Biscotti alla spirulina: dall’antichità alla cucina odierna

biscotti alla spirulina
Commenti: 0 - Stampa

I portentosi biscotti alla spirulina.Si parla spesso di quest’alga preziosa da un punto di vista terapeutico e nutrizionale, ma non tutti sanno che possiamo preparare persino dei golosi biscotti alla spirulina e gioire delle proprietà di quest’ultima a colazione, all’ora del tè e ogni qualvolta avremo voglia di assaporarli. Si tratta di una ricetta unica, che unisce benessere e bontà, con poca fatica e con pochi semplici ingredienti.

È una preparazione priva di glutine e senza lattosio che, solitamente, conquista anche i bambini. Pertanto, i biscotti alla spirulina si rivelano una soluzione per tutte le volte in cui abbiamo voglia di mettere da parte i prodotti confezionati, far del bene al nostro organismo e, nel contempo, procurare a noi e alla nostra famiglia una pietanza dalle notevoli caratteristiche organolettiche. Ma quello che vi domando adesso è: conoscete a fondo le potenzialità della spirulina? Andiamo a scoprire tutto quello che c’è da sapere a riguardo!

Un’alga da non sottovalutare…

L’alga spirulina è conosciuta inoltre con il suo nome scientifico: Arthrospira (Arthrospira platensis e Arthrospira maxima), appartiene alla famiglia delle Cyanophiaceae e si trova principalmente nelle acque dolci presenti nelle zone sub-tropicali. Ultimamente, è stata oggetto di numerosi studi che l’hanno portata a rivelarsi un valido integratore alimentare, ma anche la protagonista di alcune speciali ricette, come appunto quella dei biscotti alla spirulina. Con il suo colore azzurro-verde, si distingue sostanzialmente per la sua particolare forma a spirale, dalla quale prende il suo nome.

biscotti alla spirulina

Quest’alga si presenta come un’incredibile fonte di proteine vegetali e si presenta come un ricostituente naturale da non sottovalutare, nonché come un valido alleato del sistema nervoso e del sistema immunitario. È adatta ai celiaci ed è consigliata a chi soffre di osteoporosi, rivelandosi inoltre un toccasana per la vista e per il cuore. Grazie alle sue caratteristiche, anche i nostri biscotti alla spirulina potranno proporre al nostro organismo un notevole effetto antiossidante e immunostimolante.

Le altre peculiarità dei biscotti alla spirulina

Prima di passare alla ricetta, penso che sia importante dirvi anche questo: avete a che fare con un’alga in grado persino di combattere patologie come il morbo di Chron. Tra le altre cose, aiuta a rendere più alcalini i tessuti dell’organismo e quindi a tenere alla larga molte altre malattie. Dobbiamo considerare inoltre che le proprietà di questo vegetale rendono i nostri biscotti alla spirulina molto sazianti e, nel contempo, molto energizzanti. Ci forniranno un buon apporto di vitamina A, D, E, K e di vitamine del gruppo B; di acidi grassi essenziali e ferro.

Insomma, come dicevo prima, i biscotti alla spirulina sono davvero portentosi! Potrete trovare quest’alga in varie forme e utilizzarla per diverse preparazioni, nonché per favorire il vostro benessere giorno dopo giorno, evitando ovviamente sovradosaggi e l’assunzione in caso di problemi alla tiroide e/o di malattie autoimmuni. I primi a utilizzarla furono gli Aztechi, adesso tocca a noi!

Ed ecco la ricetta dei biscotti alla spirulina

Ingredienti per 30 biscotti circa

  • 120 gr. di burro chiarificato
  • 80 gr. di farina di mais
  • 120 gr. di farina di riso
  • 80 gr. di zucchero
  • 1 uovo
  • un cucchiaino di essenza vaniglia
  • 1 pizzico di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di spaghettini di alga spirulina Livegreen

Preparazione

Pestate la spirulina in un mortaio, fino a che non otterrete una polvere fine e, successivamente, setacciate le farine eliminando i grumi.

Miscelate quindi le farine setacciate con il lievito, la vaniglia e la spirulina, e mettetele da parte.

Lasciate il burro fuori dal frigo finché non avrà raggiunto la temperatura ambiente. In seguito, lavoratelo con l’uovo e lo zucchero. Mescolate il tutto con gli ingredienti secchi, fino a ottenere un composto omogeneo.

Con l’impasto così ottenuto, formate dei cilindri del diametro di circa 6 cm, avvolgeteli nella pellicola e metteteli a riposare in freezer per circa 3 ore.

Estraete i cilindri d’impasto dal freezer, tagliateli in dischi spessi circa mezzo centimetro e, infine, disponeteli su una teglia foderata di carta forno per farli poi cuocere in forno statico a 180° C per 20 minuti.

5/5 (396 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sorbetto di mela verde

Sorbetto di mela verde, un dessert rinfrescante

Sorbetto di mela verde, una delizia per l’estate Il sorbetto di mela verde è un sorbetto che propone una deliziosa variazione sul tema del classico sorbetto al limone. Il risultato è...

Ghiaccioli alla guava

Ghiaccioli alla guava, un piacevole break per l’estate

Ghiaccioli alla guava, un’alternativa sorprendente I ghiaccioli alla guava sono un ottimo spuntino estivo. Si fanno apprezzare in primis per l’estetica, che non ha nulla da invidiare ai...

Crostata con anguria gialla

Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

Crostata con anguria gialla, un dolce delizioso a base di frutta Con tutta probabilità la crostata con anguria gialla è la crostata più “colorata” che possiate mai preparare. Si presenta...

Sorbetto alla camomilla

Sorbetto alla camomilla, un dessert rilassante

Sorbetto alla camomilla, un’idea davvero unica Il sorbetto alla camomilla è un’idea particolare per valorizzare il momento del fine pasto, o anche solo per una merenda in grado di allietare e...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Gelato di pesche e zafferano

Gelato di pesche e zafferano, un dessert speziato

Cosa ha di speciale il gelato di pesche e zafferano? Il gelato di pesche e zafferano con riso al salto vanigliato è un dessert molto particolare, che si distingue per una certa versatilità....


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti