Cookies speziati  di amaranto e nocciole: una coccola per le papille!

Cookies speziati  di amaranto e nocciole: un’idea gustosa per la merenda

Oggi voglio regalarvi una ricetta perfetta per le intolleranze (senza uova, senza lievito, senza glutine, senza lattosio) che permette di rendere ancora più speciali questi momenti. Di cosa sto parlando? Dei Cookies speziati  di amaranto e nocciole. Vi conquisteranno al primo morso, vi assicuro!

Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è lasciato incantare dalla tradizione del the delle cinque con i Cookies speziati . Qualche minuto di relax e di coccole per le papille durante la giornata ci vuole davvero. Serve a ripartire più forti e soddisfatti, gestendo al meglio gli impegni.

Amaranto: uno pseudocereale gluten free

L’amaranto è uno pseudocereale privo di glutine. Tra le sue principali caratteristiche troviamo senza dubbio la ricchezza di fibre. Per questo motivo, è considerato particolarmente digeribile e utile per tenere sotto controllo la regolarità intestinale.

Da citare è anche la presenza di numerose proteine di alta qualità. Questa peculiarità lo rende adattissimo a chi vuole seguire un regime privo di proteine animali. L’amaranto, inoltre, contiene vitamine del gruppo B, fondamentali per il metabolismo energetico.

Da non trascurare è anche la presenza di arginina, un amminoacido non essenziale che aiuta il sistema immunitario ma favorisce anche il benessere sessuale e il vigore muscolare.

Cookies speziati di amaranto e nocciole

Degno di nota è il suo apporto calorico. L’amaranto, nello specifico, è uno pseudocereale particolarmente energizzante, che apporta più di 300 calorie ogni 100 grammi.

Ora non resta che apprezzarlo come ingrediente di questi Cookies speziati  gluten free ricordando che, per lungo tempo, ha rappresentato il cibo principale per assieme a mais e quinoa per Inca e Atzechi.

Farina di mandorle, un ingrediente ricco di principi nutritivi

Proseguendo nell’elenco degli ingredienti dei Cookies speziati  gluten free di amaranto e nocciole, troviamo la farina di mandorle. Quali sono le sue caratteristiche? In primo piano troviamo senza dubbio la ricchezza dal punto di vista proteico.

La farina di mandorle, però, è anche caratterizzata dalla presenza di una notevole quantità di vitamine del gruppo B. Questi composti organici sono fondamentali per il metabolismo dell’energia. In generale, le mandorle – e di riflesso la loro farina – si configurano come una valida soluzione antisettica e lassativa. Inoltre, sono un leggero antidepressivo naturale.

Davvero gli ingredienti di questi Cookies speziati  sono un mix di proprietà a dir poco speciali! Adesso non resta che provare a prepararli!

Ho preparato questa ricetta per il contest di  Shake your free life

Ed ecco la ricetta dei Cookies speziati  di amaranto e nocciole

Ingredienti per circa 20/24 cookies

  • 50 gr. di amaranto in semi
  • 110 gr. di farina di riso finissima
  • 50 gr. di farina di mandorle
  • 60 gr. di zucchero di canna
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 30 ml di olio di semi di girasole
  • 70 ml di succo di arancia
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 30 gr. di nocciole

Preparazione

Versate in una padella antiaderente bassa e larga e molto calda metà  amaranto. Coprite con il coperchio e cominceranno a scoppiettare come i popcorn.  Versate in una terrina e lasciate raffreddare.  Procedete nello stesso modo per l’altra metà.

Setacciate le farina. Tritate le nocciole grossolanamente. Versate in un recipiente prima gli alimenti secchi (bicarbonato, zucchero, cannella, nocciole e amaranto) e poi i liquidi (olio, e succo di arancia) e cominciate ad impastare con le mani fino a ottenere un composto dall’aspetto simile alla pasta frolla.

Preriscaldate il forno a 170 gradi. Coprite il recipiente con della pellicola da cucina e fate riposare in frigorifero per circa mezz’ora.

Rivestite una teglia con la carta da forno e aiutandovi con un cucchiaio formate delle palline. Appiattitele con le mani  e adagiate sulla teglia distanziandoli fra loro.

Infornate per circa 20 minuti. Lasciate raffreddare prima di consumarli. In un primo momento possono sembrare morbidi al tatto ma raffreddando diventeranno croccanti

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *