Tiramisù con albicocche: un’idea dolce

Tiramisu con albicocche
Commenti: 0 - Stampa

Quando al dolce si vuole unire anche il benessere: tiramisù con albicocche

Il tiramisù con albicocche è una soluzione da prendere in considerazione quando si desidera creare un dolce senza rinunciare alle sostanze benefiche, in particolar modo offerte dalla frutta, in questo caso le albicocche per l’appunto. È consigliabile preparare questo dolce quando si hanno a disposizione le albicocche raccolte nel loro periodo di maturazione (che va da maggio a luglio), evitando così il loro acquisto in altri momenti in cui è molto alto il rischio di avere un prodotto che si è sviluppato grazie a dei fertilizzanti e che è stato trattato anche con pesticidi. Il costo degli ingredienti utili per realizzare il nostro tiramisù con albicocche sono medi sicuramente alla portata di chiunque.

Tiramisù con albicocche: ecco i principali benefici

I principali benefici derivanti dal tiramisù con albicocche provengono proprio dalle albicocche di cui abbiamo deciso di analizzare le proprietà nutrizionali di maggior rilievo. Secondo gli studi che sono stati condotti in antichità, le albicocche, in particolar modo il loro seme, sarebbero in grado di contrastare con efficacia il cancro, grazie alla presenza della vitamina B17 contenuta in esse. Secondo altri, però, la vitamina B17 conterrebbe delle sostanze considerate tossiche per la nostra salute. Ancora, pertanto, il parere della comunità scientifica su questo argomento è piuttosto discorde e dibattuto. L’albicocca contiene dei potentissimi antiossidanti che contrattano con efficacia lo sviluppo dei radicali liberi che, com’è noto, possono determinare l’invecchiamento cellulare e favorire l’insorgenza di alcune forme tumorali.

Tiramisù con albicocche

Le albicocche sono un’importante fonte di vitamina C oltre che di vitamina A, che come sappiamo sono in grado di rafforzare il nostro sistema immunitario e di migliorare la funzione della nostra vista. Secondo quanto viene riportato dagli studiosi, sembra che se si mangiano 3 albicocche al giorno, si ha la possibilità di beneficiare di alcune sostanze utili per contrastare la degenerazione maculare e la cataratta.

È anche importante il contributo in termini di fibre che le albicocche possono dare al nostro organismo, migliorando così l’attività intestinale soprattutto in quelle persone che soffrono il problema della stipsi. Le albicocche possono agire garantendo il buon funzionamento del colon, agevolando l’attività del nostro apparato digerente e creando le condizioni affinché si possa mantenere un normale peso corporeo.

Considerato il buon livello di rame e ferro presente all’interno delle albicocche, possiamo senza dubbio affermare che questo frutto è un valido alleato contro l’anemia. Utilizzando l’albicocca si possono anche creare degli oli particolari che salvaguardano la salute della nostra pelle, alleviando anche alcuni disturbi come la scabbia e la dermatosi.

Ingredienti per 6/8 persone:

  • 700 gr. di albicocche
  • 400 gr. di pan di spagna
  • 500 gr. di mascarpone Accadi
  • 100 ml. di latte Accadi
  • 6 uova
  • 100 gr. di zucchero+40 gr.
  • 1 bicchiere di succo di frutta all’albicocca
  • il succo di 1/2 limone
  • 1 cucchiaio di crema di vaniglia

Preparazione

Per la preparazione bagna lavate le albicocche e private del nocciolo. Tagliate 3/4 a dadini piccoli e 1/4 a fettine sottili.

Versate le fettine nel bicchiere del frullatore con il latte e lo zucchero. Riducete in crema fino ad ottenere un composto omogeneo. Coprite con della pellicola e riponete in frigorifero

Per la preparazione della crema al mascarpone dividete i tuorli dagli albumi. Montate a neve ferma gli albumi. Montate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere una crema densa e spumosa. Aggiungete il mascarpone e continuate a montare. Profumate con la crema di vaniglia

Incorporate delicatamente gli albumi mescolando con una spatola con dei movimenti dal basso verso l’alto. Lasciate riposare per circa mezz’ora nel frigorifero prima di utilizzarla

Fate rosolare le fettine di albicocche velocemente con 40 gr di zucchero e il succo di 1/2 limone, quindi bagnate con il succo di albicocca e lasciate raffreddare.

Preparate le ciotoline e cominciate con un primo strato di crema, uno strato di biscotti e inzuppateli velocemente nella bagna e un cucchiaio di dadini di albicocche. Procedete fino alla fine degli ingredienti e terminate ogni ciotola con uno strato di crema.

Decorate con le fettine di albicocche e riponete in frigorifero per circa 2 ore. Se volete potete prepararlo anche in una teglia rettangolare o quadrata e una volta pronto porzionarlo.

5/5 (494 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-03-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti