Olio di cocco: proprietà ed utilizzi in cucina

Olio di cocco
Commenti: 0 - Stampa

La palma da cocco, il cui nome scientifico è Cocus nucifera, appartiene alla famiglia delle Arecaceae, ed è tipica dei litorali dei paesi caldi. I suoi frutti, comunemente chiamati noci di cocco, sono delle drupe, composte da una polpa bianca che racchiude una grossa cavità con all’interno un liquido dolciastro e lattiginoso, “l’acqua di cocco”.

Dalla polpa della noce di cocco viene prodotto sia l’olio che il burro di cocco, utilizzati sia in campo alimentare che cosmetico. L’olio o il burro di cocco, prodotti dalla polpa fresca fatta essiccare, sono composti per la maggior parte da acidi grassi saturi a catena media (MCFA), dove quello maggiormente rappresentato è l’acido laurico, e in percentuali minori altri tipi di acidi grassi quali caprilico, palmitico, miristico, linoleico, ed oleico.

Essendo un grasso vegetale, è completamente privo di colesterolo, e contiene inoltre alcuni micronutrienti come il ferro, la vitamina E e la vitamina K. Il suo apporto calorico è però notevole, più di 800kcal per 100g. L’olio di cocco si presenta in forma semisolida, più simile al normale  burro che all’olio, e passa allo stato liquido ad una temperatura di almeno 25°C; è bene comunque non conservarlo in frigorifero e sempre al riparo dalla luce.

Molti studi epidemiologici hanno suggerito che il consumo di alimenti ricchi di grassi saturi potesse portare ad un aumento del contenuto di colesterolo nel sangue e questo fatto ha contribuito a far credere che il consumo di cocco e dei suoi derivati fosse dannoso per la salute.

Il cocco riconsiderato grazie ad alcune peculiarità.

Prima di tutto gli acidi grassi a catena media, tipici di questo frutto e dei suoi derivati, hanno la caratteristica di essere assorbiti a livello intestinale, senza l’intervento degli enzimi deputati alla loro digestione (la lipasi pancreatica); inoltre questi tipi di acidi grassi, a differenza degli acidi grassi saturi a lunga catena, vengono trasportati al fegato per essere rapidamente convertiti in energia, anziché venire immagazzinati sotto forma di grasso.

cocco

Questa particolare proprietà permette all’olio vergine di cocco di poter essere introdotto in un regime alimentare destinato alla riduzione del peso corporeo.

Numerose ricerche hanno attribuito all’olio di cocco alcune caratteristiche salutistiche, come il fatto di stimolare il metabolismo corporeo e favorire il consumo dei grassi, aumentando cioè la loro ossidazione favorendone l’utilizzo come substrato energetico; inoltre è stato visto come l’olio di cocco sia efficace nell’aumentare i livelli di HDL ( il colesterolo “buono”) nel sangue a scapito del contenuto ematico di LDL (il colesterolo “cattivo”), quindi risulterebbe utile nel migliorare  il profilo lipidico del sangue.

Alcuni studi hanno inoltre evidenziato che gli acidi grassi a media catena, tipici di questo olio, possono rappresentare un’importante fonte di energia per le cellule celebrali, dimostrandone la loro efficacia in soggetti che presentano deficit di memoria; inoltre l’olio di cocco si è dimostrato utile anche per le persone che soffrono di malassorbimento intestinale perchè i suoi grassi tipici risultano più solubili e quindi più facilmente trasportabili nel torrente circolatorio. L’olio di cocco è anche in grado di controllare il livello di zuccheri presenti nel sangue, quindi potrebbe avere un’azione preventiva nei confronti dello sviluppo del diabete.

Oltre alle sue proprietà nutrizionali, l’olio di cocco potrebbe essere utilizzato per le sue proprietà antifungine e antibatteriche; infatti, grazie al suo contenuto in acido laurico, si è dimostrato efficace nel trattare l’infezione da Candida albicans e anche altre infezioni sia batteriche che virali.

Dovreste provare l’olio di cocco

Bisogna però ricordare che per sfruttare in pieno delle sue proprietà benefiche, l’olio di cocco deve essere estratto dalla polpa fresca, lasciata asciugare ed essiccare, per essere poi scaldata a basse temperature, fino a quando l’umidità presente non è completamente evaporata; questo tipo di lavorazione permette di ottenere olio di cocco vergine, che conserva tutte le sue proprietà nutrizionali originali.

Purtroppo molto spesso, nei processi di produzione industriale, vengono utilizzate temperature troppo alte o sostanze chimiche che facilitano l’essiccamento della polpa ma contemporaneamente ne deteriorano le sue proprietà nutrizionali. Quando parliamo dei benefici che possiamo ricavare da questo alimento ci riferiamo perciò all’alimento naturale o all’olio vergine.

In cucina, l’olio di cocco trova la sua giusta collocazione nel consumo a crudo e quindi privo di cottura; saltuariamente potrebbe essere utilizzato anche per una frittura leggera, avendo un punto di fumo intorno ai 180°C, simile a quello dell’olio di arachide.

Si presta bene per dolcificare le bevande calde come il caffè o il tè, o anche aggiunto a frullati di frutta, grazie al suo gusto gradevole al palato; ottimo è anche il suo utilizzo in sostituzione del burro animale nella preparazione di dolci o sempre a crudo per insaporire piatti a base di legumi o cereali, per ottenere un sapore più “orientale”.

I risultati degli studi a favore di un utilizzo dell’olio di cocco per i suoi effetti benefici sulla salute sono ancora in parte contrastanti; il consiglio migliore è di consumarne in quantità moderate, visto che si tratta comunque di un alimento ricco di acidi grassi saturi, all’interno di una alimentazione controllata ed equilibrata.

Inoltre è bene scegliere un prodotto che deriva da una lavorazione a freddo, privo di raffinazione e senza aggiunta di altre componenti.

Gli oli e i grassi vegetali si dividono in due tipologie:

  • Idrogenati significa che sono state utilizzate delle tecniche artificiali/chimiche per dare all’olio/grasso la consistenza necessaria per la lavorazione alimentare.
  • Non idrogenati sono idrogenati di natura, non hanno quindi bisogno di essere sottoposti ad ulteriori procedure per essere utilizzati. Sono quindi naturalmente saturi, ma questo NON significa che siano “ amici” della nostra salute.

Gli oli idrogenati sono oli spesso sani nel loro stato naturale (ad esempio olio di palma, nocciolo, soia, olio di mais o di olio di cocco), ma sono rapidamente trasformati in sostanze poco salutari attraverso la produzione e lavorazione che subiscono.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

19-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti