Torta Pasqualina light : lo yogurt fa la differenza

torta pasqualina
Commenti: 0 - Stampa

Una variante della famosa torta salata: la torta Pasqualina light

Se amate la torta Pasqualina ma tenete molto alla vostra linea e al peso forma, sicuramente potrete apprezzare questa gustosa variante in cui andremo ad utilizzare lo yogurt greco magro al posto della ricotta e a sostituire la normale sfoglia con quella integrale. Forse non ci crederete, ma la verità è che questa versione è forse ancora più gustosa dell’originale, in quanto i nuovi ingredienti sono capaci di donare un valore aggiunto all’intera ricetta.

Prepararla non sarà difficile e il risultato sarà eccellente. Perciò, ecco tanti buoni motivi per provare la torta Pasqualina light e tutti passaggi che vi consentiranno di portarla sulla vostra tavola.

Gli spinaci e le loro proprietà

Come ben sapete, gli spinaci sono uno degli ingredienti principali della classica torta Pasqualina. Sono ortaggi dal sapore magnifico e capaci di donare importanti nutrienti al nostro corpo. Infatti, offrono un buon apporto di proteine e fibre vegetali, ma anche di minerali come il magnesio, il rame, lo zinco, il ferro, il potassio, il manganese, il fosforo, il calcio e il selenio, ed elevati livelli di vitamina A, C, E, K, J e alcune vitamine del gruppo B.

Grazie a questi nutrienti, e anche alla grande quantità di acqua in essi contenuta, gli spinaci si presentano come un alimento ipocalorico, leggero, digeribile e in grado di proporci ottime proprietà antiossidanti, idratanti, depurative, antinfiammatorie e lassative. Inoltre, gli esperti suggeriscono che il consumo di essi consente di rinforzare il sistema immunitario e promuovere la salute della pelle, degli occhi, delle ossa, del cuore e dell’apparato vascolare.

Lo yogurt greco: amabile e delicato

Come abbiamo detto, nella torta Pasqualina light, andremo ad utilizzare lo yogurt greco magro al posto della ricotta. Questo renderà ogni porzione molto più leggera, ma comunque ricca di sostanze interessanti e nutrienti, proprio come le proteine. È utile sapere anche che, rispetto allo yogurt normale, quello greco è decisamente più denso e compatto, quasi privo di grassi e ipocalorico.

Tuttavia, il principale pregio di questo alimento consiste nell’elemento “sazietà”. Infatti, pur essendo molto leggero e capace di fornire un ridotto apporto calorico, ci consente di sentirci soddisfatti e con lo stomaco pieno. Pertanto, si rivela come uno degli elementi in grado fondamentali di questa torta Pasqualina light, donando ad essa un sapore particolare e anche molta più leggerezza rispetto alla ricotta.

Ma ecco la lista completa degli ingredienti e tutte le modalità di preparazione che vi aiuteranno a portare in tavola questa gustosa e speciale torta salata.

Ingredienti per 4/6 persone

  • 500 gr di spinaci
  • 3 uova;
  • 350 gr di yogurt greco magro consentito
  • 2 rotoli di pasta sfoglia consentita
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  •  sale e pepe q.b.

Preparazione

Per preparare la torta Pasqualina light, fate cuocere a vapore gli spinaci. Poi, passateli in padella con un filo olio e l’aglio, e lasciate insaporire. Non appena si saranno raffreddati, strizzate gli spinaci, in maniera tale da eliminare l’acqua in eccesso, e tritateli. Conseguentemente, metteteli in una ciotola, aggiungete yogurt, sale e pepe e mescolate accuratamente.

Prendete una tortiera con chiusura a cerniera e ricopritela con la pasta sfoglia già pronta, riutilizzando anche la carta da forno già presente nella confezione. In seguito, bucherellate la sfoglia con una forchetta, versateci sopra il ripieno di spinaci e livellatelo con un cucchiaio. Dopodiché, sgusciate le uova, cercando di non rompere i tuorli, e create tre piccoli spazi nel ripieno per posizionarle.

Infine, ricoprite la torta salata con l’altra sfoglia, eliminando le parti in eccesso, e chiudete i lembi superiori e inferiori creando un decoro a cornice. Bucherellare anche la sfoglia superiore e mettetele a cuocere in forno preriscaldato a 220°C per i primi 15 minuti, e poi a 180° per altri 25 minuti circa, fino a quando la vostra torta Pasqualina light mostrerà una bella doratura. Servite e gustate.

5/5 (435 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale. Le uova sono uno degli alimenti simbolo della Pasqua, tanto che molte...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Io amo prepararlo a Pasqua, che è tradizionalmente una...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-03-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti