Funghi enoki: cosa sono e come utilizzarli in cucina

Funghi enoki MarcoMayer

Cosa sono i funghi enoki?

Come sapete, una delle cose che amo di più della cucina è la possibilità di scoprire quello che di bello le altre culture hanno da regalarci. Oggi vi porto in un Paese fantastico, ricco di tradizioni speciali anche dal punto di vista gastronomico. Dove andiamo? In Giappone. La terra del Sol Levante è meravigliosa e ha regalato al mondo tantissime ispirazioni interessanti legate al mondo del cibo. Ok, ora starete pensando al sushi! Oggi voglio dirvi che…c’è di più! In che modo? Parlando dei funghi enoki.

Caratterizzati da un inconfondibile colore biancastro e da gambi lunghi e sottilissimi, vengono coltivati su una base spugnosa che viene inserita in appositi dischi e venduta così. Il loro sapore è delicato e leggermente dolciastro. Molto importante è ricordare che in bocca risultano piacevolmente croccanti. Coltivati anche in Cina, in Corea e in Nord America, possono essere utilizzati per diverse preparazioni.

Come cucinare i funghi enoki

Cucinare i funghi enoki può riservare grandi soddisfazioni. Prima di mettersi ai fornelli, però, è il caso di ricordare un po’ di cose. Innanzitutto, bisogna aver presente che questi funghi mal sopportano il calore. Attenzione, questo non signifca che non si possano rendere protagonisti di straordinarie delizie! Detto questo, parliamo un attimo delle loro proprietà.

Alla scoperta delle proprietà dei funghi enoki

I funghi enoki sono un ingrediente che merita davvero attenzione. Quali sono le loro proprietà? Tra le principali, è il caso di ricordare l’efficacia antiossidante. Tra i composti più utili contro i radicali liberi troviamo l’amminoacido ergotione. Diversi studi effettuati in Giappone hanno portato alla luce l’ottimo effetto che questi funghi possono avere dal punto di vista della prevenzione dei tumori alla prostata.

Funghi enoki, veri concentrati di salute

Ideali per preparare gustose zuppe, i funghi enoki sono dei veri concentrati di salute. Non dobbiamo infatti dimenticare le loro proprietà antivirali e antibatteriche. Questi benefici sono dovuti soprattutto alla presenza di lectine, una famiglia di proteine che possiamo trovare soprattutto nei legumi e nei cereali.

Le straordinarie proprietà di questi particolarissimi funghi non finiscono certo qui. Da ricordare, infatti, è anche la loro efficacia preventiva riguardante le malattie senili più gravi come l’Alzheimer. A cosa sono dovuti questi benefici? Alla presenza di beta-d-glucano, un antigene tipico di diverse tipologie di funghi.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *