Millefoglie al salmone: il gusto incontra il benessere

Millefoglie al salmone
Commenti: 0 - Stampa

A tavola con una deliziosa millefoglie al salmone

La millefoglie al salmone è un piatto speciale sia a livello nutrizionale che culinario. In pratica, è buono, nutriente e ha un aspetto invitante ed elegante. Si rivela perfetto come secondo, ma anche come antipasto. È perfetto in estate e in inverno, e si presenta come l’ideale in qualunque stagione.

Per quanto sembri difficile prepararlo, dovreste sapere che la preparazione è molto semplice e veloce. Tuttavia, gran parte della soddisfazione la proverete una volta che avrete assaggiato questa pietanza piena di gusto e nutrimento. A questo proposito, ecco tutto quello che dovreste sapere a riguardo…

Millefoglie al salmone: tutte le proprietà dell’ingrediente principale

Naturalmente, il protagonista di questo piatto è il salmone. Questo alimento vanta di un sapore inconfondibile, delicato e intenso allo stesso tempo, che si sposa perfettamente con il gusto degli altri ingredienti. Il salmone è dotato di innumerevoli proprietà benefiche oltre che organolettiche, che possiamo apprezzare sia quando scegliamo di consumarlo fresco che quando decidiamo di portarlo in tavola affumicato.

Il  protagonista della millefoglie al salmone è povero di sodio, ma ricco di minerali come selenio e fosforo. È poco calorico e contiene elevati livelli di proteine magre, utili per saziarci e per promuovere la salute e lo sviluppo dei muscoli, così come numerosi processi metabolici portati a termine dal nostro organismo. Come ben sapete, il salmone è persino dotato un valido contenuto di acidi grassi omega-3, perfetti per abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e per proteggere tutto il sistema cardiocircolatorio.

Millefoglie al salmone

Secondo le ricerche, questi “grassi buoni” sono ottimi anche per la prevenzione di alcuni tumori e di numerose malattie e, nel contempo, possono aiutarci a rallentare il naturale processo d’invecchiamento del nostro organismo e a ottimizzare le nostre capacità cognitive. Il salmone contiene anche una buona quantità di vitamina D, B6 e B12. Grazie a tutte queste sostanze e proprietà, si dimostra come un alimento ideale per tutti, anche per coloro che stanno seguendo dei regimi alimentari ipocalorici.

Per preparare una perfetta millefoglie, scegliete sempre ingredienti di qualità!

Come avrete capito, abbiamo a che fare con una ricetta tanto sfiziosa quanto nutriente. Tuttavia, per riuscire a godere al meglio di tutte le qualità organolettiche e nutritive di questo piatto, non dimenticate che sarà necessario scegliere alimenti di prima qualità: facendo una spesa consapevole, riuscirete a portare in tavola una pietanza perfetta sotto ogni punto di vista.

Proprio per questo, per la preparazione della millefoglie al salmone, vi consigliamo in particolare di scegliere con attenzione l’ingrediente principale. In base alla nostra esperienza, possiamo dire che il Salmone Affumicato Kinglas di Loch Fyne è l’ideale, soprattutto per la speciale affumicatura effettuata con il legno di vecchie botti di whisky alla quale viene sottoposto. Questa lavorazione unica non offusca le qualità organolettiche del pesce ma, al contrario, lo rende ancora più pregiato.

Questa qualità di salmone si presta perfettamente alla preparazione di questo piatto anche per l’equilibrata sapidità e per l’eccellente consistenza che dona ad esso ancora più gusto. Detto questo, non vi resta che portare in tavola

Ricetta delle millefoglie al salmone

Ingredienti per 4 persone

per le crepes

  • 200 gr. di farina di grano saraceno,
  • 2 uova,
  • 350 ml di latte  intero consentito,
  • un pizzico di sale

per la farcitura:

  • 250 gr. di filetto di salmone scozzese  affettato
  • 200 gr. di mascarpone consentito
  • 25 gr di latte consentito
  • q.b. noce moscata
  • 1 cipolla rossa
  • 1 limone bio
  • q.b. maggiorana per guarnire

Preparazione

In una terrina mescolare bene la farina con le uova, il sale e il latte . Mescolate bene l’impasto che deve risultare liscio e senza grumi.

Per la cottura potete utilizzare sia una pentola antiaderente del diametro di 16/18 cm circa che una crepiera

Prima di versare l’impasto scaldare molto bene la pentola e ungerla leggermente. Quando la pentola  è ben calda versare un mestolino  di composto nel centro e stenderlo facendo roteare. Se usate una pentola coprite con il coperchio e cuocere per qualche minuto.

Quando vedete che il bordo della crepe comincia a dorarsi e si stacca dalla padella, giratela dall’altro lato per un minuto. Continuate così fino al termine di tutto l’impasto che avete preparato

Montate il mascarpone con il latte e aromatizzate con un pizzico di noce moscata. Affettate il salmone

Farcite la millefoglie con il composto di mascarpone, le fette di salmone, la cipolla affettata sottilmente, qualche fettina sottile di limone.

Guarnire la cima del millefoglie con una abbondante dose di mascarpone, altre fettine di salmone, la cipolla e qualche fogliolina di maggiorana.

5/5 (488 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesce spada al forno con bergamotto

Pesce spada al forno con bergamotto, gourmet

Pesce spada al forno con bergamotto e radicchio, degli ingredienti di classe Il pesce spada al forno con bergamotto e radicchio stufato è un secondo molto elegante, quasi gourmet. D’altronde, la...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-03-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti