Le preziose e affascinanti uova di emù

Tempo di preparazione:

Uova di emù: grandi e di un colore fantastico!

Le uova sono un alimento a dir poco amato e ampiamente diffuso, tanto che l’8 ottobre viene persino celebrato il World Egg Day in alcune parti del mondo! Ne mangiamo moltissime e, infatti, secondo alcune statistiche in Italia ne vengono consumate annualmente circa 215 a persona, in Cina 320, in Giappone 330 e in Messico circa 350. Questo è dovuto al fatto che non esistono solamente quelle di gallina: ce ne sono di diversi tipi e tra questi troviamo le uova di emù.

Queste ultime si stanno facendo conoscere in molte parti del pianeta, insieme a quelle di gabbiano che conquistano l’Inghilterra, a quelle di struzzo che si stanno diffondendo anche nella nostra penisola e a quelle di piccione, sempre più note e amate. Le uova di emù sono molto conosciute in Australia, dove vengono cucinate con frequenza e con estrema soddisfazione. Lo sapevate?

“Altezza mezza bellezza”, ma non è solo questo che ci permette di riconoscere l’emù

Il Dromaius novaehollandiae, ovvero l’emù, è una specie originaria dell’Australia, che ci ricorda molto lo struzzo. Vive principalmente in territori aridi, prediligendo la compagnia di piccoli gruppi di suoi simili, pur se è possibile avvistare delle coppie che vivono da sole. Corre veloce e nuota mostrando un’innata abilità e queste caratteristiche lo rendono molto simpatico e interessante da osservare. Le uova di emù vengono deposte da febbraio ad aprile: un periodo che si rivela la stagione degli amori per l’emisfero opposto al nostro.

Gli emù vengono anche allevati, in particolare per l’uso della carne e della pelle, e ultimamente stanno nascendo alcuni allevamenti anche nella penisola.  In questi casi, le 20-25 uova di emù che vengono deposte in cattività, vengono messe in incubatrice e i piccoli nascono molto in fretta. Quelle non fecondate possono invece diventare un valido alimento. Infatti, con il loro guscio color smeraldo conquistano lo sguardo… ma al loro interno è contenuta una vera delizia ricca di nutrienti!

emu

Come si cucinano le uova di emù?

Questa bella domanda comporta una semplice risposta: proprio come le uova di gallina! Potrete usarle al posto di queste ultime e portare in tavola nuovi sapori e tanti piatti estremamente proteici ed energetici. Sicuramente, le dosi cambiano proprio per le dimensioni delle uova di emù: sono molto grandi, proprio come nel caso di quelle dello struzzo, e pesano circa 450-550 grammi l’una. Anch’esse presentano un guscio dotato di un notevole spessore e, per questo, si mantengono più a lungo.

Prendendo spunto dalla cucina australiana, dove le uova di emù sono praticamente una costante, possiamo usare questo alimento per preparare dolci e frittate di ogni tipo. Ad ogni modo, non dimenticate di considerare le porzioni: una frittata con una di queste uova può sfamare anche più di 10 persone! Tra l’altro, è consigliabile mettere da parte l’idea dell’uovo sodo, proprio perché per cuocere un uovo così grande… il tempo sembrerà non finire mai!

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *