Polpette di lenticchie rosse e tofu

Polpette di lenticchie rosse e tofu
Commenti: 4 - Stampa

Un’idea per un “antipastino” : polpette di lenticchie rosse e tofu!

Le polpette di lenticchie rosse e tofu sono sicuramente indicate se dovete preparare uno sfizioso antipasto per una cena importante oppure per un aperitivo con amici. I tempi di preparazione si aggirano intorno ad all’ora o qualcosa di più. Pertanto risulta abbastanza agevole cucinarle sia in settimana che nei weekend.

Se desiderate, le vostre polpette di lenticchie rosse e tofu potrebbero diventare anche il pasto principale in occasione di un picnic all’aperto. I suoi ingredienti si trovano facilmente in qualsiasi momento dell’anno. Per cui possiamo dire che questo piatto è senza ombra di dubbio una soluzione da prendere in considerazione in tutte le stagioni.

Dalla lista degli ingredienti si evince che le polpette di lenticchie rosse e tofu sono un piatto ricco di tante sostanze importanti per il nostro corpo. Per esempio, un importante apporto proteico proviene dal tofu, ma soprattutto dalle lenticchie che equivalgono ad un piatto a base di carne. Non mancano neanche i carboidrati, rappresentati dal pangrattato.

Per quanto concerne invece il sapore, sicuramente una grande contributo in tal senso viene dato dallo zafferano in polvere. Oltre al prezzemolo, se si desidera personalizzare un po’ di più questo piatto, si può utilizzare il peperoncino per renderlo un po’ più piccante e al posto del sale si può impiegare il formaggio salato grattugiato.

Polpette di lenticchie rosse e tofu: le proprietà benefiche del legume

Le lenticchie rosse, grazie all’importantissimo apporto proteico che sono in grado di garantire al nostro organismo, possono essere considerate una valida alternativa ai secondi piatti a base di carne. Al loro interno, in modo bilanciato, sono contenuti anche carboidrati e fibre che consentono di tenere sotto controllo l’insulina presente nel sangue.

Inoltre sono in grado di sostenere la regolarità del nostro intestino. Infatti, le lenticchie rosse vengono considerate un vero e proprio toccasana per i soggetti che soffrono di stipsi. Questi legumi sono poveri di grassi e contengono quelli che sono considerati insaturi, come gli omega 3, una nota sostanza che fa bene al nostro corpo in quanto sostiene l’attività cardiocircolatoria.

Per ogni 100 grammi di prodotto sono contenute all’incirca 300 kcal. Tra le sostanze minerali più importanti presenti nelle lenticchie rosse, ricordiamo il fosforo, il ferro, il potassio e le vitamine appartenenti al gruppo B.

Ingredienti per 4 persone

  • 350 gr tofu naturale
  • 100 gr lenticchie rosse
  • 2 cucchiai pangrattato senza glutine
  • 1 presa cumino
  • 1 bustina zafferano in polvere
  • 4 cucchiaini prezzemolo tritato
  • q.b. sale

Preparazione

Cuocete le lenticchie rosse in acqua bollente per circa quindici minuti. Poi, scolate e frullate con il tofu. Aggiungete del pan grattato, zafferano, prezzemolo e sale a vostro piacere. Amalgamate per bene con il mixer, e riponete in frigorifero per circa un’oretta.

Dopo, create delle palline, schiacciate e mettete a cuocere su una placca coperta con carta da forno ad una temperatura di 200° gradi per poco meno di una mezz’oretta. Cercate di girarle a metà cottura.

Trascorso tale intervallo di tempo, le vostre Polpette di lenticchie rosse e tofu sono pronte per essere portate in tavola. Se desiderate, potete benissimo utilizzarle per farcire un panino. Buon appetito!

5/5 (346 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Polpette di lenticchie rosse e tofu

  • Sab 9 Mar 2019 | Francesca ha detto:

    Ciao Tiziana, voglio provare questa ricetta. Ma le lenticchie sono solo da cuocere per 5 minuti? Io in genere le cuocio un’ora…..

    • Lun 11 Mar 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Le lenticchie rosse non necessitano di ammollo e hanno un tempo di cottura breve rispetto alle altre qualità di lenticchie. Max 15 quindici minuti

      • Lun 15 Apr 2019 | Francesca ha detto:

        Grazie mille. Provati e sono ottimi. Stasera li rifaccio! :-)

        • Lun 15 Apr 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

          Grazie per il suo feedback

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Schiscetta della studentessa

Schiscetta della studentessa, un pasto sano e veloce

Le pietanze della schiscetta della studentessa Oggi vi presento la schiscetta della studentessa, un vero e proprio menù, più che una pietanza. Una proposta gastronomica per chi, per un motivo o...

petto di anatra ed insalata

Pranzo in ufficio con petto di anatra ed...

Pranzo al volo con petto di anatra ed insalata. Se sei alla ricerca di un’idea golosa e pratica per l’ufficio, nutriente e particolare, questa ricetta del petto d’anatra ed insalata con mix di...

schiscetta pollo al curry

Schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry

Una schiscetta ai profumi d’oriente. Oggi la schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry. Un'idea molto golosa composta principalmente da due pietanze: gli spiedini di pollo al curry...

Club sandwich

Pranzo al sacco completo per gite fuori porta

Club sandwich, chips di frutta e mela: il pranzo al sacco è servito Gita scolastica in vista? Non sapete cosa preparare per i piccoli di casa? Nessun problema con questo pranzo al sacco, ricco e...

focaccia al rosmarino con tartare di salmone

La focaccia al rosmarino con tartare di salmone

Picnic con la focaccia al rosmarino, tartare di salmone. La focaccia al rosmarino con tartare di salmone per la tua gita!. Avete in programma un’uscita fuori porta o un picnic con tanto di...

cake salato alla zucca e olive

Cake salato alla zucca e olive verdi per...

Cosa mi porto a lavoro per pranzo? Ecco il cake salato che fa per te! Il cake salato alla zucca e olive verdi è uno dei piatti che vi consiglio di portare a lavoro. Sana e nutritiva, questa...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-05-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti