bg header
logo_print

Tagliatelle con farina di castagne, una pasta speciale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tagliatelle con farina di castagne
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4/5 (1 Recensione)

Tagliatelle con farina di castagne e funghi, un primo autunnale

Oggi prepariamo le tagliatelle con farina di castagne e funghi, un primo piatto diverso dal solito, sia per la pasta che per il condimento. Un piatto che valorizza le primizie dell’inverno, spiccando per le note rustiche e per la capacità di piacere a tutti. E’ facile da realizzare anche per i meno esperti e per chi non è solito preparare la pasta fatta in casa.

Vi consiglio di preparare le tagliatelle con farina di castagne durante le occasioni speciali, quando avete ospiti e intendete deliziarli con un piatto diverso, che possa testimoniare tutto l’affetto che nutrite per loro. Il piatto impone l’utilizzo di una manciata di ingredienti. A fare la differenza, oltre che la manualità, è quindi la qualità della materia prima.

Ricetta tagliatelle con farina di castagne

Preparazione tagliatelle con farina di castagne

  • Setacciate le due farine con un pizzico di sale ed impastate con le uova e, se necessario, un goccio di acqua.
  • Lasciate riposare l’impasto coperto al fresco in frigorifero per almeno 30 minuti.
  • Stendete la pasta con un mattarello grande o utilizzate la macchina per la pasta. Infarinate la sfoglia ogni volta che ne avrete bisogno.
  • Se usate il mattarello infarinate bene e avvolgetela su se stessa. Con un coltello affilato tagliate delle strisce di almeno 1 cm.
  • Per  il sugo pulite bene i finferli e gli champignon rimuovendo tutto il terriccio e altre impurità raschiando con un coltellino o un panno. Se sono piccoli lasciateli interi, se invece sono grandi, tagliateli pure grossolanamente.
  • Schiacciate quindi l’aglio e lasciate soffriggere brevemente in una padella con 2-3 cucchiai di olio.
  • Aggiungete quindi i finferli tagliati e lasciate rosolare per qualche minuto, poi aggiungete gli champignon,  aggiungete anche le foglie di alloro.
  • Fate evaporare l’acqua di vegetazione che uscirà dai funghi e quindi sfumate con il vino bianco. Aggiungete un po’ di sale.
  • Lasciate cuocere ancora per qualche minuto. Nel frattempo mettete a lessare le tagliatelle  e appena saranno pronte aggiungetele ai funghi trifolati fate saltare e a guarnite con una spolverata di Parmigiano Reggiano prima di servire.

Per le tagliatelle:

  • 200 gr. di farina di castagne,
  • 50 gr. di farina di riso,
  • 2 uova,
  • q. b. di acqua.

Per il condimento:

  • 250 gr. di finferli,
  • 300 gr. di champignon,
  • 1 spicchio di aglio grande,
  • 3 foglie di alloro,
  • mezzo bicchiere di vino bianco,
  • q. b. di sale.

La farina di castagne per un piatto davvero speciale

Il vero punto di forza di questo primo piatto consiste nelle farine utilizzate per le tagliatelle: la farina di riso e la farina di castagne. La farina di riso è una vecchia conoscenza dei celiaci, in quanto gluten-free e allo stesso tempo abbastanza simile alle farine tradizionali. La farina di castagne, invece, è per molti una novità. L’idea di ricavare una farina dalle castagne può apparire bizzarra, ma vi assicuro che ha un suo perché. Anzi, i composti realizzati con questo tipo di farina si caratterizzano per una dolcezza e per una rusticità davvero spiccate, che impreziosiscono i piatti più complessi. Anche la farina di castagne è gluten free e quindi adatta ai celiaci.

Questo tipo di farina è anche ricca di vitamine e sali minerali. Contiene anche antiossidanti e non abbonda di grassi. L’apporto calorico è in media di 20-30 kcal inferiore rispetto alle altre farine. Anche l’indice glicemico è più basso, quindi più adatto ai diabetici e a chi sostiene diete dimagranti.

Come preparare le tagliatelle con farina di castagne?

Alcuni potrebbero manifestare scetticismo per la preparazione in casa delle tagliatelle, infatti vengono viste come una preparazione da chef, o da veri esperti in cucina. In realtà la preparazione della pasta fresca fatta in casa è più semplice di quanto si possa immaginare, finanche in presenza di farine alternative come la farina di riso e di castagne. D’altronde si tratta di creare un impasto con acqua, sale e uova; l’impasto va poi coperto e lasciato riposare per almeno mezz’ora.

Poi si stende la pasta con un mattarello infarinato e si ricavano le tagliatelle. In alternativa, e per ridurre il tempo di preparazione, è possibile utilizzare la macchina per la pasta. Per quanto concerne la cottura si butta la pasta in acqua bollente salata e si attende per circa un paio di minuti, un tempo minimo visto che stiamo parlando di pasta fresca.

Come preparare i funghi

Gli altri protagonisti di queste tagliatelle con farina di castagne sono i funghi. I funghi formano un condimento molto semplice ma d’impatto, privo di salsa al pomodoro e leggero in quanto privo di grassi aggiunti (se si esclude un po’ di olio extravergine d’oliva). Ad ogni modo basta cuocere i funghi in un soffritto di aglio, sfumare il tutto con il vino bianco e proseguire così per qualche minuto. La pasta, una volta lessata, va saltata nel condimento e guarnita con un po’ di Parmigiano Reggiano.

Per quanto concerne i funghi vi consiglio di utilizzare i finferli e gli champignon. Costituiscono l’accoppiata perfetta in quanto i finferli esprimono note fruttate e zuccherine, mentre gli champignon danno corpo e delicatezza. Come molte altre specie di funghi, i finferli e gli champignon spiccano per il basso apporto calorico, per l’abbondanza di vitamine e di sali minerali. Contengono anche la vitamina D sotto forma di ergocalciferolo, utile per la protezione dell’apparato scheletrico.

Quali spezie usare per le tagliatelle

Nonostante tutte queste peculiarità, le tagliatelle con farina di castagne rimangono un piatto semplice. Lo si evince dalla fase di aromatizzazione, che di base non vede il contributo di spezie ma solo di alcuni elementi a supporto.

Troviamo l’aglio, che funge da soffritto e quindi da base. Molti potrebbero storcere il naso per la sua presenza, visti gli effetti sull’alito e sulla digestione. In realtà non si corre alcun pericolo in quanto si utilizzano dosi davvero minime. In ogni caso l’aglio fa anche bene alla salute, infatti contiene l’allicina, una sostanza che conserva l’elasticità delle arterie.

Può fungere da elemento aromatizzante anche il vino bianco, che viene utilizzato per sfumare. In questo caso utilizzate un vino molto leggero e poco alcolico. Infine, troviamo il Parmigiano Reggiano, che viene utilizzato come guarnizione. Per questa ricetta vi consiglio di utilizzare una variante a stagionatura media, in modo da garantire una maggiore cremosità al piatto. I formaggi meno duri si amalgamo più in fretta e creano un condimento più denso e corposo.

Come accompagnare questo primo piatto

Come la maggior parte dei primi a base di funghi, le tagliatelle con farina di castagne si sposano bene con dei vini rossi. Tuttavia, occorre tenere presente che il piatto è comunque delicato, in quanto è privo di condimenti liquidi e pesanti. Per questo è opportuno optare per vini rossi poco strutturati come il Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese, che tra le altre cose si abbina anche con formaggi mediamente stagionati e con gli insaccati.

Un buon abbinamento è dato anche dai vini fruttati e speziati, come il Chianti, il Sangiovese, il Primitivo e il Nero D’avola. Quest’ultimo è anche molto strutturato, dunque valutate bene se servirlo o meno. Infine, potreste optare per vini rossi molto leggeri. In questo caso vi consiglio l’Aglianico e il Montepulciano.

FAQ sulle tagliatelle con farina di castagne

A cosa fa bene la farina di castagne?

La farina di castagne è molto nutriente, infatti contiene più vitamine e sali minerali rispetto alle farine di grano. Può essere consumata anche dai diabetici (sempre con moderazione) in quanto il suo indice glicemico è di almeno venti punti inferiore a quello delle altre farine, tra cui la farina 00. Infine si caratterizza per l’assenza di glutine, quindi può essere consumata senza alcun problema anche dai celiaci.

Come condire le tagliatelle di farina di castagne?

Le tagliatelle con farina di castagne hanno un sapore più delicato rispetto alle tagliatelle classiche. Proprio per questo è sconsigliato un condimento a base di sugo di pomodoro. Per questa ricetta un condimento ideale è proprio quello a base di funghi e aromi leggeri.

Quante calorie ha un etto di farina di castagne?

Nell’immaginario collettivo le castagne sono molto caloriche, in quanto considerate simili alla “frutta secca”. In realtà appartengono a una categoria diversa e apportano meno calorie di quanto si pensa. Di conseguenza anche la farina risulta piuttosto leggera, almeno rispetto a quella di grano duro: siamo sulle 340 kcal per 100 grammi.

Ricette con le tagliatelle ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa di legumi con funghi e castagne

Zuppa di legumi con funghi e castagne, una...

Come scegliere i legumi La ricetta della zuppa di legumi con funghi e castagne è pensata per garantire ampia flessibilità nella scelta degli ingredienti. Di base potete utilizzare i legumi che...

Ravioli con sugo di pesce

Ravioli con sugo di pesce, un primo piatto...

Come preparare il sugo di pesce Il pezzo forte di questo primo piatto di pasta a base di ravioli è il sugo di pesce. Potremmo considerarlo come una sorta di ragù “ittico”, specie se si guarda...

Riso Jasmine con tofu

Riso Jasmine con tofu, un bel primo orientale...

Cosa sapere sui germogli di fagioli mungo Prima di parlare della ricetta del riso Jasmine facciamo un bella panoramica degli ingredienti in gioco, o almeno di quelli che meritano una menzione...