Deliziosa colazione di Pasqua e brunch di Pasquetta

colazione di Pasqua
Stampa

Siete alla ricerca di uno speciale menu per la colazione di Pasqua ? Eccovi accontentati!.

Se è questo il vostro dubbio, vi dico subito che non si tratta di un primo pasto come tutti gli altri: la colazione di Pasqua che vi sto per proporre, vi offrirà nutrienti a volontà, un buon carico di energia e un incredibile mix di gusti che non dimenticherete molto facilmente…

Dolci e salati, sfiziosi stuzzicchini e bevande genuine e gustose, diventeranno protagonisti della vostra tavola delle feste, anche perché… la Pasqua dura una giornata intera e non è detto che dobbiamo festeggiarla solamente a pranzo!

Anche al mattino, avremo un’occasione per stare in famiglia, alzarci con calma e metterci a tavola tutti insieme. Perciò, perché non accontentare ogni familiare e portare nei piatti tante delizie e numerosi sapori differenti e forse inaspettati?

La colazione di Pasqua è questo e molto altro: io vi propongo il menu e il resto dipende da voi… dai vostri gusti e dalla vostra voglia di mettervi ai fornelli! Potrete anche divertirvi con i vostri familiari e preparare la colazione tutti insieme: in questo modo, sarà un’esperienza ancor più indimenticabile!

colazione di Pasqua

Il menu che fa la differenza: senza glutine, privo di lattosio… e comunque gustoso!

Sulla tavola delle feste di Pasqua, non potranno mancare le torte salate e i tanti piatti tradizionali e tipici per ogni regione d’Italia.

Tuttavia, quando si tratta del primo pasto della domenica mattina (e/o anche della Pasquetta), potremmo optare per una colazione di Pasqua che inizia con una semplice ma nutriente porzione di latte senza lattosio e una tazza di the a disposizione per chiunque voglia favorire, seguite da alcune proposte di ricette dolci, semplici e veloci da preparare…

A questo proposito, vi consiglio una tazza di yogurt greco e fragole, dei golosi pancakes con marmellata, qualche fetta di colombina pasquale, le uova di cioccolato e un delizioso ed energizzante centrifugato di barbabietole.

Per quanto riguarda la parte della tavola dedicata al salato per la colazione di Pasqua, vi suggerisco un buon piatto di croque monsieur con prosciutto, tacchino e scamorza affumicata; uova all’occhio di bue e speck; e uova sode colorate… Si tratta di un menu in tema con la festività, che verrà apprezzato proprio da chiunque!

Brunch o colazione di Pasqua? A voi la scelta!

Tutte le ricette e le pietanze appena elencate sono molto versatili, nonché di facile e rapida preparazione. Pertanto, tutte insieme si presentano come una perfetta colazione di Pasqua, abbondante, sfiziosa, nutriente e perfetta per la domenica.

Tuttavia, se vi alzerete tardi, potrà anche diventare un delizioso brunch oppure, preparando i piatti in minore quantità, potrà rivelarsi un ottimo preludio del pranzo in famiglia… e quindi una sorta di speciale e sostanzioso antipasto!

Soprattutto se a riunirvi sarete in tanti, questa colazione di Pasqua si rivelerà l’ideale e potrà accontentare proprio tutti: sarà una tavolata perfetta per tutti i gusti, e per grandi e piccini. Inoltre, nessuno dovrà preoccuparsi delle intolleranze, in quanto avrete a che fare con pietanze prive di glutine e lattosio!

Perfetto, non credete? Buona Pasqua a tutti! E ora parliamo della colazione di  Pasquetta

La colazione di Pasquetta: un rituale dolce o salato?

Depurazione e gusto: la colazione della Pasquetta

La colazione di Pasquetta dà il via a una giornata da trascorrere con amici o parenti, al verde o al mare, in agriturismo o in qualche hotel chiccoso. Questa giornata non prevede, di solito, delle grosse abbuffate come quelle del giorno prima, anche perché si dimostra essere una fase di transizione tra un giorno ricco di leccornie e l’inizio della routine quotidiana.

Per questo sarebbe meglio se durante la colazione optassimo per alimenti leggeri ma sani, gustosi e con poche calorie. Se siete confusi su cosa buttarmi, fugate ogni interrogativo: vi daremo le giuste dritte per mangiare a colazione una varietà di alimenti adatti alle vostre esigenze.

colazione di Pasqua

Perché la chiamiamo Pasquetta?

Il giorno dopo la Pasqua viene chiamato volgarmente Pasquetta, ma si tratta di un nomignolo che è entrato in uso per indicare il giorno successivo. In realtà, il calendario gregoriano e il Vangelo chiamano il giorno di Pasquetta Lunedì dell’Angelo per indicare quel giorno in cui le donne che andarono al Sepolcro di Gesù per imbalsamare il suo corpo e incontrarono l’angelo che annuncia la resurrezione di Cristo.

Ma la Pasquetta non viene ritenuta una festa dai cattolici, e infatti è considerato un giorno festivo solo dal calendario civile. Tradizionalmente, in questa giornata di festa si organizzano delle scampagnate fuori porta iniziando proprio da una colazione di Pasquetta organizzata con amici per poi continuare in un bel picnic.

Cosa scegliere per la colazione della Pasquetta: dolce o salato?

Se non riuscite a rinunciare al dolce, potete mangiare a colazione i resti della colombina pasquale del giorno precedente, magari accompagnata anche ad una tazza di the verde. Ma potete anche scegliere i fantomatici pancakes con marmellata da accompagnare ad una calda tazza di latte Gplus con il 30% in meno di zuccheri

Per i vegetariani il centrifugato di barbabietola è un must, mentre per chi vuole una colazione molto sostanziosa e onorare le tradizioni può buttarsi sulle uova: tra le uova sode colorate e le uova occhio di bue e speck cosa preferite?

Per chi invece ha il palato alla francese, ci vuole una colazione di Pasquetta chiccosa: una bella croque monsieur con prosciutto, tacchino e scamorza affumicata: di certo non sembra un toccasana per il fegato! Se invece volete tenervi in linea basta scegliere un semplice yogurt greco e fragole fresche, mentre per i più affamati di zucchero ci sono le uova di cioccolato ma…attenti a non mangiarvi pure la sorpresa!

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


31-03-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti