Insalata di fave, pecorino e uova: semplice e nutriente!

Insalata di fave, pecorino e uova
Commenti: 0 - Stampa

Con tanta fame e poco tempo, l’insalata di fave, pecorino e uova è la scelta perfetta!

Se amate gli ingredienti di base dell’insalata di fave, pecorino e uova, certamente vi renderete conto che si tratta di un abbinamento semplice e capace di fondere il gusto con il nutrimento, senza farci perdere troppo tempo davanti ai fornelli. Ideale in estate, ma anche in inverno, alle cene di famiglia e persino per un pranzo veloce, questa pietanza vi proporrà un pasto completo sotto ogni punto di vista.

Antiossidanti, proteine, vitamine e minerali si rivelano i componenti principali della nostra insalata di fave, pecorino e uova, piena di gusto e di proprietà nutrizionali da non sottovalutare. Detto questo, non ci resta altro che fare un viaggio alla scoperta degli ingredienti, per poi portarla in tavola al più presto. Questa pietanza vi conquisterà con le sue note di sapore, con la sua semplicità e non solo…

Le fave, proprietà e curiosità

Le fave si sposano alla perfezione con il pecorino. Pertanto, troverete questi due ingredienti insieme in molte altre ricette oltre a quella di oggi. Appartengono alla famiglia delle Leguminose e, anche se vengono coltivate principalmente al Sud (e se uno dei maggiori produttori del mondo è la Cina), sono oramai diffuse in tutta Italia.

Sono amate fin dai tempi dell’antica Grecia e dei Romani, e oggi le assaporeremo grazie alla ricetta dell’insalata di fave, pecorino e uova.

Questo alimento è proteico ed è ricco di ferro, fosforo, potassio, magnesio, selenio, rame e calcio; e contiene ottime dosi di vitamina A, C, E e di vitamine del gruppo B. Essendo composto prevalentemente da acqua e da validi livelli di fibre e proteine, questo legume rende la nostra insalata di fave, pecorino e uova capace di offrire effetti diuretici e depurativi, di favorire la digestione e di migliorare le funzioni intestinali.

Insalata di fave, pecorino e uova

Le altre caratteristiche della gustosa insalata di fave, pecorino e uova

Le fave sono meglio crude che cotte e, per questo, le lesseremo solo per 5 minuti. In questo modo, si ammorbidiranno, ma non perderanno tutte le loro proprietà nutrizionali e neanche il loro tipico sapore.

La preparazione delle fave non è particolarmente difficoltosa, ma varia in base al trattamento che hanno ricevuto. Se per esempio acquistate le fave secche, dovrete fare attenzione alla presenza o meno della buccia, che incide sui tempi di ammollo. Le fave decorticate, infatti, richiedono circa 8 ore, mentre quelle con buccia ne richiedono anche 16. Trascorso il tempo di ammollo, potete poi sciacquarle e cuocerle. Ma passiamo ora alla pulizia delle fave. Pulire le fave fresche è molto facile, anche se è necessario un po’ di tempo. I semi vanno sgranati uno ad uno. Per fare questo dividete il baccello per lungo, apritelo ed estraete i semi scorrendo il pollice dal basso verso l’alto.

Il passaggio successivo consiste nella rimozione della buccia che ricopre i semi. Con l’unghia tagliate via l’eventuale crestina superiore, dopodiché premete il seme per farlo uscire fuori. Solo a questo punto potete capire se le fave sono veramente fresche. Infatti, il colore e la consistenza del baccello e della buccia non sono indicativi. In genere, se i semi presentano un colore verde brillante, allora le fave sono molto fresche. Per quanto concerne la conservazione, una volta pulite e private del baccello si conservano per 2 o 3 giorni in frigo. Poi potete lessarle brevemente, raffreddarle e congelarle. Le fave secche, invece, si conservano dai 4 ai 6 mesi, se riposte in contenitori ben chiusi e all’asciutto (non in frigo).

L’insalata di fave, pecorino e uova sarà caratterizzata inoltre dal sapore e dai nutrienti presenti nelle uova, molto proteiche ed energetiche, ma anche dal formaggio a pasta dura, ricavato dal latte di pecora, che si rivela uno dei principali protagonisti di questa ricetta.

Perfetto al fianco delle fave, il pecorino è molto calorico e presenta un contenuto lipidico decisamente notevole. Proprio per questo, portare in tavola una buona porzione di insalata di fave, pecorino e uova significa avvalersi di un piatto unico e completo da un punto di vista energetico e nutrizionale.

Ricco di proteine, di vitamina A, B2 e PP, di fosforo e calcio, si tratta purtroppo di un formaggio non adatto a chi soffre di ipertensione. Adesso che avete tutte le informazioni del caso, direi che è il momento di passare alla preparazione!

Ed ecco la ricetta dell’ Insalata di fave, pecorino e uova

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr di fave sgusciate
  • 250 gr di pecorino stagionato
  • 4 uova sode
  • 12 foglie di menta
  • 80 gr di pinoli
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale  e pepe q.b.

Preparazione

Fate lessare le fave per 5 minuti ed eliminate la pellicina che le ricopre. Lavate la menta e tritatela finemente.

Tostate leggermente i pinoli (non devono bruciare!) in una padella antiaderente, mescolando continuamente e facendoli dorare.

Suddividete il pecorino tagliato a cubetti in 4 ciotole. Sistemate sopra le fave, un uovo per ogni ciotola i pinoli e la menta tritata.

Condite con poco sale, una presa di pepe macinato al momento e completate con l’olio extravergine. Servite quindi in tavola.

5/5 (467 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cetrioli allo Skyr

Cetrioli allo Skyr, un’insalatona gustosa

Cetrioli allo Skyr, colore e gusto per un’insalata corposa I cetrioli allo Skyr sono un'insalata molto corposa, che si caratterizza per un sapore composito e per la presenza di molti alimenti...

Insalata di fiori ed erbe con Skyr

Insalata di fiori ed erbe con Skyr, un...

Insalata di fiori, un’idea davvero particolare L’insalata di fiori ed erbe con Skyr è un’idea particolare e solo a primo acchito bizzarra, per un contorno fuori dal comune che premia gusto e...

Insalata di spinaci

Insalata di spinaci, un contorno completo

Insalata di spinaci, una particolare selezione di ingredienti Oggi vi presento una particolare variante dell’insalata agli spinaci, una ricetta che si completa con un'emulsione squisita e...

Bowl con avocado e fiocchi di latte

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte,...

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte, una lista creativa di ingredienti La poke bowl con avocado, edamame e fiocchi di latte è un'insalata molto corposa, che spicca per l’abbondanza di colori...

Insalata estiva con uova sode

Insalata estiva con uova sode, un contorno iper-proteico

Insalata estiva con uova sode, un contorno tra il dolce e il salato L’insalata estiva con uova sode è un contorno che spicca in primis per l’impatto visivo. La lista degli ingredienti,...

Insalata di mele e sedano

Insalata di mele e sedano, una meraviglia agrodolce

Insalata di mele e sedano, l’abbinamento che non ti aspetti L’insalata di mele e sedano si inserisce sul solco delle insalate “agrodolci”, che si caratterizzano per degli abbinamenti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


31-07-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti