Bananito: frutto piccolo ma grande nel gusto

Il bananito trova oggi ingresso anche nei nostri mercati. Trattasi di una variante della banana dalle dimensioni contenute, molto più ridotte di quella comune. In verità, non è come molti credono: non siamo in presenza di una banana sottoposta a trattamenti, le dimensioni di questo frutto sono quelle che la stessa natura gli conferisce.

Il bananito dalla banana differisce sensibilmente non solo per via delle dimensioni, ma anche del gusto.

Esso è molto più dolce e delicato e questa caratteristica organolettica ne fa un frutto molto apprezzato in cucina per le preparazioni di quei dolci che, in genere, non gradiscono la presenza di sapori decisi e forti.

Bananito: miniera di fosforo allo stato naturale

La polpa del bananito, coperta da una buccia molto più sottile di quella della comune banana, cela apprezzabili quantità di fosforo.

Questo minerale, che in genere viene fatto consumare ai bambini al naturale – tramite preparazione di alimenti che lo contengono – o sotto forma di integratore, rappresenta un’irrinunciabile fonte di energia e favorisce l’assimilazione del calcio nelle ossa e nei denti.

Il bananito contiene anche una buona quantità di ferro, di potassio e di vitamine del gruppo B.

La sua polpa frullata può rappresentare per gli sportivi un valido sostituto delle bevande isotoniche vendute in commercio, molte delle quali sono zeppe di coloranti e conservanti.

Rinfrescante, dal sapore molto più delicato e tenue rispetto a quello della banana, leggermente più corposa la sua polpa: queste caratteristiche giustificano la grande diffusione che questo frutto, di recente, inizia ad avere anche nel nostro paese.

I molteplici impieghi in cucina del bananito

Questo piccolo simpatico frutto si utilizza con molta facilità in cucina: è facile da pulire, non va spremuto, non è succoso, caratteristiche queste per le quali viene spesso utilizzato per la preparazione di torte e frullati, anche realizzati nella formula del … last minute.

Il bananito viene utilizzato in particolare per la preparazione di dolci, ma non solo: visto che il suo sapore ricorda quello della mela e la sua consistenza è ben corposa, esso si rivale un ottimo ingrediente per dar vita a piatti davvero originali ed unici, dal gusto a noi un po’ familiare, ma con un carico di proprietà nutrizionali davvero apprezzabili per il nostro benessere.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *