La Zeolite per disintossicare il nostro organismo

nichel
Commenti: 0 - Stampa

La Zeolite per disintossicare il nostro organismo. Non si parla di altro, specie in questi ultimi anni: questo malessere generalizzato e diffuso dipende di certo da quello che respiriamo, che mangiamo.Si tratta di una verità difficile da smentire, ma chi ci dice che debba essere passivamente accettata?

Possibile che, a parte tisane placebo ed altri palliativi anche molto costosi proposti sul mercato non esista una soluzione realmente più efficace? In verità essa c’è e come: si tratta di un prezioso minerale di origine vulcanica: la Zeolite.

Zeolite

Concepito come ingrediente del tutto naturale, ben tollerato dall’organismo grazie ai suoi composti naturali, la Zeolite si pone sul mercato come soluzione perfetta per tutti coloro che intendono prendersi cura del proprio fegato e devono depurarsi dai metalli pesanti.

La scienza e la medicina oggi, così come, naturalmente, tutti i consumatori in genere, si stanno dimostrando sempre più attenti alla composizione degli alimenti e degli integratori che si vanno ad assumere giornalmente.

E’ proprio tenendo conto di questo stato di cose che la Zeolite ha ottenuto, sin dal suo ingresso sul mercato, un vasto successo proprio a motivo della sua composizione tutta naturale, fatta da ingredienti naturali quali mercurio, piombo, cadmio, ammonio e istamina.

Questo speciale minerale è noto da secoli per le sue proprietà disintossicanti e depurative: grazie al suo meccanismo, può trattenere una grande quantità di tossine presenti nel nostro organismo, tra cui radicali liberi, ammoniaca, pesticidi, batteri, virus, microbi, funghi e metalli pesanti, e aiutarci a liberarcene.

Si presenta anche come un grande aiuto nei casi di allergia e/o intolleranza al nichel: è capace di attirare a sé questa sostanza, liberando gli alimenti e alleviando i sintomi che può scatenare.

Per poter essere utilizzata come rimedio naturale, la zeolite deve essere trattata attraverso l’utilizzo di macchinari in grado di modificarne lievemente la struttura e donare ad essa il potere di attirare e trattenere le tossine e i metalli presenti nel corpo umano, per poi agire solo a livello intestinale. Questa sostanza non viene assorbita dall’organismo, ma viene direttamente espulsa attraverso le feci.

Essa è molto utilizzata anche per l’eliminazione dall’ organismo dei metalli pesanti, dei pesticidi e delle numerose tossine che quotidianamente vengono assunti attraverso l’aria e l’alimentazione ed è inoltre particolarmente indicata a coloro che tendono a soffrire di stress ossidativo, come anziani, convalescenti e persone in fase di stress acuto.

I consigli per l’assunzione della zeolite

acquaA questo proposito, dovreste sapere che esistono numerosi tipi di integratori alimentari in commercio e sono disponibili in diversi formati, dalla polvere alle compresse.

Qualunque sia il formato scelto, quando ci si sottopone a questi tipi di trattamenti, è necessario ricordare di assumere molti liquidi, in quanto questo minerale di origine vulcanica ha spiccate caratteristiche assorbenti.

Il consumo della zeolite non comporta effetti collaterali e non ci sono particolari controindicazioni legate alla sua assunzione.

Tuttavia, la dose consigliata è di 2-3 cucchiaini al giorno, da assimilare lontano dai pasti. Ad ogni modo, potrete trovare le indicazioni di assunzione sull’etichetta di ogni integratore alimentare presente sul mercato.

L’assunzione di questi integratori è consigliata a tutti i tipi di soggetti, in particolare a sportivi, anziani, studenti e lavoratori, ma prima di procedere all’integrazione, è sempre consigliabile consultare un medico.La polvere di zeolite viene anche utilizzata, mischiata con semplice acqua, come crema in caso di acne, pruriti e dermatiti per placare i sintomi dell’infiammazione.

Effetti collaterali sull’utilizzo di tale polvere non sono mai stati registrati, l’unico effetto negativo di un eventuale sovradosaggio è un possibile rallentamento della normale motilità intestinale.Per tale motivo, per i soggetti tendenzialmente soggetti a stipsi, si consiglia di partire con un dosaggio molto basso per poi salire gradualmente.Si consiglia di bere molto durante l’assunzione della zeolite. E’ importantissimo

Intraprendere una strada per depurarsi dai metalli pesanti è possibile, attraverso una serie di alimenti e rimedi naturali. I metalli pesanti sono nocivi per la salute di ciascuno e possono determinare intossicazioni, allergie e intolleranze di vario tipo.

Purtroppo l’allerta da questo punto di vista non corrisponde ai reali pericoli che corriamo. I suddetti metalli possono infatti risultare cancerogeni e addirittura causare modifiche nel patrimonio genetico. L’elenco è lungo, ma senza dubbio il metallo che provoca più frequentemente reazioni allergiche è il nichel.

Molti i rimedi naturali per depurarsi dai metalli pesanti

Senza dimenticare cadmio, arsenico, mercurio, cromo, alluminio, cobalto e piombo. Elementi che il nostro organismo assorbe attraverso l’alimentazione oppure dalla semplice aria che respiriamo. Aria inquinata.

Tra i rimedi naturali utili per disintossicarsi dai metalli pesanti, troviamo semi di lino, coriandolo, aglio, spirulina, alga klamath e aceto di mele, che possiamo consumare più frequentemente possibile.

Faccio spesso il pesto di coriandolo con i pinoli di cedro e vi garantisco che è davvero buono e non ha nessun retrogusto strano….

Tra i trattamenti più potenti troviamo invece il metil-sulfonil-metano, presente sia nella frutta che nella verdura (in particolare nell’aglio e nella cipolla), ma anche in specifici integratori.

Abbiamo anche la clorella, un’alga di acqua dolce che prende di mira soprattutto il mercurio; e del glutatione, un antiossidante presente in maniera naturale anche nell’organismo, che agguanta tutti i metalli pesanti.

Con un po’ di ricerche, questi ultimi tre rimedi possono essere trovati in commercio, ma è utile sapere che il glutatione assunto per integrazione non viene assorbito facilmente dall’organismo.

Pertanto, in questo caso è utile affidarsi al glutatione già presente nel nostro corpo e aiutarlo a funzionare tramite un supplemento di cisteina e selenio.

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Biancheria intima

Biancheria intima : allergici ed intolleranti attenzione

Gli errori da evitare per il benessere delle parti intime con la biancheria intima La biancheria intima spesso è un acquisto così banale che spesso la scelta si basa sulla bellezza del capo più...

rasatura della barba senza irritazioni

Allergia al nichel : rasatura della barba senza...

Rasatura della barba: come dire addio a irritazioni L’azione della rasatura della barba espone gli uomini allergici al nichel a rischi per la propria pelle da valutare e prevenire in qualsiasi...

come proteggere la pelle

Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle

Intolleranze e allergie: un rischio per la pelle Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle. Se soffri di intolleranze e allergie, avrai sicuramente già sperimentato gli effetti che...

bigiotteria

Allergia al nichel, attenzione ai gioielli e bigiotteria

Quando gioielli e bigiotteria possono causare allergie al nichel L’allergia al nichel può svilupparsi in seguito al contatto prolungato con oggetti contenenti nichel, come anche  gioielli e...

allergia a chiavi e monete

Allergia a chiavi e monete : il responsabile...

Allergia a chiavi e monete : perché succede?. Allergia a chiavi e monete : il responsabile è il nichel. Ultimamente si riscontra sempre di più l'insorgenza di allergia al nichel, dovuta in...

calze anallergiche

No al silicone e nylon: indossiamo calze anallergiche

Come evitare la dermatite allergica da nylon e silicone? No al silicone e nylon: indossiamo calze anallergiche. Hai comprato delle calze bellissime che non vedevi l’ora di indossare sotto quella...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-11-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti