Una bevanda da riscoprire: la barbajada.

barbajada
Commenti: 1 - Stampa

Barbajada, ed è subito Milano! Una bevanda calda tutta da riscoprire. Nelle giornate in cui il termometro segna temperature sempre più basse, ricordandoci che l’inverno non è poi così lontano, mi vien voglia di regalarvi una dolce coccola, capace di scaldare il cuore e rinfrancare lo spirito.

Per questo motivo, oggi ho scelto di proporvi una ricetta dal sapore tipicamente milanese e dalle origini che si perdono nel tempo. In questa stagione, caratterizzata da giornate ventose e piogge frequenti, non c’è niente di meglio che fare dell’angolo cucina il proprio rifugio, caldo e accogliente.

E qui, da sole o in compagnia, potrete deliziarvi preparando un dolce dal sapore cioccolatoso e antico, la barbajada.

Caffè, cacao amaro, zucchero e panna montata: basteranno pochi ingredienti per rivivere, anche a casa propria, l’atmosfera tipica delle caffetterie della vecchia Milano. Un dolce al cucchiaio e, allo stesso tempo, un golosissimo mangiabevi.

Un dolce-bevanda nato grazie ad una fortunata intuizione

Dovete sapere che la barbajada furoreggiava nella capitale lombarda nella prima metà dell’800, dove rimase in voga fino agli anni ’30 del secolo scorso.

A quei tempi, naturalmente, non esisteva ancora la moda dell’aperitivo. Le dame e i signorotti distinti s’incontravano piuttosto nelle caffetterie per sorseggiare con gusto la barbajada, che accompagnava la degustazione di torte e dolci.

Fu un impresario teatrale meneghino, di nome Domenico Barbaja, ad avere la fortunata intuizione e a lanciare quella che restò, per molto tempo, la bevanda preferita dalla Milano per bene.

Barbaja, che prima del colpo grosso, aveva lavorato come garzone presso alcuni importanti caffè milanesi, si rese presto conto di che cosa ingolosiva maggiormente i palati e i sensi della clientela. Fu così che aprì il Caffè dei Virtuosi, a pochi metri dal Teatro La Scala.

Il Caffè di Barbaja diventò in poco tempo uno dei locali più ambiti. Insomma, sbarcò il lunario e da cameriere di caffè, “il Barbaja” divenne uno degli uomini più̀ influenti dell’Europa ottocentesca alla guida di numerose imprese: dalla La Scala stessa, al San Carlo, al Teatro di Cannobiana (ora Teatro Lirico).

barbajada

La barbajada : sconosciuta a molti

Al Caffè dei Virtuosi ci si dava appuntamento nel corso del pomeriggio, intorno alle ore cinque, per discutere e approfondire temi di interesse generale, argomenti sociali, culturali, economici e politici.

Si chiacchierava, certo, ma al contempo i clienti si deliziavano con una bevanda nuovissima, il non plus ultra, se accompagnato a torte e leccornie calde da forno.

Purtroppo, la barbajada è per molti un ricordo lontanissimo, in alcuni casi mai vissuto sulla propria pelle, ma tramandato di generazione in generazione. Sta a tutti e a tutte noi, quindi, riportarlo in vita e dargli lustro, come in fondo merita.

Lo chef stellato Tommaso Arrigoni di Innocenti Evasioni l’ha presentata con delle varianti alla Festa del Paese di Cavenago Brianza il 7 di ottobre. Un onore per il nostro paese avere una figura come lui.

Ed ecco la ricetta della barbajada

Ingredienti per 8/10 persone

  • 410 gr. di caffè
  • 400 gr. di  panna
  • 420 gr. di  cioccolato fondente Lindt

Preparazione

Scaldare la panna a 80° circa e versarla sul cioccolato sminuzzato in tre differenti momenti avendo cura di stemperare bene. Aggiungere il caffè tiepido e amalgamare il tutto. Versare il composto nel sifone, inserire 2 cariche e mantenere al caldo a bagnomaria.

Nella fondina di servizio schiumare la barbaiada e decorare a piacere con della panna montata. Buon dessert!

5/5 (498 Recensioni)
CONDIVIDI SU

1 commento su “Una bevanda da riscoprire: la barbajada.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail analcolico con guava e fragole

Cocktail analcolico con guava e fragole, un drink...

Cocktail analcolico con guava e fragole, un cocktail fruttato ed esotico Il cocktail analcolico con guava e fragole è un drink fresco, gustoso e adatto per gli aperitivi come per il consumo in...

Cocktail lacroix con guava e ananas

Cocktail lacroix con guava e ananas, un drink...

Cocktail lacroix con guava e ananas, per un aperitivo rinfrescante Il cocktail lacroix con guava e ananas è una bevanda rinfrescante e decisamente esotica. Contiene, infatti, ben tre ingredienti...

Digestivo alla camomilla

Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il...

Tropical Punch

Tropical Punch: il cocktail che fa gola al...

È sempre la stagione giusta per gustare un buon cocktail Tropical Punch Il cocktail Tropical Punch vede messi insieme in un connubio perfetto, armonico ed equilibrato, limone ananas e rum. Come si...

Liquore alla melissa

Liquore alla melissa, una bevanda alcolica e aromatica

Le caratteristiche organolettiche del liquore alla melissa Il liquore alla melissa può essere definito come un alcolico da fine pasto. D’altronde è realizzato con una pianta officinale...

Tisana con camomilla e lavanda

Tisana con camomilla e lavanda, una bevanda salutare

Tisana con camomilla e lavanda, la bevanda della buona notte La tisana con camomilla e lavanda è all’apparenza una tisana come tutte le altre, d’altronde è realizzata con l’ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti