Semola di grano duro: proprietà e benefici

Semola di grano duro: scopriamone assieme le caratteristiche

La semola di grano duro fa parte delle vite di ogni giorno ma non nella vita di un celiaco!!  Per questo motivo, voglio parlarvi delle sulle sue caratteristiche che invece sono perfette per gli intolleranti al lattosio.

Oggi ho quindi deciso di colmare questo gap con qualche rapida informazione in merito. Perché ho scelto di farlo? Per un motivo molto semplice: la semola di grano duro è ricca di proprietà ed è compito di chi ama cucinare valorizzarle con attenzione anche se contiene glutine.

Se volete conoscerle anche voi non vi resta che seguirmi nelle prossime righe.

Semola di grano duro: quali sono le proprietà?

Caratterizzata da un inconfondibile colore giallo ambrato, la semola di grano duro ha proprietà molto importanti. Ricordarle vuol dire citare in primo luogo la presenza di carotenoidi. Queste sostanze rappresentano un punto di riferimento molto importante quando si parla di bellezza della pelle.

Per scoprire le caratteristiche della semola di grano duro e apprezzarle al meglio è fondamentale capire da dove deriva. Come dice il nome stesso, si tratta di una farina frutto della macinazione del grano duro. Si trova soprattutto nel Sud Italia, in regioni come la Puglia e la Sicilia. Il colore giallo ambrato la distingue dalla farina di grano tenero.

Il grano duro è caratterizzato dalla presenza di una notevole quantità di proteine. Non è adatto ai celiaci, in quanto è contraddistinto anche dalla presenza di glutine. Questo, ovviamente, non rende la semola una soluzione meno versatile per chi ama cucinare.

Non bisogna infatti dimenticare le esigenze degli intolleranti al lattosio. La semola di grano duro può essere utilizzata per preparare fantastiche pizze, perfette per chi ha problemi di carenza di enzima lattasi.

Differenze tra semola e semola rimacinata di grano duro

Per completare il quadro sulla semola di grano duro è bene considerare le differenze che intercorrono tra questo prodotto e la semola rimacinata. Il primo è sostanzialmente un prodotto meno raffinato. Questo è benefico per via della presenza di sostanze nutritive, che non vengono distrutte dai processi di raffinazione.

Non è infatti un caso che la pasta ottenuta con la semola rimacinata sia spesso considerata di qualità inferiore. Tra i motivi è possibile ricordare la minor consistenza. Adesso che conoscete le caratteristiche principale di un prodotto tanto importante quanto diffuso non vi resta che mettervi alla prova in cucina! Per quanto riguarda i piatti che si possono preparare c’è davvero l’imbarazzo della scelta!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *