Vasocottura in cucina: cos’è esattamente

vasocottura in cucina
Commenti: 0 - Stampa

Che cos’è esattamente la vasocottura?.

Vasocottura in cucina: cos’è esattamente e come può aiutarci. Di vasocottura si inizia oggi sempre più spesso a sentire parlare come se si trattasse di una recente tecnica di cottura dei cibi. In verità questa salutare metodologia di cottura è assai antica e risale alla notte dei tempi. Ai giorni nostri sta tornando prepotentemente in auge per via della rinnovata attenzione da parte di noi tutti consumatori per la nostra salute, ma anche per l’uso che in alcuni reality show culinari si fa degli accessori utilizzati allo scopo.

Con questa tecnica è possibile preparare le pietanze tramite cottura che ha luogo direttamente in vasetti di vetro. Per la vasocottura ci si può avvalere di elettrodomestici che tutti noi abbiamo nelle nostre case, quindi: microonde, forno tradizionale, ed è possibile finanche avvalersi della tecnica “bagnomaria”. Quindi, un primissimo vantaggio è che trattasi di una tecnica alla portata di tutti. Ma, ovviamente, non è solo questo, come vedremo.

Vasocottura in cucina: Utilizzi e accorgimenti

Quanto agli accessori/strumenti da utilizzare, è necessario procurarsi innanzitutto dei vasetti di vetro appositi che non abbiano dei tappi con parti metalliche, specie nel caso in cui si intenda sfruttare il forno tradizionale o a microonde. È facile reperire in commercio dei vasetti concepiti proprio per la vasocottura, dotati di tappo in vetro. Bene, una volta trovato il contenitore è bene provvedere ad organizzare il contenuto.

La tecnica della vasocottura prevede appunto l’inserimento degli alimenti destinati alla cottura all’interno dei vasetti. Dopo di che questi vanno chiusi per bene ermeticamente – questo passaggio è fondamentale –  per poi riporli in cottura (a microonde, nel forno tradizionale, ecc.). Al termine della cottura le pietanze possono essere consumate subito o, in alternativa, i vasetti possono essere conservati anche per 15 giorni. Il cibo cotto si mantiene per tutto questo tempo grazie all’effetto sottovuoto che si crea durante la cottura.

Come sfruttare forno tradizionale, microonde e bagnomaria con la vasocottura?

A seconda della ricetta che desiderate preparare (dai primi ai secondi, dalla frutta al dolce), è possibile utilizzare sia del forno tradizionale che il microonde per una vasocottura velocissima. La differenza sostanziale è che nel primo caso andrà sempre osservata una cottura medio/bassa. Anche la tipologia di cibi ideali cambia un po’: per la cottura a microonde meglio non optare per pane e lievitati in genere e per preparazioni base come pasta sfoglia, pasta brisèe o frolla. L’azione combinata delle microonde e del vapore tendono infatti a rovinare questi tipi di impasti.

Oltre a queste metodiche di vasocottura elencate è anche possibile cuocere a bagnomaria, immergendo i vasetti per 2/3 dell’acqua bollente. Il consiglio è quello di riporre degli stracci tra un vasetto e l’altro per evitare l’eventuale attrito tra di essi in fase di ebollizione dell’acqua. In generale la cottura dura circa 10 minuti, ma questo tempo varia in base al tipo di ricetta. Inoltre, è bene tenere conto che più si sminuzza il cibo prima di inserirlo nei vasi più veloce sarà la cottura. Provare per credere.

Quali sono i benefici della vasocottura?.

Tutti i benefici della vasocottura che non conoscete  L’argomento vasocottura sembra destare un certo interesse in questo periodo. Si sa, in fatto di salute di recente la soglia di attenzione è assai alta e reperire una tecnica pratica, agevole che concorra al nostro benessere in qualche modo è vera panacea per tutti.

Ebbene, ora vi racconto i benefici della vasocottura! Tanto per cominciare questo metodo di cottura riesce a mantenere inalterate le sostanze nutritive degli alimenti, in particolare delle verdure. Questo ha indubbiamente rappresentato il fattore propulsore che sta dietro la diffusione di questa tecnica di cottura.

Cuocere i cibi all’interno di vasetti significa scegliere una cottura sana, che consente di usare pochissimi grassi e condimenti. Inoltre, la cottura in vetro – da cui il termine appunto vasocottura – è tra le migliori in termini di igiene. Ma c’è di più: aprire un vasetto vi farà riscoprire i sapori di un tempo, quelli antichi, che sono rimasti solo lontani ricordi. Questo ha luogo perché non vi è dispersione attraverso le particelle di vapore del gusto e dell’aroma di una pietanza.

Anche la praticità vuole la sua parte…

Anche una semplice zucchina, cotta in questo modo, manterrà il suo originale sapore e il suo colore brillante. Quindi, avvalersi della vasocottura è anche una questione di “comodità” oltre che di gusto. Si possono infatti ottenere dei risultato straordinari, anche inusuali e gradevoli alla vista, con semplici ingredienti, senza fatica e risparmiando tantissimo tempo.

Pensiamo alle tempistiche di cottura, ad esempio: un piccolo dolcetto in vasocottura sarà pronto in 3-4 minuti, a fronte dei classici 40 minuti che richiede in media la cottura al forno di un dolce. Questo perché il vasetto chiuso diventa come una piccola pentola a pressione, ottimizzando i tempi di cottura come nessun altro metodo permette di fare. Per non parlare poi del risparmio dei costi di luce!

L’insospettabile beneficio per chi soffre di intolleranze alimentari della vasocottura

È doveroso sottolineare i benefici riscontrati e riscontrabili da parte dei soggetti colpiti da intolleranze alimentari di vario genere nell’uso della vasocottura: questi possono infatti cucinare a vasetto chiuso, evitando ogni tipo di contaminazione, senza creare disagi di alcun genere a tavola. Una volta preparate le pietanze, potranno altresì essere conservate in frigo e portate già pronte a arte in tavola, al momento del bisogno.

Vasocottura significa anche sospiro di sollievo anche per le persone che hanno necessità di portarsi il pranzo da casa. Basta con il solito panino o la solita insalata. Si potrà piuttosto preparare in anticipo la pietanza per poi portarla al lavoro già pronta in semplici porzioni per essere gustata in tutta comodità ovunque si desidera. La vasocottura, come si comprende, è una vera scelta di salute, di benessere e di praticità a 360 gradi.

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Come chiudere una crespella

Come chiudere una crespella : ecco come fare

Varianti delle crespelle base: come chiudere una crespella Chiudere una crespella può sembrare banale, in verità non lo è affatto. Questo perché non esiste una sola modalità con la quale...

consigli per impasto e cottura

Come fare le crepes : ecco i miei...

I segreti base per preparare le crepes Saper fare le crepes è una vera salvezza, specie in occasione di feste, compleanni e buffet con tanti invitati. Versatili, gustose, facili da realizzare, le...

Crepes salate e dolci

Crepes salate e dolci per tutti i gusti....

Facile preparare crepes salate e crepes dolci! Le crepes salate e crepes dolci si vestono di golosità a 360° con l’uso di ingredienti che le rendono insolite e speciali. Le varianti che possiamo...

Vasocottura senza forno a vapore

Vasocottura senza forno a vapore: come utilizzarla

Sapori e profumi come mai sentiti prima…con la vasocottura! La tecnica della vasocottura è un metodo di cottura assai antico: le nostre nonne usavano proprio cucinare in questo modo, avvalendosi...

Differenza tra zuppa minestra crema e vellutata

Differenza tra zuppa e minestra, crema e vellutata

Un piccolo vocabolario culinario Oggi ho deciso di fare un po’ di chiarezza in merito parlando della differenza tra zuppa e minestra, crema e vellutata. Quando ci si muove nel mondo della cucina,...

Svantaggi della cottura sottovuoto

Vantaggi e svantaggi della cottura sottovuoto

Svantaggi della cottura sottovuoto: esistono davvero? Per me è tutto un vantaggio.La tecnica della cottura sottovuoto si rivela una tecnica di ristorazione molto utilizzata e diffusa nel mondo,...

18-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti