La ricetta del Paella di fonio mantecato alla valenciana

Paella di fonio mantecato alla valenciana
Commenti: 0 - Stampa

Portiamo in tavola la paella di fonio mantecato alla valenciana

Se amate la paella e desiderate provare una versione particolare di questa pietanza, potrete provare il fonio mantecato alla valenciana, anch’esso naturalmente gluten-free. Si tratta di una ricetta un po’ impegnativa, ma vi assicuro che varrà la pena di fare un po’ di fatica. Infatti, potrete assaporare un piatto dal gusto unico, con al suo interno un ingrediente davvero prezioso: il fonio.

Oltre a offrire una gran bontà, questo antico cereale africano è nutriente e, secondo gli esperti, potrebbe aiutare molte popolazioni povere a superare carestie e periodi di siccità. Perciò, sarà un onore preparare e gustare un buon piatto di fonio mantecato alla valenciana… Ma prima di metterci all’opera, andiamo a scoprire le altre importanti caratteristiche di questo alimento.

Un cereale che potrebbe ridurre il problema della fame nel mondo

Come dicevo prima, il fonio è un antico cereale di origine africana: secondo alcune fonti, veniva coltivato già nel 5000 a.C. Al momento, si coltiva principalmente in Senegal, ma anche in altre zone del continente. Nello specifico, si ricava dalla Digitaria exilis o dalla Digitaria iburua, piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Graminacee. Oggi, useremo questo alimento per preparare una golosa ricetta, quella del fonio mantecato alla valenciana, ma dobbiamo dire che, purtroppo, ancora non è molto conosciuto.

Paella di fonio mantecato alla valenciana

Tuttavia, ultimamente se ne parla spesso, proprio perché potrebbe rivelarsi come una risorsa preziosa per tutte le popolazioni che sono costrette ad affrontare periodi di siccità e di carestia. Infatti, è dotato di importanti caratteristiche: il protagonista della ricetta del fonio mantecato alla valenciana è privo di glutine ed è molto più nutriente del riso integrale. Rispetto a quest’ultimo, propone una quantità di proteine quattro volte più grande, il doppio della dose di ferro e tre volte la quantità di fibre.

Un piatto di fonio mantecato alla valenciana: da non sottovalutare!

Il fonio ci assicura inoltre un valido apporto di minerali, quali calcio, zinco e magnesio; e vanta un basso indice glicemico. Essendo leggero e digeribile, viene spesso utilizzato al posto del cous cous e per la realizzazione di ricette rivisitate, proprio come nel caso del fonio mantecato alla valenciana. È un cereale saziante e sostanzioso. Tra l’altro, la pianta che lo produce non richiede molta acqua per crescere e permette comunque un cospicuo raccolto tre volte ogni anno.

È molto simile anche alla quinoa e vanta un sapore a dir poco apprezzabile. Non a caso, esiste un proverbio africano che afferma: “con il fonio, la cuoca non si può mai vergognare”… Questo la dice lunga, non credete? Pertanto, è arrivato il momento di metterci all’opera e di portare in tavola tanti sapori di mare e di terra che si uniscono in un buon piatto di fonio mantecato alla valenciana!

Ma non sono la sola ad aver voluto testare questo granelo ho della compagne di avventura:

Ingredienti per 4 persone

  • 200 gr. di fonio Oba
  • ½ peperone
  • 60 gr. di datterini
  • 120 gr. di carni miste di maiale, coniglio e vitello
  • 1 calamaro
  • 4 gamberi interi
  • 4 scampi
  • 16 cozze
  • 1 seppia
  • una  busta di zafferano
  • 40 gr. di carote, cipolle e sedano
  • q.b. di fumetto di pesce
  • 30 gr. di piselli finissimi
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • qualche foglia di basilico
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Preparazione

Lavate e pulite tutto il pesce. Tagliate i vari tipi di carne a pezzetti.

In una padella, cuocete il Fonio con il triplo di fumetto di pesce rispetto al peso del cereale (proporzione 100/300). Continuare la cottura fino a completo assorbimento del brodetto e sgranatelo con olio extravergine.

In un soutè, soffriggete con poco olio sedano, carota e cipolla, e aggiungete la carne e il pesce.

Incorporate il mezzo peperone, i piselli e i pomodori datterini.

Versate lo zafferano e bagnate con il vino bianco. Lasciare sfumare il vino, bagnate con il fumetto e ultimate la cottura.

Unite il tutto al Fonio e servite.

5/5 (428 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è un piatto della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-09-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti