Penne integrali con cavolo verde e acciughe

Penne integrali con cavolo verde e acciughe
Commenti: 0 - Stampa

Un primo piatto caratterizzato da una combinazione perfetta tra pasta, cavolo verde e acciughe

Le penne integrali con cavolo verde e acciughe si presentano come un piatto molto semplice, ma allo stesso tempo dotato di un sapore particolare: quello dato dall’unione dei due ingredienti principali.

Sono in pochi ad aver provato a mettere in tavola questo abbinamento e forse neanche voi lo avevate pensato prima d’ora, ma possiamo assicurarvi che, una volta che avrete assaggiato questo piatto, non avrete più dubbi!

Se amate le acciughe, il cavolo verde e la pasta, certamente questa è una ricetta da provare al più presto. Tuttavia, prima di passare alla preparazione, è giusto che sappiate che state andando ad assaporare una pietanza ottima anche da un punto di vista nutrizionale e terapeutico. Ecco qualche informazione utile.

Fino a non molti anni fa il pesce è stato l’alimento del venerdì, giorno di magro, e questo fatto probabilmente ha contribuito a creare il pregiudizio che si tratti di un alimento povero, di scarso valore nutritivo. Il pesce rappresenta invece un alimento essenzialmente proteico, come la carne: il suo contenuto in proteine è di poco inferiore a quello del vitello e del pollo, oscillando in media tra il 12 e il 20% del prodotto commestibile, e deve quindi essere considerato non un succedaneo bensì un vero e proprio equivalente della carne bovina.

Il pesce è trascurato in molte famiglie anche per il suo costo elevato. Effettivamente sono molto costosi sogliole, cernie, orate, branzini, però esistono dei pesci che recenti studi hanno valorizzato dal punto di vista alimentare e che sono molto meno costosi: si tratta del cosiddetto «pesce-azzurro»; e cioè acciu­ghe, sardine, sgombri, bughe.

Spesso si fa uso di sardine e acciughe solo conser­vate in scatola, sott’olio ( che sono costosissime), e si trascura lo stesso pesce quando è fresco, più nu­triente e notevolmente a buon mercato. La scarsa simpatia del consumatore italiano verso il pesce azzurro risale probabilmente ai tempi in cui la sua conservazione era difficile (mancava la cosiddetta catena del freddo) e consumare pesce significava impregnare la casa di odori poco gradevoli. Raramen­te abbiamo occasione di mangiare pesce fresco, ap­pena pescato, ora però che l’industria del freddo ha fatto notevoli progressi ( surgelazione), è possibile in­cludere il pesce nel menu settimanale con maggio­re frequenza.

La digeribilità del pesce, intesa come velocità di di­gestione, dipende, come quella di qualsiasi altra car­ne, dal contenuto in grassi e dal tipo di cottura (il pesce fritto, è sempre di difficile digestione).

Per quanto riguarda il contenuto in grassi, si trovano differenze notevoli nei diversi pesci: da ciò l’uso di distinguere i pesci magri dai pesci grassi. Fra i primi citiamo la sogliola, il merluzzo, il palombo, la trota, l’orata, il luccio, il branzino. Tra i pesci semigrassi troviamo la triglia, il pesce spada, il salmone, la sar­da, il tonno. Tra i pesci grassi l’anguilla, l’aringa, lo sgombro.

Penne integrali con cavolo verde e acciughe: oltre al gusto, c’è molto di più!

Gli ingredienti protagonisti di questo piatto sono il cavolo verde e le acciughe. Entrambi hanno molte caratteristiche da non sottovalutare che vanno oltre il fattore gusto. Dovreste sapere che il cavolo verde viene definito uno degli ortaggi più nutrienti del mondo. È ricco di antiossidanti, vitamine, minerali e moltissimi altri fitonutrienti. Alcune sostanze nutritive sono presenti in quantità estremamente elevate.

Infatti con un buon piatto di pasta condita in questo modo potrete godere in particolare di un notevole apporto di ferro (questo ortaggio ne contiene di più rispetto alla carne!), calcio, fibre e acidi grassi (omega-3 e omega-6). Pertanto, significa che il consumo di cavolo verde è indicato soprattutto nei casi di anemia e ci aiuta a mantenere in salute le ossa, il cuore e le arterie.

pasta-cavolo-verde-acciughe1Inoltre, grazie ai fitonutrienti che contiene, può contribuire a rinforzare il sistema immunitario e ad abbassare la pressione, presentandosi inoltre come un valido antinfiammatorio naturale, un potente antiossidante e un antitumorale. Secondo molte ricerche, questo ortaggio offre persino una valida azione disintossicante all’organismo. D’altra parte, anche le acciughe possono regalarci tanti nutrienti e benefici.

Infatti, contengono moltissimo calcio, iodio, ferro, zinco, proteine, vitamina A e omega-3. Pertanto, il loro consumo favorisce la contrattilità muscolare nonché la trasmissione degli impulsi nervosi, comporta una riduzione dei livelli di colesterolo e promuove la salute di ossa, denti e occhi. I nutrienti contenuti nelle acciughe ottimizzano anche i processi metabolici, la risposta immunitaria e lo sviluppo degli spermatozoi.

Penne integrali con cavolo verde e acciughe: la scelta giusta

Come avrete capito, si tratta di un piatto davvero nutriente e speciale, ma il suo valore nutritivo e terapeutico può essere ancora più elevato se scegliamo la pasta integrale. Quest’ultima è meno raffinata di quella bianca e per questo ci offre tantissimi nutrienti in più e, in particolare un’ottima dose di fibre. Questo significa una maggiore sazietà e una migliore regolarità intestinale.

Grazie a questo alimento selezionato per rendere la pasta cavolo verde e acciughe ancora più buona e genuina, possiamo ottimizzare anche l’assorbimento dei grassi e degli zuccheri, migliorando la nostra salute in generale. Perciò, le ragioni per provare questo piatto sono molte e adesso non vi resta che prepararlo!

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr penne integrali La Molisana
  • 400 gr cavolo verde
  • 10 acciughe
  • 1 spicchio aglio
  • 3 cucchiai olio extravergine oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Tagliate il cavolo verde e ricavatene delle cimette. Poi mettetele a bollire in acqua salata per circa 20/ 25 minuti. Quando l’ortaggio sarà cotto, toglietelo dall’acqua con una schiumarola e mettetelo nella stessa acqua in cui avete messo a cuocere la pasta. Nel frattempo, prendete una padella antiaderente, metteteci l’olio, lo spicchio d’aglio schiacciato e fateci saltare il cavolo verde.

Dopodiché, aggiungete 4 acciughe spezzettate e fate rosolare il tutto per un paio di minuti. Appena la pasta sarà cotta, fatela saltare insieme al cavolo e alle acciughe. Servite aggiungendo qualche pezzo di acciuga spezzettata rimasta su ogni piatto.

5/5 (444 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...

Malfatti con broccoli e salsiccia

Malfatti con broccoli e salsiccia, un primo sostanzioso

Malfatti con broccoli e salsiccia, un piatto semplice I malfatti con broccoli e salsiccia sono un primo gustoso, che gioca la sua partita su una manciata di ingredienti. Anche per questo motivo può...

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-01-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti