bg header

Madeleine alla farina di banana con fibra di baobab

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Madeleine alla farina di banana

Le madeleine alla farina di banana profumate di baobab sono biscottini molto particolari. Lo potete notare dall’aspetto, che si caratterizza per un colore più brillante e in alcuni casi più chiaro. Queste differenze “superficiali” sono determinate dalla scelta degli ingredienti, che è davvero particolare. Essa segue i canoni della sostenibilità, ovvero dell’accesso al consumo per chi soffre di patologie legate all’assorbimento del glutine, e della ricerca dell’esotica come rivela la presenza del baobab.

Nel primo caso il riferimento, piuttosto chiaro, è alla farina di banana. Tuttavia gli ingredienti presentano elementi di divergenza rispetto alle madeleine tradizionali. Troviamo la presenza del burro di cacao (che sostituisce il burro normale), dello yogurt di riso e dell’olio di riso. Il risultato è straordinario, e molto equilibrato nonostante la compresenza di sapori così diversi l’uno dall’altro. Dunque, queste madeleine alla farina di banana sono dei piccoli dolci da provare assolutamente, anche perché la ricetta non è affatto complicata!

Le particolarità della farina di banana

Uno dei protagonisti di questa interessante ricetta è la farina di banana. Una farina particolare, che c’entra ben poco con quella di grano, ma che può regalare grandi soddisfazioni. In primis, perché è priva di glutine. Un “dettaglio” niente affatto da trascurare se soffrite di intolleranza alla sostanza o addirittura di celiachia.

La farina di banana, oltre ad essere molto buona, e garantire una maggiore dolcezza all’impasto, è anche ricca di nutrienti. Oltre ai classici minerali (potassio, manganese, magnesio), contiene elevate concentrazioni di vitamina B6 e vitamina C. Ha un indice glicemico estremamente basso, in modo da poter essere consumata anche da chi soffre di diabete. Infine, è un ottimo regolatore intestinale, e stimola di fatto le funzioni dell’apparato digerente.

Madeleine alla farina di banana

ll ruolo del baobab nelle nostra variante di madeleine

Vediamo ora l’importanza ed il ruolo giocato dal baobab nella ricetta delle madeleine alla farina di banana. Il baobab è una pianta particolare, conosciuta soprattutto nella cosmesi e nell’erboristeria (shampoo e docciaschiuma al baobab sono commercializzati da decenni). Tuttavia, è anche fonte di cibo grazie al frutto che produce. In questo caso viene utilizzata la fibra ricavata dalla polpa, che viene venduta direttamente in polvere, e pronta da inserire negli impasti. La fibra di baobab può essere considerato un superfood, ovvero un alimento in grado di offrire molti principi nutritivi.

La vitamina C, o acido ascorbico è presente in quantità eccezionali, superiori di almeno cinque volte rispetto a quelle delle arance o degli altri agrumi. Più che considerevoli sono anche le concentrazioni di vitamina PP e di vitamine del gruppo B, nonché di amminoacidi essenziali. Il baobab è anche ricco di minerali quali il magnesio, il ferro, il calcio, il ferro e il fosforo. Essendo sostanzialmente composta da fibra aiuta, inoltre, la digestione. Fornisce persino una blanda azione antipiretica, antinfiammatoria, antivirale e antibatterica.

Ecco la ricetta delle madeleine alla farina di banana

Ingredienti per 30 pezzi:

  • 130 gr. di uova intere,
  • 70 gr. di yogurt di riso,
  • 90 gr. di zucchero di canna muscovado,
  • 60 gr. di olio di riso,
  • 30 gr. di burro di cacao,
  • 130 gr. di farina di banana,
  • 30 gr. di amido di mais,
  • 3 gr. di sale,
  • 3 gr. di lievito per dolci,
  • 20 gr. di fibra di baobab.

Preparazione:

Iniziate la preparazione delle vostre madeleine alla farina di banana procurandovi uno stampo adatto. In commercio ce ne sono in metallo o in silicone. Io reputo migliori quelli in metallo poiché trasmettono meglio il calore e garantiscono una più efficace definizione delle scanalatura. Sciogliere il burro cacao (potete utilizzare il microonde o il metodo a bagnomaria) e unirlo all’olio di riso e alle uova intere. A questo punto mescolate con energia senza però montare il composto, che deve risultare semplicemente omogeneo.

Setacciate il lievito nella farina e aggiungetelo con il resto degli ingredienti con gradualità e senza interrompere l’operazione di mescolamento. Fermatevi solo quando avrete ottenuto un composto molto denso e omogeneo. Versate il composto nelle sac a poche per riempire lo stampo, avendo cura però di lasciare qualche millimetro dal bordo.

Preriscaldate il forno a 180 gradi e cuocete lì dentro le madeleine. Dovrebbero bastare una decina di minuti, ma prima di spegnere il forno verificate che la superficie delle madeleine sia asciutta e gonfia. Io consiglio di sfornare le madeleine appena terminata la cottura, altrimenti correte il rischio che si attacchino allo stampo. Spolverizzate, infine, con la la fibra di baobab e servite.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...

logo_print