svolge un effetto antiossidante ed aiuta l’organismo nella produzione di collagene (quella sostanza che tiene unite le cellule tra loro ed aiuta le ferite a rimarginarsi), i limoni sono anche ricchi di vitamina B, importante per mantenere equilibrato il ph della pelle.

Dulcis in fundo, questi agrumi benefici hanno proprietà antisettiche e toniche. Sono o non sono l’ingrediente che fa la differenza nei miei saltimbocca al limone? E’ una ricetta facile alla portata di tutti!

Ingredienti per 4 persone

  • 600 gr. di fettine di fesa di tacchino
  • 2 limoni biologici
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 cucchiaino di timo
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe
  • tante foglie di salvia quante sono le fettine di carne
  • tanti pomodorini secchi quante sono le fettine di carne

Preparazione

La preparazione dei saltimbocca al limone è molto semplice. Per prima cosa, aiutandovi con una mandolina, affettate sottilmente i limoni. Disponetene una fettina su ogni fetta di tacchino, aggiungete una foglia di salvia ed un pomodorino secco.

Fermate i saltimbocca con uno stuzzicadenti e metteteli a cuocere in una padella antiaderente con un filo d’olio. Non dimenticatevi di regolare di sale.

Fate rosolare leggermente gli involtini da entrambi i lati, poi sfumate con il vino bianco e togliete dal fuoco.

Potete servire a tavola i saltimbocca al limone sia caldi che freddi, spolverizzandoli con il timo, il pepe nero e guarnendo con qualche spicchio di limone.

Buon appetito!

5/5 (498 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti